eTwinning e le stagioni: la marmellata [scuola in ospedale Niguarda di Milano]

Cara Linda e cari amici,a proposito di Autunno…. ecco la preparazione della marmellata di melograni fatta con alcuni bambini presenti in reparto: Alice, Fabio, Giada, Irene, Michelle e Nathan.
Eugenia

Ingredienti

– 7/8 melograni
– q.b. zucchero
– 2 mele da usare come addensante
– 5/6 barattoli di vetro

Difficoltà di preparazione: bassa
Tempo di preparazione: 45 minuti

Preparazione:

Preferite per la vostra confettura dei melograni maturi perché più teneri e saporiti; per aprirli basta fare un’incisione con un coltello sulla scorza lungo tutto il frutto. 
Prendete un recipiente capiente e sgranate i melograni, facendo attenzione ad eliminare tutte le parti gialle e le bucce intorno ai chicchi, che potrebbero rendere amara la vostra marmellata. 
Passate i chicchi con un passaverdure, o uno schiacciapatate. 
Filtrate il liquido con un colino da farina in modo da avere solo il succo. 
Alla fine di ciò, pesate il succo che dovrebbe essere circa di 1kg e versatelo in una pentola di acciaio antiaderente dal fondo spesso e dal bordo alto ed unite una quantità di zucchero pari al peso del vostro succo. 
Se desiderata un prodotto meno dolce riducete la quantità anche della metà. 
Per evitare di utilizzare addensanti chimici usate la pectina naturale gentilmente offerta dalle mele, che dovrete tagliare a tocchetti piccoli ed introdurli nella casseruola. 
Portate a bollitura il tutto per 30 minuti lasciando cuocere a fuoco vivace. Siate attente e mescolate spesso con un mestolo di legno per evitare che la marmellata si attacchi sul fondo.
Quando sentite che la marmellata fa rumore, perché è in stato di bollitura, questo significa che è pronta. 
Prendete i barattoli di vetro che si possono facilmente reperire in un negozio di casalinghi o potete sfruttare i vasetti dei legumi per risparmiare. 
Per sterilizzarli immergeteli in un pentolone di acqua e lasciarli sul fuoco per 20 minuti. 
Riempire i vasetti della marmellata ancora calda lasciando 1 cm libero dal bordo del vaso, e mettete il coperchio ermetico. 
A questo punto capovolgeteli per 5 minuti in modo che la marmellata ancora bollente impregni l’interno del coperchio e si generi un ambiente di sottovuoto che permetterà di mantenerli a lungo. 
Lasciate raffreddare e metteteci un’etichetta il nome della marmellata ed il giorno in cui l’avete confezionata. 
Riponete i barattoli in un luogo fresco, asciutto e lontano dal sole. Una volta aperta, va conservata in frigorifero e consumata entro 6-7 settimane.

1 pensiero su “eTwinning e le stagioni: la marmellata [scuola in ospedale Niguarda di Milano]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *