Open day IC don Milani di Latina

OPEN DAY
Istituto Comprensivo don Milani di Latina 
 
scuola dell’infanzia – scuola primaria- scuola sec. di primo grado
in data 
31 gennaio 2013

Mostra di cartelloni lungo le pareti
dei plessi di Via Cilea e di Via Cimarosa

Programma

Orario 9.30 – 10.30

Le famiglie che intendono iscrivere i propri figli al primo anno di scuola dell’infanzia avranno la possibilita’ di visitare

  • il plesso di Via Cilea (rivolgendosi alla coordinatrice di plesso Linda Giannini)
  • il plesso di Via Cimarosa (rivolgendosi alla coordinatrice di plesso Sabrina Sagnelli)

I collaboratori scolastici vigileranno sulla sicurezza dei Plessi controllando che le persone in visita siano effettivamente quelle che devono procedere alla prima iscrizione.

Orario 10.30 – 11.30

Bambine/i docenti e genitori

  • delle sez. B di Via Cilea (ins. Giannini – Macor – Palumbo)
  • della sez. A di Via Cimarosa (ins. De Massimi – Viola)
  • della sez. C di Via Cimarosa (ins. Corrado – Di Fusco)

dell’infanzia avranno la possibilita’ di visitare le classi V di scuola primaria.

Docenti ed alunne/i delle classi V di scuola primaria presenteranno alcune attivita’ mediante la LIM; leggeranno le storie di Pinocchio 2.0; faranno vedere on line l’eBook Alice nel paese delle meraviglie.

Infine verranno donati a bambine/i cinquenni i gadget realizzati da alunne/i della scuola primaria

PAUSA PRANZO

Orario 15,00– 16.00

Docenti della scuola primaria, la referente dell’UFF. VII del MIUR e genitori incontreranno ragazze/i e docenti della scuola secondaria di primo grado e con loro faranno una visita guidata indicativamente ai seguenti spazi espositivi:

I genitori avranno inoltre la possibilita’ di avere un breve colloquio con i docenti che il prossimo anno scolastico inizieranno i nuovi cicli.

Orario 16,15 – 18.00 incontro nel teatro della scuola

partecipanti:

  • bambine/i della scuola dell’infanzia, primaria – ragazze/i della scuola secondaria di primo grado
  • famiglie degli alunni che gia’ frequentano il nostro istituto e quelli che intendono iscrivere da noi i propri figli
  • studenti che si sono diplomati nel nostro istituto
  • DS, Dsga, docenti, ATA e la referente dell’UFF. VII del MIUR
  • Assessore Sovrani; esponenti de’ I Quartieri connessi; ……..
  • Rappresentanti della stampa

Programma:

  • saluti iniziali
  • breve prestazione della scuola, del pof e consegna del materiale informativo
  • proiezione di alcune attestazioni ricevute dall’istituto:
    – Certificazione Ket di inglese
    – eBook Alice nel paese delle meraviglie
    – European Robotics Week
    – Logo Parlo la tua lingua
    – Giochi matematici della Bocconi
    – premio Gaber
    Premio Presidente della Repubblica al progetto eTwinning Pinocchio 2.0
    • interverranno per  “Pinocchio 2.0” un gruppo di studenti del laboratorio di robotica delle classi III A e III C di scuola secondaria
    • ritireranno le attestazioni per “Parlo la tua lingua” le alunne Prashila Colella (scuola dell’infanzia), Giorgia Bello (scuola primaria), Alessia Di Raimo (scuola secondaria di primo grado)
  • presentazione della eventuale classe ad indirizzo musicale
  • conclusione e saluti


[il programma] – [la locandina] -[gli inviti] – [gli stand]

http://www.kizoa.it/slideshow/d3990258k3620292o1/open-day-2013

 

Open day IC don Milani di Latina

La presentazione proiettata durante l’incontro in plenaria
http://www.descrittiva.it/calip/1213/PRESENTAZIONE-OPEN-DAY.pdf

I disegni che hanno preso parte al concorso “Parlo la tua lingua”

http://www.kizoa.it/slideshow/d4033910k2005370o1/open-day-2013—presentazione

 

I Care di Aleandro Baldi

I Care di Aleandro Baldi

Cari ragazzi sono qui, sono tornato,
chiamate tutti gli altri, suonate la campana,
oggi riapre la scuola di un povero curato,
un certo Don Milani mandato qui a Barbiana.
Anche se col tempo voi siete un po’ cambiati
ed i miei occhi non son più quelli di allora
e se le vostre ginocchia non sono più sbucciate,
stonati canteremo quella canzone ancora
I care, I care,
c’è bisogno che io abbia cura di te,
you care, you care,
c’è bisogno che tu abbia cura di me,
I care, I care
è solo un modo per dire che d’ amore ce n’è
un bisogno più forte, il più forte che c’è,
I care, I care, I care.
Apriamo quella porta, risistemiamo i banchi,
spolveriamo i quaderni, rileggiamo gli appunti,
forza miei giovani studenti dai capelli bianchi,
perché quello che conta è non darsi mai per vinti.
Il mondo è un po’ più ricco, la vita è sempre dura
e in questa catapecchia attaccata al monte Giovi
c’è ancora la canzone della nostra bocciatura
che insieme cantavamo per non sentirci soli
I care, I care,
c’è bisogno che io abbia cura di te,
you care, you care,
c’è bisogno che tu abbia cura di me,
I care, I care
e solo un modo per dire che d’ amore ce n’è
un bisogno più forte, il più forte che c’è,
I care, I care, I care.
Qui dove sono adesso non è così lontano,
non fosse per il fatto che mi mancate tanto,
Dio, pur di star con voi rinuncerei anche al perdono
e Dio lo capirebbe, di questo son convinto,
parola mia d’amore parola mia Lorenzo.
I care, i care,
c’è bisogno che io abbia cura di te,
you care, you care,
c’è bisogno che tu abbia cura di me,
ragazzi sono qui, sono tornato,
ma lo sapete bene che non sono mai partito
che non sono mai partito
I care I care, I care,
c’è bisogno che io abbia cura di te,
you care, you care,
c’è bisogno che tu abbia cura di me,
I care, I care, c’è bisogno che io abbia cura di te

http://www.youtube.com/watch?v=ZpfYvu1uDJM

Il tema “La Shoah” su Education 2.0

La Shoah
di Martina Di Perna, studentessa dell’IC don Milani di Latina

http://www.educationduepuntozero.it/community/shoah-4061528001.shtml

Adesso tocca a me, alle mie riflessioni. Io non trovo ancora le parole per esprimere tutto quello che provo. Mi vengono in mente quei tetri campi di concentramento; all’ingresso di Auschwitz c’era scritto “Il lavoro rende liberi”. Poi rivedo schiere di uomini e donne ridotti a scheletri nudi, spogliati dei loro vestiti e della loro dignità. Persone messe in fila, numeri tatuati sulla pelle come fanno alle bestie.

Grazie Linda!

La memoria storica ci fa difetto quando non siamo noi coinvolti in prima persona. Occorre invece essere sempre coscienti di quanto avvenuto per non ripetere piu’ gli stessi (o simili) errori. Ricordo che in un cinema vicino alla zona “Foce” di Genova una scritta diceva: “LA STORIA E’ QUELLA LEZIONE CHE L’UOMO NON IMPARA (o RICORDA) MAI ABBASTANZA”. Spero di aver citato correttamente, perche’ e’ tanto tempo che non passo da quelle parti di giorno e non getto lo sguardo verso quell’edificio (che cinema non e’ piu’).

Un abbraccio, Bruno (Genova)

Il negozio [scuola infanzia Latina]

Uno dei giochi preferiti da bambine/i della nostra classe e.. il negozio: comprano, vendono, fanno i conti, rimettono in ordine le scatole negli appositi contenitori e distinguono le monete dalle banconote.

