DOLCI DI CARNEVALE

LE CHIACCHIERE
Le chiacchiere si fanno in tutta Italia con alcune varianti e con nomi diversi a seconda delle regioni: FRAPPE, BUGIE, CHIACCHIERE etc.
Insieme a tortelli, zeppole e altre tipiche frittelle, sono dolci tipici del CARNEVALE, infatti il connubio è perfetto; oltre al gusto, sentire sfrigolare nell’olio queste prelibatezze mette allegria come il Carnevale che è fatto di scherzi, di maschere.
Le chiacchiere sono sfoglie fritte, leggere che si sciolgono in bocca, dalle forme più disparate, ricoperte di zucchero al velo.
La tradizione tipica del Carnevale non bada a spese in fatto di calorie, ma uno sgarro in questo periodo ci sta.
Per un buon fritto usare olio di alta qualità, dal sapore delicato(si consiglia olio di arachidi), la temperatura non deve essere molto elevata(può sviluppare sostanze nocive), la quantità deve essere sufficiente da coprire completamente i dolci.
L’odore meraviglioso che si sprigiona quando si frigge, mi ricorda la mia infanzia, fatta di piatti semplici e genuini, ma colmi di tanto calore e questi dolci ne fanno parte.

LA MIA RICETTA:
INGREDIENTI: 500 gr di farina, 50 gr di burro, 4 uova, 40 gr di zucchero, 1 limone, mezzo bicchiere di vino bianco, oppure liquore per dolci diluito, olio di semi di arachide per friggere, sale, zucchero al velo.
PROCEDIMENTO:
versare la farina a fontana sulla spianatoia, formare un cratere al centro, unire zucchero e un pizzico di sale, le uova sbattute, il burro ammorbidito a pezzetti, la buccia grattugiata del limone, quindi cominciare a mescolare gli ingredienti, incorporare il vino bianco oppure a scelta il liquore, lavorare l’impasto fino a quando non diventa una pasta liscia.
Formare una palla, avvolgerla nella pellicola trasparente e lasciare riposare in un luogo fresco per almeno 30 minuti.
Dividere la pasta in 3-4 pezzi, stenderli sottili con il mattarello o con la macchina per pasta ( in questo caso cominciare dalla tasca più larga, piegare all’inizio la pasta in tre e gradualmente restringere lo spessore fino ad arrivare a circa 2 mm).
Con una rotella dentellata ritagliare dei rettangoli di 10 x 6 cm, praticare un taglio al centro, in alternativa ricavare dei rettangoli più lunghi e annodarli.
Friggere le chiacchiere poco alla volta in abbondante olio bollente, girarle a metà cottura e mantenerle chiare e croccanti.
Scolare su carta assorbente da cucina, poi spolverizzare di zucchero velo.
VARIANTE:
Le chiacchiere si possono decorare con cioccolato fondente fuso.

FRITTELE DI CARNEVALE
Sono molto legata a questa ricetta, mi è stata tramandata da mia nonna, ricordo ancora con piacere quando preparava queste squisite frittele con una maestria incredibile, rimanevo incantata a guardarla per ore e da lei ho ereditato la passione per la cucina, è stata un’ottima insegnante.

INGREDIENTI:
500 gr di farina, 125 gr di zucchero, 125 gr di burro, 5 uova, mezzo bicchiere di vino bianco, un cubetto di lievito di birra, olio di semi di arachide per friggere.
PROCEDIMENTO:
Versar la farina in una ciotola capiente, formare un buco al centro, versare zucchero, uova, burro fuso, il lievito sbricilato e il vino bianco.
Amalgamare bene gli ingredienti avendo cura di far sciogliere bene il lievito e continuare ad impastare fino ad ottenere un’impasto molle, quindi coprire la ciotola e lasciare lievitare per un paio d’ore.
Far scaldare bene l’olio, con un cucchiaio formare del palline e friggerle a calore moderato, in modo che si gonfino e si dorino unifornemente.
Sgocciolarli su carta assorbente da cucina e proseguire l’operazione fino ad aver esaurito la pasta.
Spolverzzare di zucchero semolato e disporre su un piatto da portata.
Tina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *