ENO Upcycled Art Stool Contest

ENO UPCYCLED ART STOOL CONTEST
 
TEACHERS, help us encourage ENO students to create and set their own trends! This project highlights how creativity can reduce waste while bringing fun. Let’s find joy in creating. Let’s enjoy learning traditional handiworks like knitting and embroidering. Let’s have fun doing something with our hands. Let’s ALL upcycle!
 
CREATE A STOOL
 
The challenge is to create a practical small chair that can be used in your home or maybe in your classroom, school library, or a students’ corner in your school. It must be a real and functional piece of furniture.
 
MATERIALS:
 
* The stool must be constructed from old used materials.
* There is no limitation on types of materials, but the final product must contain one element connected to your cultural heritage (see below).
* Any materials needed for the stool’s construction (such as glue, string, nails, screws, or other similar materials) are allowed.
 
YOUR CULTURAL HERITAGE CAN BE SHOWN
 
in the material used to create the stool: wood, stone, wool, rattan, fabric, rugs …, or
in the objects that you incorporate in your stool, giving them a new function (instruments, furniture, pillows, beehives, umbrellas, clothes, dishes … it can be anything!), or
in the technique used for decorating your item (sewing, painting, knitting, embroidering …), or
in traditional patterns
In addition to using materials that represent your cultural heritage, you should use materials which you have in abundance. This can be practically anything you find in the waste: old newspapers, old books, pieces of wood, plastic bags, plastic bottles, etc. But don’t forget to add also an element from your cultural heritage.
 
IMPORTANT!
 
Learn to find the beauty within the material itself. Don’t transform the material into something that it is not. There is no need to make plastic look like marble and plaster look like gold. It is not! Find the beauty in the imperfection of the driftwood or a broken cup. When we learn how to love the imperfection of things, this will be the first step towards accepting and loving our own so-called imperfections.
 
The possibility of using anything doesn’t mean you have to use everything! Choose wisely.
 
You have the opportunity to present your cultural heritage. We would really like to learn from you!
 
RULES
 
Note: You should not send the object itself, but a detailed description and photos of the stool being used.
 
Dimensions: The stool is usually not bigger than 30cm x 30cm x 30 cm, but this is flexible and your stool might be different in shape and size. Adjust it to your height and your way of sitting. It must work for you.
 
Create three photos of your stool from different angles with somebody using it. Create the best interior and atmosphere that suites your stool!
 
Each submission with a maximum of three photos must be clearly identified. Data should be readable in English
 
STEP 1: REGISTER YOUR SCHOOL IN THE LINK
 
STEP 2: SUBMIT THE INFORMATION BELOW
 
Full name of author(s)
Age category
Name of the school
Full Address of the school
Country
Name of mentor/teacher
Email of the contact person
Description of the cultural heritage used
SUBMISSIONS
 
All entries must include all of the above information and three (jpeg) photo attachments, and should be sent by 31 March 2019 via email to: enoart@enoprogramme.org
 
Each school is limited to three submissions.
 
ENTRY CATEGORIES
 
6 – 15 years (Elementary schools)
15 – 19 years (Secondary schools)
Teachers
 
EVALUATION, JUDGING AND PRIZES
 
Your artwork will be judged for Best Presentation, Best Use of Material and above all, for the most ORIGINAL and the most CREATIVE idea.
Winners will be selected by an international jury, consisting of four experts, coming from different continents.
Cash prizes of 250€ will be awarded to the top project in each category!
Top five projects will get a diploma, signed by ENO and the International jury.
Every participants will receive a certificate, signed by ENO and the International jury.
All the entries will be displayed within the online gallery.
We look forward to seeing the results of your creativity and vision!
 
Darinka Orel, ENO SLOVENIA
Mika Vanhanen, ENO

In esposizione a Latina -per M’illumino di Meno- la bellissima sedia della studentessa Alessia Toschi del Liceo Artistico Statale di Latina che ha preso parte al concorso Eno Art [rif. prof. Carlo Nati]

 

La superluna del 2019

ciao

nel cielo di questa sera potrete ammirare una superluna. In allegato le foto di quanto vediamo qui da noi.

buona serata. Linda e Carlo

ciao

Oggi è il giorno della “superluna” – MARTEDÌ 19 FEBBRAIO 2019
tratto da https://www.ilpost.it/2019/02/19/superluna-oggi-come-vederla/

Oggi è il giorno della “superluna” Significa che la Luna apparirà più grande del solito: perché? E da dove viene il termine “superluna”?
La cosiddetta “superluna” si potrà vedere oggi, nuvole permettendo, a partire dall’orario in cui la Luna sorgerà in Italia: tra le 17.20 e le 18.00. Si parla di “superluna” perché la Luna apparirà un poco più grande del solito: succede perché il momento in cui si trova più vicina alla Terra nella sua orbita ellittica (perigeo) coincide con la luna piena. Il fenomeno può ripetersi più volte in un anno, ma quello di stanotte sarà l’opportunità migliore per osservarlo, nuvole permettendo. L’orbita della Luna intorno al nostro pianeta è ellittica, quindi la distanza tra i due corpi celesti varia nel corso dell’anno (se fosse perfettamente circolare, la distanza sarebbe sempre uguale, come avviene per un qualsiasi punto su una circonferenza rispetto al centro).

La differenza è comunque contenuta e non è sempre facile coglierla a occhio nudo. Fotografie e osservazioni in periodi diversi dell’anno, con punti di riferimento fissi all’orizzonte (come palazzi, ponti o montagne) possono aiutarci a notare la differenza. Il modo migliore per accorgersene è probabilmente quello di confrontare una fotografia scattata al perigeo con una scattata all’apogeo, come nell’immagine qui sotto.

La parola “superluna” fu ideata nel 1979 da Richard Nolle, un astrologo, e anche per questo motivo non è particolarmente apprezzata come termine da parte della comunità scientifica. Gli astronomi preferiscono riferirsi al fenomeno con la meno abbordabile coppia di termini “perigeo-syzygy”. Il primo indica, come abbiamo visto, il periodo in cui la Luna si trova più vicina alla Terra. Il termine “syzygy” viene invece usato per indicare l’allineamento di tre corpi celesti appartenenti a un medesimo sistema gravitazionale, ed esiste anche una variante italianizzata del termine, poco usata: “sizigia”. Viene tra le altre cose utilizzato per indicare novilunio e plenilunio, quando il Sole e la Luna sono in congiunzione o in opposizione, anche se non sono precisamente allineati con la Terra.

Si ha una congiunzione quando due corpi celesti hanno la stessa longitudine vista dal centro della Terra. La Luna è quindi in congiunzione con il Sole durante il novilunio, quando si trova tra il Sole e la Terra e rivolge a quest’ultima il suo emisfero non illuminato. L’opposizione si ha, invece, quando un corpo celeste si trova nella direzione opposta da un altro (di 180 gradi sulla sfera celeste), rispetto a un osservatore che si trova tra i due corpi.

 

Rosadigitale week 2019

Gentili dirigenti e docenti,
in qualita’ di referenti per il Lazio vi invitiamo a prendere parte alla quarta edizione de “La settimana del Rosadigitale” https://rosadigitaleweek.com/ che si svolgerà in tutta Italia e all’estero dal 4 al 17 Marzo 2019, in occasione della giornata internazionale della donna.

La manifestazione, ideata e coordinata da Rosadigitale, movimento nazionale per le pari opportunità nel settore tecnologico, nasce con il preciso intento di promuovere l’uguaglianza di genere nel campo della tecnologia e dell’informatica, così da aumentare la presenza delle donne in ambito ICT ed aumentare la spinta innovativa.

Forte dei risultati precedentemente raggiunti, Rosadigitale si avvia ad organizzare la quarta edizione per il mese di marzo 2019, concentrando il maggior numero di eventi nei giorni dal 4 al 17.

Varcando inaspettatamente anche i confini italiani, sono stati ben 1070 gli eventi totalizzati nella scorsa edizione. Si sono infatti registrati eventi in Turchia, in Serbia, in Bulgaria e in Spagna. Rosadigitale ha raggiunto perfino gli USA inserendo tra i suoi appuntamenti formativi digitali l’intervista a Lynn Johnson, considerata l’avanguardista del fotogiornalismo al femminile.

Sempre guidata dal motto del movimento “The conquest is information” anche la quarta edizione si esplicherà da un lato in un’azione costante di sensibilizzazione verso la tematica della disuguaglianza di genere e dall’altro in eventi, definiti petali, di natura divulgativa, sia in presenza che on line, concernenti prevalentemente il settore informatico e tecnologico.

Si potrà partecipare in modo attivo con l’organizzazione dei petali o semplicemente prendendo parte agli eventi proposti in cartellone. Per qualsiasi informazione si potrà fare riferimento ai referenti e collaboratori di Rosadigitale presenti nelle varie regioni d’Italia o tramite il sito internet rosadigitaleweek.com

L’auspicio è che vada consolidandosi una rete di operatori che mettano a disposizione le proprie competenze nel tentativo di contrastare e abbattere i pregiudizi e gli stereotipi legati al binomio professioni-genere e che l’azione raggiunga il maggior numero di persone disposte a divulgare la filosofia di Rosadigitale come fosse una pioggia di petali perpetua.

Grazie per la collaborazione i referenti per il LAZIO:
Referente femminile: Linda Giannini
Referente maschile: Daniele Angeloni

ROSADIGITALE, MOVIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ NELL’AMBITO DELLA TECNOLOGIA E DELL’INFORMATICA UNA COMUNITÀ DI DONNE, UOMINI, RAGAZZI E RAGAZZE CHE SI IMPEGNA NELL’ABBATTERE LA DISUGUAGLIANZA DI GENERE http://rosadigitale.it/it/https://rosadigitaleweek.com/ – i referenti italiani https://rosadigitaleweek.com/referenti/

La guida per inserire gli eventi nella mappa: http://rosadigitale.it/it/settimana-del-rosadigitale-registra-il-tuo-evento-nel-sito-e-semplice/

I petali dovranno trattare di pari opportunita’ di genere nella tecnologia e nelle STEM e potranno riguardare ogni ambito tecnologico e scientifico.

Ecco alcune idee per i petali da prendere come spunto e da suggerire:

I MATERIALI
https://rosadigitaleweek.com/materiali/

su Education 2.0 Rosadigitale per noi – di Linda Giannini

La manifestazione per le pari opportunità di genere nelle tecnologie.

Rosadigitale, nata nel marzo 2016 grazie a Sara Broi, fondatrice e presidente dell’omonimo movimento Rosadigitale, è una manifestazione senza scopo di lucro per le pari opportunità di genere nelle tecnologie ed  ha lo scopo di abbattere le disuguaglianze tra uomo e donna. Questo il suo motto: “The conquest is information”.

Ricordo che conobbi Rosadigitale in occasione della sua prima edizione, mediante una mail che mi invitata a diventarne rappresentante femminile per la regione Lazio,  ruolo che accettai con entusiasmo e che continuo a ricoprire ancora oggi, alla sua quarta edizione, condividendolo con il referente maschile Daniele Angeloni.

Questi i compiti ricoperti da ciascuno dei referenti regionali:

  • pubblicizzare l’iniziativa con social network, testate giornalistiche, blog, radio o tv;
  • supportare e guidare chiunque voglia svolgere un evento nella nostra regione;
  • contattare associazioni, gruppi, persone, aziende tecnologiche e istituti scolastici di ogni ordine e grado che possano svolgere degli eventi-petali nel Lazio;
  • creare eventi-petali, articoli, video, materiali o immagini riguardanti l’iniziativa.