Ecco la descrizione delle attivita’ attraverso alcuni disegni.

http://www.kizoa.it/slideshow/d3979901k4912058o1/il-negozio

eBook Il Piccolo Principe … in continuità …. [ IC don Milani Latina]

LE FOTO RICORDO DELL’INCONTRO DEL 28 MAGGIO 2013

http://www.kizoa.it/slideshow/d4632565k7348472o1/piccolo-principe-incontro

PROGRAMMA
continuita’ scuola dell’infanzia – scuola primaria

Evento: Il piccolo principe, una occasione per stare insieme

Luogo: le due classi quinte sez. A-B

Giorno: martedi’ 28 maggio 2013

Orario: dalle 9.30 alle 11.30

Classi coinvolte:
– quinta A-B di scuola primaria
– sez. B di scuola dell’infanzia di Via Cilea (bam. di 4 e 5 anni)

Ingresso aperto anche alle sezioni dei bambini di 4 e 5 anni di Via Cimarosa, previo accordi con le docenti Giannini, Sagnelli, Spirito e Veronesi

GIOCO DEGLI INDOVINELLI [carte di Dell’ Aversana Luigi]
5 A – alunni tutor: Chittano Thomas – D’Alessandro Angelo Pio – Tolfa Alessandro
5 B – alunni tutor: Ponziani Matteo – Ponzio Leonardo

PUZZLE
5 A – alunni tutor: Chianta Lorenzo – Di Antonio Serena – Tomei Samuel
5 B – alunni tutor: Femiano Cristian – Pezzuolo Nicolas Raul – Zorzetto Lorenzo

GIOCO DEI PERSONAGGI
5 A – alunni tutor: Angelino Alessio – Cerci Lavinia – Vitiello Flavio
5 B – alunni tutor: Falso Giorgia – Polese Davide – Porcelli Carlofrancesco

GIOCO DEI RACCOGLITORI DI STELLE
5 A – alunni tutor: Loreti Umberto – Pacini Antonio – Paone Federico – Petitti Daniele
5 B – alunni tutor: Colarossi Eleonora – Orsini Matteo – Perfetti Rebecca

IL RE NON E’ IN CASA
5 A – alunni tutor: Colangeli Lorenzo – Contestabile Gaia – Ionescu Stefano
5 B – alunni tutor: D’ Arienzo Eleonora – Schievano Francesco – Spagnoli Stefano

IL GIOCO DELLE AZIONI
5 A – alunni tutor: Carbone Andrea – Iaione Pietro – Marini Edoardo
5 B – alunni tutor: Damiano Giovanna – Incollingo Angelica – Moumni Abdennour
Fasolilli Gabriele – Ji Silvia

eBook Il Piccolo Principe … in itinere …. [ IC don Milani Latina]

Con le maestre e bambine/i delle classi 5^ A e 5^ B della scuola primaria, l’assistente Mauro e Raffaella e’ stato realizzato un eBook: Il Piccolo Principe.

Ecco che condivido con voi i materiali che costituiscono la sorpresa finale

Primo Libro
http://www.raffaellabilotta.it/ebook_piccolo_principe/index.html

Secondo Libro
http://www.raffaellabilotta.it/ebook_piccolo_principe/ebook2/index2.html

eBook realizzato da Linda Giannini
http://www.youblisher.com/p/623707-Il-Piccolo-Principe/

Buona visione, Linda 

Gentile  maestra Linda,
questa mattina in classe abbiamo visto il nostro materiale che ha pubblicato e siamo rimasti molto contenti. Vorremmo decidere noi il disegno da utilizzare per la copertina e stiamo anche pensando di inserire dei giochi interattivi a conclusione di ogni capitolo. Le faremo  avere  al piu’ presto gli audio dei titoli e  dei successivi capitoli . Grazie per la collaborazione sia a lei che a Raffaella

[ Il Piccolo Principe su Greta blu ]

Ho ufficialmente terminato l’e-book multimediale del “Piccolo Principe” … per i nostri piccoli principi dell’Istituto Comprensivo “Don Milani” di Latina … 
Ciao Linda, i bambini hanno letto l’e-mail di Raffaella e, presi dall’entusiasmo, hanno pensato di realizzare una scatolina dipinta da loro nella quale poter conservare ognuno il proprio cd contenente l’e-book. Restiamo tutti in attesa di vedere il lavoro terminato . Un grazie a Raffaella da parte degli alunni.
A domani, Loredana

Gentile maestra Linda, abbiamo scritto una lettera per Raffaella.
La puoi gentilmente inviare ?

Il Piccolo Principe: capitolo 01 [ IC don Milani Latina]

Primi disegni

 Ascolta il primo capitolo

Quando avevo sei anni, mentre leggevo un libro sulle foreste, vidi raffigurato un serpente boa che ingoiava un animale.

C’ era scritto:
-I boa ingoiano la loro preda tutta intera, senza masticarla. Dopo di che non riescono più a muoversi e dormono durante i sei mesi che la digestione richiede.
Meditai a lungo e feci il mio primo disegno.
Mostrai il disegno ai grandi, chiedendo loro se li spaventava , ma rispondevano:
-Spaventare? Perché mai uno deve essere spaventato da un cappello?
Il mio disegno non era un cappello, ma era un boa che digeriva un elefante, quindi feci un secondo disegno.
Bisogna sempre spiegarle le cose ai grandi. Quando lo mostravo agli adulti, questi mi rispondevano:
– Lascia perdere il disegno e comincia a studiare la geografia, la storia, la grammatica e l’ aritmetica.
Fu così che rinunciai a disegnare e scelsi un’ altra professione, cioè pilotare gli aeroplani.
Ho volato su quasi tutto il mondo, ma quando facevo vedere il mio disegno, tutte le persone mi rispondevano sempre:
– È un cappello.
E allora parlavo di golf, bridge, politica e cravatte e quelle persone erano contente di avere incontrato un uomo tanto sensibile.

Il Piccolo Principe: capitolo 02 [ IC don Milani Latina]

Un incontro inaspettato

 Ascolta il secondo capitolo

Così ho trascorso la mia vita in modo solitario fino a sei anni fa quando feci, con il mio aeroplano, un incidente nel deserto del Sahara.

Si era rotto il motore e, dato che ero da solo, iniziai subito a riparare il guasto. Avevo acqua solo per una settimana.
Ero isolato come un marinaio in mezzo all’oceano su una zattera. Immaginate il mio stupore quando fui svegliato da una vocetta:
¬¬- Mi disegni una pecora ?
– Cosa ?
– Disegnami una pecora.
Balzai in piedi, mi strofinai gli occhi guardandomi intorno.
Vidi una personcina che mi esaminava con serietà.
In seguito feci il suo ritratto, ma il disegno non riuscì molto bene. La colpa non era mia. Con lo scoraggiamento che ebbi dai grandi quando avevo sei anni, non ho mai imparato a disegnare altro che serpenti boa dal di dentro o dal di fuori.
Rimasi stupito per quella improvvisa apparizione. Mi trovavo a mille miglia da qualunque abitazione, eppure il mio ometto non sembrava smarrito, né tramortito, né spaventato. Quando finalmente mi ripresi e potei parlare, gli domandai:
– Ma che cosa ci fai qui?
Egli però ripeté come se si trattasse di una cosa molto importante:
-Per piacere, disegnami una pecora …
Allora presi carta e penna stilografica, ma poi mi ricordai di aver studiato in particolare la geografia, la storia, l’aritmetica e la grammatica per cui gli dissi :
-Non so disegnare.
-Non importa. Disegnami una pecora…
Non avevo mai disegnato una pecora, allora feci l’unico disegno che sapevo fare: quello del boa dal di fuori.
Fui sorpreso di sentirmi rispondere:
-No, no, no! Non voglio l’elefante dentro al boa. Disegnami una pecora.
Feci il disegno. Lo guardò attentamente e poi disse:
-No questa pecora è malaticcia. Fammene un’ altra.
Allora feci un altro disegno. Il mio amico mi sorrise:
-Non è una pecora, è un ariete.
Rifeci il disegno, ma fu rifiutato di nuovo.
– Questa è troppo vecchia.
Questa volta la mia pazienza era esaurita. Feci un quarto disegno, dicendo:
– La pecora che volevi sta dentro questa cassetta.
Fui molto sorpreso di vederlo soddisfatto.
– Questa pecora avrà bisogno di tanta erba?
-Perché?
-Perché dove vivo io, tutto è piccolo…..
-Certamente ci sarà abbastanza erba per lei, la pecora è molto piccola.
In questo modo feci amicizia con il piccolo principe.

Il Piccolo Principe: capitolo 03 [ IC don Milani Latina]

Uno strano ometto

 Ascolta il terzo capitolo

Ci misi molto tempo a capire da dove venisse. Il piccolo principe mi riempiva di domande, ma non rispondeva mai alle mie. Comunque le sue domande a poco a poco mi avevano rivelato tutto di lui.

Quando vide il mio aeroplano disse:
– Che cos’è questa cosa?
– Non è una cosa! E’ un aeroplano, è il mio aeroplano.
Ero fiero di fargli sapere che volavo.
Allora urlò:
– Sei caduto dal cielo!
– Sì.
– Ah questa è buffa….
E il piccolo principe scoppiò a ridere. E riprese:
– Allora anche tu vieni dal cielo! Di quale pianeta sei?
E lo interrogai bruscamente.
– Allora vieni da un altro pianeta?
Lui non mi rispose. Girò la testa verso l’aeroplano.
– Su quello non puoi venire da molto lontano!
Si mise a pensare a lungo. Dalla tasca tirò fuori la pecora e si mise a pensare.
– Da dove vieni ometto? Dov’è la tua casa? Dove vuoi portare la mia pecora?
Rispose con un silenzio.
– La cassetta che mi hai dato le servirà da casa per la notte.
– Se sei buono ti do una corda e il paletto per legare la pecora di giorno.
– Legarla? Che buffa idea!
– Se non la leghi si perderà!
Il mio amico si mise a ridere:
– Ma dove vuoi che vada!
– Dappertutto!
Mi rispose il piccolo principe:
– Ma è talmente piccolo da me! Dritto davanti a sé non può andare molto lontano……

Il Piccolo Principe: capitolo 04 [ IC don Milani Latina]

L’asteroide B 612

 Ascolta il quarto capitolo

Avevo capito che il suo pianeta era poco più grande di una casa. Sapevo che esistevano pianeti molto grandi a cui si è dato un nome e altri molto piccoli a cui si è dato un numero. Credo che il piccolo principe venisse dall’asteroide B 612 che è stato visto solo una volta al telescopio da un astronomo turco che però, al Congresso Internazionale di Astronomia, non fu preso sul serio a causa del costume. Per questo motivo un dittatore turco obbligò il suo popolo ad indossare dei vestiti europei. Lo stesso astronomo nel 1920 rifece la sua dimostrazione sull’avvistamento dell’ asteroide e questa volta tutti lo applaudirono.

I grandi amano le cifre. Infatti se parlate di un amico ai genitori, questi vi chiederanno :
– Quanti fratelli ha? Quanto guadagna suo padre? Quanti anni ha? Quanto pesa?
Così come se io spiego agli adulti:
– Ho visto una bella casa di mattoni rosa con dei fiori sui balconi. Loro non riescono ad immaginarla.
Ma se dico:
– Costa molti soldi.
Allora capiscono che è bella.
La prova che il piccolo principe esiste sta nel fatto che era bellissimo, che rideva e che voleva una pecora. Quando una persona desidera qualcosa, vuol dire che esiste. Ma gli adulti non si convincono.
Se voi dite invece:
– Il pianeta da cui viene è l’asteroide B 612.
Allora vi ascolteranno.
Gli adulti sono così, bisogna essere indulgenti con loro. I bambini se ne infischiano dei numeri.
Sono sei anni che il mio amico se ne è andato, per ricordarlo cerco di disegnarlo. Ho comprato dei colori, non è semplice riprendere a disegnare dopo tanti anni. Ora è difficile fare dei ritratti molto somiglianti, non so se ci riuscirò, ma ci provo e ci riprovo.

Il Piccolo Principe: capitolo 05 [ IC don Milani Latina]

La minaccia dei baobab

 Ascolta il quinto capitolo

Ogni giorno venivo a conoscere dei particolari sulla vita del piccolo principe. Il terzo giorno mi raccontò della tragedia dei baobab.

Anche questa volta mi interrogò su un grave dubbio:
– È proprio vero che le pecore mangiano gli arbusti?
– Sì, è vero.
– Oh, sono contento.
Non capivo perché gli interessasse così tanto, però lui continuò:
– Allora mangiano anche i baobab?
Feci capire al piccolo principe che i baobab non sono arbusti , ma alberi molto grandi. Poi osservò attentamente:
– I baobab prima di essere grandi cominciano con l’essere piccoli.
– È esatto! Ma perché vuoi che le tue pecore mangino i piccoli baobab?
– Si capisce!
Mi rispose come se si trattasse di una cosa evidente.
Dopo un po’ capii quale fosse il problema. Mi raccontò che sul suo pianeta c’ erano erbe buone ed erbe cattive.
-Se si tratta di un ramoscello inoffensivo si lascia germogliare, mentre se è un ramoscello cattivo lo si deve estirpare. Se un baobab non si elimina subito, ingombra tutto il pianeta e lo trapassa con le sue radici, fino a farlo esplodere.
Il piccolo principe raccontò di un essere pigro che aveva trascurato alcuni arbusti.

Quindi suggerisce:

NON RIMANDARE A DOMANI
CIO’
CHE PUOI FARE OGGI

Il Piccolo Principe: capitolo 06 [ IC don Milani Latina]

Il tramonto, una dolce consolazione

 Ascolta il sesto capitolo

A poco a poco ho capito la vita malinconica del piccolo principe. Per molto tempo l’unica sua distrazione era stata la dolcezza dei tramonti.
Al mattino del quarto giorno mi disse:
-Mi piacciono tanto i tramonti. Andiamo a vederne uno.
-Ma bisogna aspettare…..
-Aspettare che cosa?
-Che il sole tramonti….
-Penso sempre di essere a casa mia! Sul mio piccolo pianeta basta spostare la sedia di qualche passo per poter guardare il crepuscolo ogni volta che vuoi. Una volta l’ho visto quarantatré volte! Ero molto triste quel giorno.

Il Piccolo Principe: capitolo 07 [ IC don Milani Latina]

Un tesoro da proteggere

 Ascolta il settimo capitolo

Il quinto giorno scoprii un altro particolare della vita del piccolo principe.
Mi domandò:
– Una pecora se mangia gli arbusti, si ciba anche di fiori?
– Una pecora si sfama con tutto ciò che trova.
– Pure i fiori con le spine?
– Anche quelli con le spine.
– Allora a che cosa servono le spine?
Ma in quel momento ero occupato a cercare di svitare un bullone troppo stretto dal mio motore.
– Ehi! A cosa servono le spine?
Il piccolo principe non rinunciava mai a una domanda.
Irritato risposi:
– Le spine non servono a niente, i fiori ce l’hanno perché sono cattivi!
– Non ti credo !! I fiori sono deboli e ingenui ….
-Ma dai !! Ho dato una risposta a caso. Mi occupo di cose serie io!
– Tu parli come i grandi !
Era irritatissimo e muoveva al vento i suoi biondi capelli.
– Io conosco un pianeta su cui vive un signore di nome Chermisi che non ha mai odorato un fiore, non ha mai osservato una stella, non ha mai amato nessuno e ripeteva continuamente “Io sono un uomo serio!” Ma non è un uomo … è un fungo!!!
– Cosa?
– Un fungo!
Il piccolo principe era bianco di collera. Poi continuò:
– Io conosco un fiore unico al mondo che non esiste da nessuna parte e so che una pecora può distruggerlo di colpo, così un mattino senza rendersi conto di quello che fa … non è importante questo? Se qualcuno ama un fiore unico esemplare, basta questo a renderlo felice quando lo guarda. Ma se la pecora mangia il fiore, è come se per lui improvvisamente le stelle si spegnessero!
Si interruppe e scoppiò a piangere.
In quel momento non pensai più al martello, al mio bullone, alla sete e alla morte, perché sul mio pianeta Terra c’era un piccolo principe da consolare.
Lo presi tra le braccia e lo cullai dicendo:
– Il fiore che tu adori non è in pericolo…. Disegnerò una museruola per la tua pecora e una corazza per il tuo fiore.