A questo proposito ricordo che nel 2019 Rosadigitale potrà essere organizzata dal 4 al 17 Marzo ma non si limiterà a questo periodo in quanto nella mappa degli eventi-petali, sarà incluso quanto si svolgerà dal 1° al 31 Marzo 2019, purché segnalato dagli autori nell’apposita sezione del portale Rosadigitale dedicata alla registrazione degli eventi-petali.

A titolo esemplificativo istituzioni scolastiche, università, genitori, nonni, imprenditori, fondazioni, aziende di ogni settore tecnologico, organizzazioni, enti o singole persone potranno realizzare -gratuitamente o a pagamento- progetti, conferenze, talk, seminari, laboratori online e/o dal vivo e scegliere liberamente a che fascia di età rivolgerli: bambini e bambine, ragazzi e ragazze, donne e uomini, anziani e anziane.

Gli eventi-petali avranno l’obiettivo di sensibilizzare le persone alle pari opportunità nella tecnologia; potranno ricordare storie ed esempi di donne che hanno fatto la storia nel mondo della tecnologia e/o che tuttora contribuiscono attivamente rendendo la società più innovativa; potranno coinvolgere ogni settore tecnologico: programmazione, robotica, elettronica, web design, web marketing, coding, realtà aumentata, fotografia digitale…

Linda Giannini su Linkedin

Proposte per AMALATINA 2

Carissime/i,
non potro’ essere presente all’evento ma, nel caso possa essere utile, lascio qui alcune mie proposte http://www.descrittiva.it/calip/1819/PrimeIdeeAmbiente.pdf Il mio contributo non vuole essere una critica a quanto già viene fatto per la nostra città ma è da intendersi solo come una raccolta di idee di quanto potrebbe essere messo in atto in futuro. Linda Giannini

n.b. La proposta è stata presentata agli intervenuti da Rita Silano membro del consiglio direttivo dell’associazione Forum Pontino

 

Pagina sul Giorno/ Ospedale San Carlo Milano

Cari Colleghi,
ecco il recente articolo apparso su un quotidiano di Milano, dove e’ descritta la missione della nostra scuola in ospedale dell’IC Manara.
Buona lettura e buon lavoro a tutti.
Debora e Alessandra

[l’articolo completo in pdf]

CORSO scuola in Ospedale S.Carlo di Milano

CORSO: “I disturbi alimentari tra ospedale e territorio: un dialogo possibile”

Gentili Colleghi,
vi informo in merito a un interessante corso che si terra’ presso l’ospedale San Paolo (associato al nostro) aperto anche agli insegnanti, poiche’ realizzato in collaborazione tra scuola e ospedale.
“I disturbi alimentari tra ospedale e territorio: un dialogo possibile si svolge in 4 date, 15/02 – 5/04 – 27/09 – 15/11, come da brochure allegata, e da’ diritto a crediti ECM.
Per iscriversi occorre inviare la richiesta a:
Formazione@nutrimente.org <mailto:Formazione@nutrimente.org>

Buona serata, Alessandra

[la locandina in pdf]

Buon capodanno cinese 2019

Auguri a tutti i miei amici e alle mie amiche che in questi giorni festeggiano il capodanno cinese. 新的一年2019年 Linda

L'immagine può contenere: Linda Isabella Lidia Giannini, in piedi

L'immagine può contenere: Linda Isabella Lidia Giannini, con sorriso

CAPODANNO CINESE 2019 – Martedì 5 febbraio 2019 si festeggia il Capodanno cinese 2019, conosciuto anche come Festa di Primavera o capodanno lunare. Si tratta della festa tradizionale più importante dell’anno in Cina ed è paragonabile alle festività natalizie dei paesi occidentali.

Giorni in cui le famiglie cinesi si riuniscono per il loro “cenone”, fanno offerte per le divinità e per gli antenati, pregano Buddha e puliscono la casa dallo sporco dell’anno passato per fare posto alla felicità e alla buona sorte che arriveranno con il nuovo anno.

(rif https://www.tpi.it/2019/02/16/capodanno-cinese-2019/)