 

 

Il Piccolo Principe: capitolo 08 [ IC don Milani Latina]

Un fiore speciale

 Ascolta l’ottavo capitolo

Imparai ben presto a  conoscere meglio questo fiore.

C’erano sempre stati sul pianeta del piccolo principe fiori molto semplici che al mattino apparivano tra l’erba e la sera si spegnevano. Ma questo invece, nato da un seme venuto chissà da dove, aveva fatto spuntare un ramoscello che non assomigliava a nessun altro. Il piccolo principe temeva fosse una strana specie di baobab. L’arbusto però cessò ben presto di crescere e cominciò a germogliare.
Il fiore stava preparando con cura i suoi colori, si vestiva lentamente, aggiustava i suoi petali ad uno ad uno. Non voleva uscire sgualcito come un papavero.
Voleva apparire nel pieno splendore della sua bellezza.
Eh sì, questo fiore era piuttosto vanitoso.
Dopo diversi giorni, all’alba, si mostrò e disse:
– Oh! Mi sveglio ora.
Il piccolo principe non riuscì a frenare la sua ammirazione.
– Come sei bello!
– Vero! E sono nato insieme al sole.
Il piccolo principe capì che il fiore non era molto modesto.
Il fiore aggiunse:
– Credo che sia l’ora del caffè e latte. Vorresti pensare a me?
Il piccolo principe prese un innaffiatoio di acqua fresca e gli servì la colazione.
Ben presto cominciò a tormentarlo con la sua vanità.
Un giorno il fiore gli disse:
– Ho orrore delle correnti d’aria…non avresti per caso un paravento?
– Come sei complicato!
– Alla sera mi metterai al riparo sotto una campana di vetro. Fa molto freddo qui da te rispetto al luogo da cui provengo io!
Era venuto sottoforma di seme. Non poteva conoscere altri mondi, quindi , umiliato di essersi fatto scoprire a dire una bugia, aveva tossito due o tre volte.
Il piccolo principe nonostante la buona volontà del suo amore, cominciò a dubitare di lui.
Poi mi confidò:
– Non avrei dovuto dare troppa importanza a certe cose. I fiori basta respirarli e guardarli. Il mio mi profumava e mi illuminava.
Non ho saputo capire niente! Avrei dovuto giudicarlo dagli atti e non dalle parole.
Non avrei dovuto venirmene via!
Ma ero troppo giovane per saperlo amare.

  

Il Piccolo Principe: capitolo 09 [ IC don Milani Latina]

L’ultimo saluto

 Ascolta il nono capitolo

Il giorno della partenza mise in ordine il pianeta, spazzò il camino dei vulcani in attività che erano molto comodi per scaldare la colazione e spazzò anche il camino del vulcano spento.
Il piccolo principe strappò con tristezza l’ultimo germoglio dei baobab. Credeva di non tornare più.
Ma tutti quei lavori consueti sembravano quel mattino particolarmente dolci.
Poi quasi piangendo innaffiò per l’ultima volta il suo fiore e si preparò per metterlo al riparo sotto la campana di vetro.
– Addio – disse al fiore.
Ma il fiore non rispose.
Il fiore tossì, ma non era raffreddato.
Poi disse:
– Sono stato uno sciocco, scusami e cerca di essere felice.
Il piccolo principe si sorprese dalla mancanza di rimproveri.
Il fiore aggiunse:
– Ma sì, ti voglio bene, e tu non l’hai saputo per colpa mia. Ma non ha importanza, sei stato sciocco come me. La campana di vetro non la voglio più.
– Ma il vento?
– Non sono raffreddato, sono un fiore e posso sopportare il freddo. Hai deciso di partire e allora vattene.
Essendo un fiore orgoglioso, non voleva farsi vedere piangere.

Il Piccolo Principe: capitolo 10 [ IC don Milani Latina]

Un re senza sudditi

 Ascolta il decimo capitolo

Il piccolo principe si trovava in una regione di asteroidi e decise di visitarli per istruirsi e trovare un’ occupazione.
Il primo asteroide era abitato da un re vestito di porpora e d’ermellino. Il re appena vide il piccolo principe gli disse:
– Ah! Ecco finalmente un suddito!
– Come puoi riconoscermi se non mi hai mai visto?
Il piccolo principe non sapeva che per i re tutti gli uomini sono dei sudditi.
Cercò un posto dove sedersi, ma tutto il pianeta era occupato dal mantello del re. Dalla stanchezza insinuò uno sbadiglione, il re se ne accorse e gli disse:
-Ti proibisco di sbadigliare dinanzi a me.
-Non posso farne a meno.
-Allora sbadiglia!
Il re ci teneva che la sua autorità fosse rispettata, infatti non tollerava che non ci fosse disciplina sul suo pianeta.
Tuttavia dava solo ordini ragionevoli.
Il piccolo principe domandò:
-Sire, su cosa regnate?
-Su tutto il mio pianeta, sugli altri pianeti e sulle stelle. Sono un monarca universale.
-Allora fatemi un piacere: ordinate al sole di tramontare.
–Aspetterò che le condizioni siano favorevoli. Ricordi? Io do solo ordini ragionevoli.
-Mi annoio qui, me ne vado.
-Non partire, ti nomino mio ministro.
-E di che cosa?
-Della giustizia.
-Ma non c’ è nessuno da giudicare qui!
-Giudicherai te stesso, è la cosa più difficile. È più difficile giudicare se stessi che gli altri. Se ci riuscirai è segno che sei veramente saggio.
-Non è necessario vivere qui, posso giudicarmi ovunque.
Il piccolo principe stava per andarsene quando all’ improvviso il re si affrettò a gridagli dietro:
-Non te ne andare, ti nomino mio ambasciatore!
Durante il viaggio il piccolo principe pensò:
-Come sono strani i grandi.

Il Piccolo Principe: capitolo 11 [ IC don Milani Latina]

Un amante delle lodi

 Ascolta l’undicesimo capitolo

Il secondo pianeta era abitato da un vanitoso.
-Ah, ecco un ammiratore!- gridò appena vide il piccolo principe.
Per i vanitosi tutti gli altri sono ammiratori.
-Buongiorno, che buffo cappello avete!
-È per salutare quando mi acclamano, però non passa mai nessuno da queste parti!
-Ah si!- il piccolo principe non capiva.
-Batti le mani- consigliò il vanitoso. Il piccolo principe batté le mani e il vanitoso lo salutò.
-È più divertente del re! E riprese a battere le mani. Il vanitoso ricominciò a salutare. Dopo cinque minuti il piccolo principe si stancò e chiese:
-Che cosa bisogna fare per far cadere il cappello?
Il vanitoso non rispose.
I vanitosi sentono solo le lodi.
-Mi ammiri molto?- domandò al piccolo principe.
-Cosa vuol dire ammirare?
– Vuol dire riconoscere che sono l’uomo più bello, più elegante, più ricco e più intelligente di tutto il pianeta.
-Ma sul tuo pianeta ci sei solo tu!
-Per favore, ammirami lo stesso!
-Ti ammiro, se vuoi, ma tu che te ne fai?
Il piccolo principe se ne andò pensando a quanto fossero bizzarri i grandi.

 

Il Piccolo Principe: capitolo 12 [ IC don Milani Latina]

Problemi mai risolti

 Ascolta il dodicesimo capitolo

Nel pianeta successivo viveva  un ubriacone. Fu una visita breve e malinconica.
– Che cosa fai? – chiese il piccolo principe.
– Bevo.
– Perché bevi?
– Per dimenticare che ho vergogna di bere – confessò l’ubriacone abbassando la testa.
Il piccolo principe ripartì perplesso.
“I grandi sono decisamente molto, molto bizzarri” pensò durante il viaggio.

Il Piccolo Principe: capitolo 13 [ IC don Milani Latina]

Un possessore di stelle

 Ascolta il tredicesimo capitolo

Il quarto pianeta era abitato da un uomo d’affari, talmente occupato che ignorò l’arrivo del piccolo principe.
– Buongiorno – disse il piccolo principe- la vostra sigaretta è spenta.
– Tre più due fa cinque. Cinque più sette: dodici. Dodici più tre: quindici. Buongiorno. Quindici più sette fa ventidue. Ventidue più sei: ventotto. Non ho tempo per riaccenderla. Ventisei più cinque: trentuno. Umm! Dunque fa cinquecento e un milione seicento ventiduemila settecento trentuno.
L’uomo d’affari alzò la testa e disse:
– Da cinquantaquattro anni che abito in questo pianeta e non sono stato disturbato che per tre volte.
– Mi scusi, milioni di che?
– Di quelle piccole cose dorate che fanno fantasticare.
– Ah! Di stelle!
– Eccoci. Di stelle!
– E che cosa te ne fai di così tante stelle?
– Le possiedo!
– E a quale scopo le possiedi?
– Mi servono per essere ricco.
– E a che cosa ti serve essere ricco?
– A comprare altre stelle.
Il piccolo principe pensò “questo qui ragiona un po’ come il mio ubriacone”
– Che te ne fai?
– Le amministro. Le conto e le riconto, sono un uomo serio io!
Il piccolo principe aveva sulle cose serie idee molto diverse da quelle dei grandi.
– Io – disse il piccolo principe – possiedo un fiore e tre vulcani a cui dedico molto tempo. Ma tu sei utile alle tue stelle?
L’uomo d’affari aprì la bocca senza dire la minima parola: non trovò niente da rispondere.
Il piccolo principe pian piano se ne andò pensando: “ I grandi sono proprio straordinari”.

 

Il Piccolo Principe: capitolo 14 [ IC don Milani Latina]

Una consegna stressante

 Ascolta il quattordicesimo capitolo

Il quinto pianeta era assai strano. C’era posto solamente per un lampione e un lampionaio che lo accendeva e lo spegneva.
Il piccolo principe non riusciva a capire perché accendesse e spegnesse il lampione ogni minuto.
Salendo sul pianeta salutò il signore dicendo:
– Buongiorno, come mai spegni il tuo lampione?
– È la consegna. Buongiorno!
– Che cos’è la consegna?
– È di spegnere il lampione. Buonasera!
E subito riaccese il lampione.
– E ora come mai lo riaccendi?
– È la consegna!
– Non capisco!- rispose il piccolo principe.
– Cosa c’è da capire? La consegna è quella! Buongiorno!- disse il lampionaio e spense il lampione.
-Faccio un pessimo mestiere. Una volta era più ragionevole perché al mattino spegnevo e la sera accendevo e potevo riposarmi tutto il giorno e dormire la notte, ma il pianeta di anno in anno ha girato sempre più in fretta e la consegna non è stata cambiata.È proprio questo il dramma!
-Ebbene?
-Ebbene ora che fa un giro al minuto, non ho più un secondo di riposo.
-È divertente! Da te i giorni durano un minuto.
-Non è per niente divertente. Lo sai che parliamo da un mese?
-Da un mese?
-Sì. Trenta minuti sono trenta giorni. Buona sera.
E riaccese il lampione per l’ennesima volta .
Il piccolo principe sentì improvvisamente di amare questo uomo
così fedele alla sua consegna. Si ricordò i suoi tramonti che vedeva spostando la sua sedia e decise di aiutare il suo amico:
– Conosco un modo per farti riposare quando vorrai.
– lo vorrei sempre.
– Il tuo pianeta è molto piccolo. Puoi camminare abbastanza lentamente per rimanere sempre al sole e il giorno durerà finché tu vorrai.
– Non serve a molto. Vorrei dormire.
– Non hai fortuna.
– Buongiorno. E spense il lampione.
Il piccolo principe pensò, continuando il suo viaggio, che quell’uomo sarebbe disprezzato da tutti, dal re, dal vanitoso, dall’ubriacone e dall’uomo d’affari. Comunque non gli sembrava ridicolo perché era l’ unico che si occupava di altro e non di se stesso. Questo è il solo di cui avrei potuto essere amico. Ma il pianeta è piccolo non c’è posto per due. Il piccolo principe rimpiangeva di questo pianeta i suoi millequattrocentoquaranta tramonti nelle ventiquattro ore!

Il Piccolo Principe: capitolo 15 [ IC don Milani Latina]

Finalmente un vero mestiere

 Ascolta il quindicesimo capitolo

Il sesto pianeta era abitato da un vecchio signore che scriveva enormi libri.
– Ecco un esploratore! – esclamò quando vide il piccolo principe.
Il piccolo principe si sedette ansimando. Era in viaggio da tanto tempo.
Il piccolo principe gli chiese:
– Che cos’è questo grosso libro? Chi siete?
– Sono un geografo, un sapiente che sa dove si trovano i mari, i fiumi, le città, le montagne e i deserti.
– Oh! Questo finalmente è un vero mestiere! Ci sono degli oceani qui?
– Non lo posso sapere.
– E delle montagne?
– Non lo posso sapere.
– E delle città, dei fiumi o deserti?
– Neppure lo posso sapere.
– Ma siete un geografo!
– Esatto, ma non sono un esploratore. E’ a loro che spetta contare le città, i deserti, gli oceani, i fiumi, le montagne e i mari.
Il geografo non lascia mai il suo ufficio, interroga gli esploratori che arrivano e ricava informazioni dai loro ricordi e se gli sembrano interessanti fa fare un’inchiesta sulla moralità dell’esploratore, perché se l’esploratore mentisse porterebbe una catastrofe nei libri di geografia. E’ possibile che quando la moralità dell’esploratore sembra buona, si fa un’inchiesta sulla sua scoperta.
– Si va a vedere?
– No, è troppo complicato. Ma si esige che l’esploratore fornisca le prove. Per esempio, se si tratta di una grossa montagna, si esige che porti delle grosse pietre. Ma tu, tu vieni da lontano! Tu sei un esploratore! Mi devi descrivere il tuo pianeta!
– Oh! Da me, non è molto interessante, è talmente piccolo. Ho tre vulcani, due in attività e uno spento. Ho anche un fiore.
– Noi non annotiamo i fiori.
– Perché? Sono le cose più belle.
– Perché i fiori sono effimeri.
– Che cosa vuol dire “effimero”?
– Le geografie – disse il geografo – sono i libri più preziosi fra tutti i libri. E’ raro che una montagna cambi di posto e che un oceano si prosciughi. Noi descriviamo delle cose eterne.
– Che cosa vuol dire effimero? – insistette il piccolo principe.
– Vuol dire che è minacciato di scomparire presto.
– Allora il mio fiore è destinato a scomparire presto?
– Certamente.
“ Il mio fiore è effimero, non ha che quattro spine per difendersi dal mondo, e io l’ho lasciato solo! “ pensò.
Per la prima volta si senti pungere dal rammarico.
Ma si fece coraggio e disse:
– Cosa mi consigliate di visitare?
– Il pianeta Terra – rispose il geografo.
Il piccolo principe se ne andò, pensando al suo fiore.

 

 

Il Piccolo Principe: capitolo 16 [ IC don Milani Latina]

Destinazione terra

 Ascolta il sedicesimo capitolo

Il settimo pianeta fu la Terra, un enorme pianeta.
Essa era piena di re, geografi, lampionai, vanitosi, uomini d’affari e ubriaconi.
Prima dell’ invenzione dell’ elettricità servivano moltissimi lampionai. Da lontano queste luci facevano uno splendido effetto, tanto da sembrare un balletto d’opera.
I movimenti erano sempre regolari. A turno si accendevano prima i lampioni della nuova Zelanda e dell’ Australia; poi quelli della Cina e della Siberia; a seguire era il turno della Russia e delle Indie; poi andavano in scena l’ Africa e l’Europa ed infine si accendevano i lampioni dell’ America del sud e dell’ America del nord.

Era uno spettacolo grandioso!
Solo al Polo Nord e al Polo Sud dove c’ era un unico lampione, i due lampionai facevano vite oziose: lavoravano solo due volte all’anno.

 

Il Piccolo Principe: capitolo 17 [ IC don Milani Latina]

Un buffo animale, più potente di un re 

 Ascolta il diciassettesimo capitolo

Forse ho detto una bugia parlandovi degli uomini che accendono i lampioni.

Non voglio dare una falsa idea della Terra perché gli uomini occupano molto poco posto su di essa anche se pensano di occupare un grande spazio.

Si vedono importanti come dei baobab.

Il piccolo principe arrivato sulla Terra incontrò un serpente e gli chiese:

-Su quale pianeta sono?

-Sulla Terra, in Africa. Ma perché sei qui in un deserto?

-Perché ho avuto delle difficoltà con il mio fiore. Dove sono gli uomini? Si è un po’ soli nel deserto.

-Si è soli anche con gli uomini – disse il serpente.

-Sei un buffo animale sottile come un dito.

-Ma sono più potente di un dito di un re – rispose il serpente.

-Non mi sembri tanto potente!

-Posso trasportarti più lontano che un bastimento! – disse il serpente mentre si arrotolava intorno alla caviglia del piccolo principe.

-Colui che tocco, lo restituisco alla terra da dove è venuto. Ma tu sei puro e vieni da una stella…Potrò aiutarti un giorno se rimpiangerai troppo il tuo pianeta.

-Sì, ho capito benissimo – disse il piccolo principe.

Il Piccolo Principe: capitolo 18 [ IC don Milani Latina]

Gli uomini non hanno radici

 Ascolta il diciottesimo capitolo

Il piccolo principe attraversò il deserto e incontrò solo un fiore :
-Buongiorno dove sono gli uomini? –disse il piccolo principe.
Un giorno il fiore aveva visto passare una carovana.
-Forse ne esistono sei o sette, li ho visti tempo fa. Non si sa mai dove trovarli. Il vento li spinge qua e là. Non hanno radici – concluse il fiore.
-Addio –disse il piccolo principe.
-Addio – rispose il fiore.

Il Piccolo Principe: capitolo 19 [ IC don Milani Latina]

La voce della eco 

 Ascolta il diciannovesimo capitolo

Il piccolo principe fece l’ascensione di un’alta montagna.
Le uniche montagne che avesse mai visto erano i tre vulcani che gli arrivavano alle ginocchia.
“Da una montagna alta come questa, vedrò di colpo tutto il pianeta e tutti gli uomini…” pensò.
Ma non vide altro che guglie di roccia.
-Buongiorno – disse a caso
-Buongiorno…Buongiorno…Buongiorno…- rispose l’eco.
-Chi siete?
-Chi siete?…Chi siete?…Chi siete?…- disse l’eco.
-Siate amici miei, io sono solo.
-Io sono solo…Io sono solo…Io sono solo…- rispose ancora l’eco.
“Che buffo pianeta, gli uomini mancano d’immaginazione.
Ripetono ciò che loro si dice’’.

Il Piccolo Principe: capitolo 20 [ IC don Milani Latina]

Un’altra delusione

 Ascolta il ventesimo capitolo

Il piccolo principe camminò a lungo.
Vide un giardino fiorito di rose e disse:
-Buongiorno!
-Buongiorno – dissero le rose.
Il piccolo principe le guardò: assomigliavano tutte al suo fiore.
-Chi siete?- domandò stupefatto il piccolo principe.
-Siamo delle rose.
-Ah!
Il piccolo principe si sentì molto infelice perché il suo fiore gli aveva detto che era il solo della sua specie in tutto l’universo.
Il piccolo principe pensò “Mi credevo ricco di un fiore unico al mondo, ma non possiedo che una qualsiasi rosa. Lei e i tre vulcani non fanno di me un principe molto importante”.
E, seduto sull’erba, iniziò a piangere.

Il Piccolo Principe: capitolo 21 [ IC don Milani Latina]

L’amicizia … un legame speciale 

 Ascolta il ventunesimo capitolo

In quel momento apparve la volpe.
-Buon giorno- disse la volpe
-Buon giorno- rispose il piccolo principe, ma non vide nessuno.
-Sono qui, sotto il melo.
-Chi sei?- domandò il piccolo principe.
-Sono una volpe.
-Vieni a giocare con me, sono così triste..
-Non posso giocare con te, non sono addomesticata.
-Ah scusa! Ma cosa significa “addomesticare” ??
-Non sei di queste parti, che cosa cerchi?
-Cerco gli uomini. Che cosa vuol dire “addomesticare?”
-Gli uomini hanno dei fucili e cacciano. È molto noioso!
-Tu cerchi galline?
-No, cerco degli amici. Che cosa vuol dire “addomesticare?”
-È una cosa da molto dimenticata. Vuol dire “creare dei legami”.
-Creare dei legami?
-Sì tu, fino ad ora, per me, sei un ragazzino uguale a tutti gli altri ed io non ho bisogno di te, come tu non hai bisogno di me. Così per te io sono una volpe uguale a centomila altre volpi. Ma se mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro.
Io sarò per te unica al mondo e tu sarai per me unico al mondo.
-Comincio a capire- disse il piccolo principe – c’è un fiore… credo che mi abbia addomesticato!!!
-Eh sì ! Capita di tutto sulla Terra…
-Oh! Non è sulla Terra, è su un altro pianeta.
Continuò la volpe :
-La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano così come tutti gli uomini. Io mi annoio!! Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà illuminata. Riconoscerò i tuoi passi, diversi da tutti gli altri, e capirò che sarai te. Poi guarda! Vedi, laggiù in fondo, dei campi di grano? I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è molto triste! Ma tu hai dei capelli color oro, allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato il grano, che è dorato, mi farà pensare a te.
La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe:
-Per favore… addomesticami-disse.
-Volentieri- rispose il piccolo principe- ma non ho molto tempo. Devo scoprire degli amici e conoscere molte cose.
-Non si conoscono che le cose che si addomesticano- disse la volpe.
-Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla.
Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici.
Se tu vuoi un amico addomesticami!
-Che cosa bisogna fare?- domandò il piccolo principe.
-Bisogna essere molto pazienti- rispose la volpe. -In principio tu ti siederai un po’ lontano da me, così, nell’erba.
Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dirai nulla.
Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino a me..
Il piccolo principe ritornò l’indomani.
-Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora- disse la volpe-
-Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell’ora aumenterà la mia felicità: scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore…
Ci vogliono i riti.
-Che cos’è un rito?- disse il piccolo principe.
-Anche questa è una cosa da tempo dimenticata- disse la volpe- è
quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un’ora diverse dalle altre ore.
Così il piccolo principe addestrò la volpe e quando l’ora della partenza fu vicina:
-Ah!- disse la volpe -… piangerò.
-La colpa è tua – disse il piccolo principe – io, non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi.
-È vero- disse la volpe
-Ma piangerai!
-È certo!
-Ma allora che ci guadagni?
-Ci guadagno il colore del grano
Poi aggiunse:
-Va a rivedere le rose. Capirai che la tua è unica al mondo. Quando ritornerai a dirmi addio, ti regalerò un segreto.
Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose.
-Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente- disse – nessuno vi ha addomesticato e voi non avete addomesticato nessuno.
E le rose si sentivano a disagio.
-Voi siete belle, ma siete vuote – disse ancora – perché è lei che ho innaffiata, perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro, perché su di lei ho uccisi i bruchi e perché è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi ed alcune volte tacere. Tutto perché è la mia rosa.
E ritornò dalla sua volpe.
-Addio- disse.
-Addio- disse la volpe. -Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi.
-L’essenziale è invisibile agli occhi- ripeté il piccolo principe per ricordarselo.
-È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante.
-È il tempo che ho perduto per la mia rosa…- sussurrò il piccolo principe.
-Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare. Tu sei responsabile della tua rosa.
-Io sono responsabile della mia rosa- ripeté il piccolo principe per ricordarselo.

  

 

Il Piccolo Principe: capitolo 22 [ IC don Milani Latina]

Quanta fretta

 Ascolta il ventiduesimo capitolo

– Buongiorno- disse il piccolo principe.
– Buongiorno- disse il controllore.
– Che cosa fai qui?
– Smisto i viaggiatori e spedisco i treni che li trasportano, a volte a destra, a volte a sinistra.
Un rapido, rombando come il tuono, sfrecciò.
-Hanno tutti fretta. Che cosa cercano?
– Lo stesso macchinista lo ignora -disse il controllore.
Un secondo rapido transitò nel senso opposto.
-Ritornano di già?- chiese il piccolo principe
-Non sono gli stessi, è uno scambio.
-Non erano contenti là dove stavano?
-Non si è mai contenti dove si sta -rispose il controllore.
E rombò il tuono di un terzo rapido.
-Inseguono i primi viaggiatori?
-Non inseguono nulla. Dormono là dentro, o sbadigliano tutt’al più. Solamente i bambini schiacciano il naso contro i vetri.
-Solo i bambini sanno quello che cercano. Perdono tempo per una bambola di pezza e lei diventa così importante che, se gli viene tolta, piangono.
-Beati loro!- disse il controllore.

  

 

Il Piccolo Principe: capitolo 23 [ IC don Milani Latina]

Un mercante di pillole

 Ascolta il ventitreesimo capitolo

– Buongiorno – disse il piccolo principe.
– Buongiorno – disse il mercante.
Era un mercante di pillole perfezionate che calmavano la sete; se se ne prendeva una alla settimana non si sentiva più il bisogno di bere.
– Perché vendi queste pillole?
– E’ un grosso risparmio di tempo. Gli esperti hanno calcolato che si risparmiano cinquantatré minuti alla settimana.
– E cosa se ne fa di cinquantatré minuti?
– Se ne fa quello che ognuno vuole.
– Io se avessi cinquantatré minuti da spendere, camminerei lentamente verso una fontana.

Il Piccolo Principe: capitolo 24 [ IC don Milani Latina]

Alla ricerca di un po’ d’acqua

 Ascolta il ventiquattresimo capitolo

Eravamo all’ottavo giorno dal momento in cui si ruppe il motore e avevo ascoltato la storia del mercante bevendo l’ultimo sorso della mia acqua.
-Ah!- dissi al piccolo principe- i tuoi ricordi sono molto interessanti, ma non ho ancora riparato il motore del mio aeroplano e non ho più da bere.
Sarei lieto di incamminarmi in tua compagnia verso una fontana.
Il piccolo principe disse:
-Fa bene aver avuto un amico, anche se poi si muore .
Io sono molto contento di aver avuto un amico volpe.
Poi aggiunse:
-Io ho sete cerchiamo un pozzo…
Ebbi un gesto di stanchezza: è assurdo cercare un pozzo nell’immensità del deserto. Tuttavia ci incamminammo.
Dopo aver camminato per ore in silenzio scese la notte e le stelle iniziarono a splendere nel cielo.
-Ciò che abbellisce il deserto- disse il piccolo principe- è che nasconde un pozzo in qualche luogo.
-Sì- dissi al piccolo principe- che si tratti delle stelle o del deserto, quello che fa la loro bellezza è invisibile.
Iniziava ad addormentarsi, lo presi tra le braccia e mi incamminai. Mi sembrava di portare un fragile tesoro.
Guardavo, alla luce della luna, quella fronte pallida, quegli occhi chiusi, quelle ciocche di capelli che tremavano al vento, mi dicevo:
“Questo che io vedo non è che la scorza. Il più importante è invisibile”.
Siccome le sue labbra semiaperte abbozzavano un mezzo sorriso pensai ancora:
“Ecco ciò che mi commuove di più in questo piccolo principe addormentato: è la sua fedeltà a un fiore”.
E così, camminando, scoprii all’alba il pozzo

Il Piccolo Principe: capitolo 25 [ IC don Milani Latina]

Una promessa da mantenere

 Ascolta il venticinquesimo capitolo

– Gli uomini – disse il piccolo principe – si imbucano nei rapidi, ma non sanno più che cosa cercano.
Il pozzo che avevamo raggiunto non assomigliava ai pozzi sahariani; questo assomigliava a un pozzo di villaggio , anche se nei dintorni non c’era alcun villaggio.
– È strano- disse il piccolo principe– c’è tutto: la carrucola, il secchio e la corda.
Mise in funzione la carrucola che gemette come geme una vecchia banderuola mossa dal vento.
-Senti – disse il piccolo principe – noi svegliamo questo pozzo e lui canta. Dammi da bere.
Sollevai il secchio fino alle sue labbra e bevve con gli occhi chiusi.
-Da te , gli uomini- disse il piccolo principe –coltivano cinquemila rose nello stesso giardino…e non trovano quello che cercano…E tuttavia quello che cercano potrebbe essere trovato in una sola rosa.
-Certo – risposi.
E il piccolo principe soggiunse:
-Ma gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare con il cuore .
Poi dopo essersi seduto vicino a me disse:
-Devi mantenere la tua promessa.
-Quale promessa?
-Sai…una museruola per la mia pecora …sono responsabile di quel fiore!
Tirai fuori dalla tasca i mie schizzi e il piccolo principe quando li vide mi disse ridendo:
-I tuoi baobab assomigliano un po’ a dei cavoli; la tua volpe… le orecchie … assomigliano un po’ a delle corna… e sono troppo lunghe!
-Sei ingiusto, ometto, non sapevo disegnare altro che boa dal di dentro e dal di fuori.
-Oh, andrà bene, i bambini capiscono.
E così disegnai una museruola e, consegnandogliela con il cuore stretto, dissi:
-Hai dei progetti che ignoro…
-Domani sarà l’anniversario della mia caduta sulla Terra avvenuta proprio qui.
-Allora il mattino in cui ti ho conosciuto stavi ritornando verso il punto della tua caduta?
Il piccolo principe non rispondeva mai alle domande, ma arrossì e quando si arrossisce vuol dire “sì”.
Poi disse:
-Ora devi andare ad aggiustare il tuo motore.
Ritorna domani sera, ti aspetto qui.
Ero triste, pensavo alle parole della volpe: si rischia di piangere un poco se ci si è lasciati addomesticare.

Il Piccolo Principe: capitolo 26 [ IC don Milani Latina]

Il ritorno

 Ascolta il ventiseiesimo capitolo

C’era a fianco al pozzo un muro in rovina.
Quando tornai dal mio lavoro vidi da lontano il piccolo principe seduto sopra al pozzo a gambe penzoloni.
Lo sentii parlare.
-Non te ne ricordi? – diceva – non è proprio qui!
Un’altra voce gli rispondeva dicendo:
-Sì! E’ questo il giorno ma non il luogo…
Continuai a camminare verso il muro. Non vedevo e sentivo ancora l’altra persona.
Il piccolo principe replicò:
– Sicuro. Verrai dove cominciano le mie tracce nella sabbia. Ci sarò questa notte.
Il piccolo principe disse ancora dopo un silenzio:
– Hai del buon veleno? Sei sicuro di non farmi soffrire troppo?
Mi arrestai, avevo il cuore stretto, ma non capivo.
– Ora vattene voglio riscendere! – disse.
Mi avvicinai e vidi uno di quei serpenti gialli che uccidono in trenta secondi. Spaventato, cercai di tirare fuori il revolver, ma al primo rumore il serpente scivolò e si nascose tra le pietre del pozzo. Arrivai al muro e subito abbracciai il mio ometto pallido come la neve:
-Che cos’è questa storia! Adesso parli coi serpenti!
Mi guardò e mi strinse le braccia al collo, mentre il suo cuore batteva forte. Poi mi disse:
– Sono contento che tu abbia trovato quello che mancava al tuo motore. Puoi ritornare a casa tua.
-Come lo sai?
Non rispose ma soggiunse:
-Anch’io, oggi, ritorno a casa …
Poi aggiunse:
-E’ molto più lontano … è molto più difficile …
Aveva lo sguardo molto serio:
-Ho la pecora, la cassetta e la museruola. Sarà un anno questa notte. La mia stella sarà sopra il luogo dove sono caduto l’ anno scorso.
-Ometto, non è vero che è un brutto sogno quella storia del serpente, dell’ appuntamento e della stella?
Mi disse:
-Quello che è importante, non lo si vede …
-Certo- risposi.
-E’ come per il fiore. Se tu vuoi bene a un fiore che sta in una stella, è dolce, la notte, guardare il cielo. Guarderai le stelle, la notte. La mia stella sarà per te una delle stelle. Tutte saranno tue amiche- disse ridendo.
-Che cosa vuoi dire?
-Quando tu guarderai il cielo, visto che io abiterò in una di esse, visto che io riderò in una di esse, allora sarà per te come se tutte le stelle ridessero. Tu avrai, tu solo, delle stelle che sanno ridere. Sarai sempre il mio amico. Sarà come se ti avessi dato, invece delle stelle, mucchi di sonagli che sanno ridere.
E rise ancora. Poi ridivenne serio.
-Questa notte….sai, non venire.
– Non ti lascerò.
-Sembrerà che io mi senta male …. sembrerà un po’ che io muoia. E’ così. Non venire a vedere.
Poi mi prese per mano e disse:
-Ti dispiacerà. Sembrerò morto e non sarà vero. Capisci? E’ troppo lontano. Non posso portare con me il mio corpo. E’ troppo pesante.
Io stavo in silenzio. Poi aggiunse:
-Sarà come una vecchia scorza abbandonata. Non sono tristi le vecchie scorze.
Poi tacque perché piangeva.
-E’ là. Lasciami fare un passo da solo.
Si sedette perché aveva paura. E disse ancora:
-Sai… il mio fiore …ne sono responsabile! E’ talmente debole e ingenuo. Ha solo quattro spine per proteggersi dal mondo.
Poi si alzò. Ci fu solo un guizzo giallo vicino alla sua caviglia. Rimase immobile per un istante. Non gridò.
Cadde dolcemente sulla sabbia senza fare alcun rumore.

 

Il Piccolo Principe: capitolo 27 [ IC don Milani Latina]

Un grande dubbio

 Ascolta il ventisettesimocapitolo

Sono passati sei anni. Non ho ancora mai raccontato questa storia. Quando gli amici mi hanno rivisto erano contenti perché ero vivo. Ero triste, ma dicevo:
“È la stanchezza”.
Un po’ mi sono consolato. So che si trova sul suo pianeta ,perché il mattino dopo non ho ritrovato il suo corpo. Ma ecco che accade una cosa straordinaria. Alla museruola disegnata al piccolo principe ho dimenticato di aggiungere la correggia di cuoio. Mi domando:
“Che cosa sarà successo nel suo pianeta? La pecora avrà mangiato il fiore … Certamente no! Il piccolo principe ogni notte mette la campana di vetro sopra il fiore e sorveglia bene la sua pecora. Allora mi sento felice e le stelle ridono.”
Altre volte penso:
“Se si distrae? Se dimentica una sera la campana di vetro o la pecora esce senza far rumore? E allora i sonagli si trasformano tutti in lacrime.
È un mistero! Voi che volete bene al piccolo principe quanto me, tutto cambia nell’universo se una pecora ha mangiato un fiore. Guardate il cielo … Ma i grandi non capiranno mai che questo abbia tanta importanza.”

 

Il Piccolo Principe: commento finale [ IC don Milani Latina]

 Ascolta il commento finale

Questo è per me il più triste paesaggio del mondo. È qui che il piccolo principe è apparso sulla Terra e poi è sparito. Se vi capita un giorno di fare un viaggio in Africa , nel deserto, vi supplico, non vi affrettate, rimanete un po’ sotto le stelle! Se un bambino con i capelli d’oro vi viene incontro sorridendo, se non risponde quando lo interrogate, voi saprete sicuramente chi è. Siate gentili , non lasciatemi così triste: scrivetemi subito che è ritornato . . .

http://www.kizoa.it/slideshow/d4353386k6644478o1/foto-ricordo-2013

Il Piccolo Principe: credits

Progetto a cura di Raffaella Bilotta realizzato dalle classi 5^A e 5^B dell’Istituto Comprensivo “Don Milani” di Latina – Anno scolastico 2012/2013.

Docenti ideatori e realizzatori del progetto presso la scuola primaria di Latina:
Tommasina Casale, Alessandra Ferigutti, Loredana Veronese.

Docente coordinatore: Linda Giannini

Assistente: Mauro Toschi.

Docenti di classe:
Mirella Bove, Tommasina Casale, Alessandra Ferigutti, Adele Spirito, Loredana Veronese

Alunni della Classe V A
Angelino Alessio
Carbone Andrea
Cerci Lavinia
Chianta Lorenzo
Chittano Thomas
Colangeli Lorenzo
Contestabile Gaia
D’Alessandro Angelo Pio
Di Antonio Serena
Iaione Pietro
Ionescu Stefano
Loreti Umberto
Marini Edoardo
Pacini Antonio
Paone Federico
Petitti Daniele
Tolfa Alessandro
Tomei Samuel
Vitiello Flavio

Alunni della Classe V B
Colarossi Eleonora
Damiano Giovanna
D’ Arienzo Eleonora
Dell’ Aversana Luigi
Falso Giorgia
Fasolilli Gabriele
Femiano Cristian
Incollingo Angelica
Ji Silvia
Moumni Abdennour
Orsini Matteo
Perfetti Rebecca
Pezzuolo Nicolas Raul
Polese Davide
Ponziani Matteo
Ponzio Leonardo
Porcelli Carlofrancesco
Schievano Francesco
Spagnoli Stefano
Zorzetto Lorenzo

Saluti da Chiara dal “Gaslini” di Genova

Ciao Linda e ciao a tutti,
sono Chiara vi volevo dire che l’intervento è andato bene anche se sento ancora un po’ di dolore e non posso alzarmi dal letto.
Ringrazio tutti per essermi stati vicino con il pensiero.
Un mando un saluto particolare a Iqra e aspetto sue notizie.
Forza Iqra guarisci presto!!!
Baci da

CHIARA

Per Chiara al Gaslini di Genova

Carissima Chiara,
grazie per la tua risposta; ti mando, insieme al maestro Massimo, Increspature sul mare, il suo “ultimo” clip. Sono certa che ti piacera’.

Ancora tanti tantissimi auguri per domani. Linda