Start of the European Robotics Week – Press Release

Dear event organisers of the European Robotics Week,,
Dear national coordinators
Dear all,

I am happy to let you know that a press release about todays’ start of the European Robotics Week went out to the press this morning  and has already been published by a few online journals. Click here to see the press release.

We are thrilled that 91 organisations are participating this year offering 199 events in 21 countries. More information and full listing of all events (sorted by country and date) at www.robotics-week.eu

Thank you all for your efforts and support, and now let’s rock this week!

Best regards, Kira
==========================
Kira Schilling
EUnited Robotics
European Robotics Association

euRobotics Week: il cagnolino robot e Sofia [scuola infanzia e sec. primo grado Latina]

Gli studenti della scuola secondaria di primo grado hanno realizzato e programmato il cagnolino robot con il quale Sofia della scuola dell’infanzia gioca.

Pinocchio 2.0 e la euRobotics Week 2012

In occasione della euRobotics Week 2012 bambine/i del nostro istituto presentano ai compagni i loro robot creativi. Alcuni di questi viaggeranno per raggiungere altre citta’ e, in particolare, la scuola in ospedale Gaslini di Genova e le scuole in ospedale Niguarda e San Carlo di Milano

 
 
 
 

Federica ha gia’ portato la busta dell’acquario di Genova e sulla cartina geografica presente in classe immaginiamo il viaggio dei tre pacchi

Pinocchio 2.0 e la euRobotics Week 2012

… ed ecco ora alcuni robot presenti nei disegni di bambine/i di 4-5-6 anni

 
 
 
 
 
 
 
 

Pinocchio 2.0 e la euRobotics Week 2012

Bambine/i presentano i robot artistici ad Andrea e Marco, studenti dell’ITIS Marconi di Latina. Poi con loro programmano robot con il kit WeDo, giocano con le lego, con i legnetti e con i computer. Ecco alcune foto ricordo:

European Robotics Week

Dear Linda,
Thank you for your email and the links. This looks great.
Thank you for your support!

Best regards, Kira
———————————————————————
Kira Schilling
EUnited Robotics
European Robotics Association

ITIS Treviglio (BG) Progetto Rotta Verso il Futuro: First Lego League 2012

Diario della giornata: 28 Novembre 2012

Oggi pomeriggio, dalle ore 14.00 alle ore 17.00 nel laboratorio di meccatronica dell’Istituto, si è riunita la squadra di studenti che parteciperà alle gare di robotica della First Lego League. Un concorso di robotica riservato agli studenti dai 9 ai 16 anni e pensato per farli appassionare ancora di più alla scienza e alla tecnologia. I team sono messi a confronto con scenari verosimili e sono stimolati a trovare risposte, soluzioni a problemi scientifici, costruendo e programmando robot che compiono una serie di missioni. First Lego League è una iniziativa mondiale nell’ambito dell’istruzione con lo scopo di ispirare le future generazioni di scienziati ed ingegneri attraverso una sfida molto stimolante che promuove l’apprendimento individuale .
Oggi è arrivato finalmente il campo di gara e il kit per montare le missioni da svolgere. Abbiamo la scatola e studiato le istruzioni di montaggio usando un software incluso nel Kit. L’allenatore, il prof. Donato Mazzei, ci ha ricordato le regole e ha riassegnato i compiti e le scadenze da rispettare: 13 gennaio a Genova per la gara.

  • Diario e presentazione progetto e strategia alla Giuria: Jasmine (1^a) Dario (4°A)
  • Programmazione Robot: Matias (3° Informatica) e Ruben (3° Informatica) Tiziano (3° meccatronica ITIS Galilei Crema (CR)
  • Preparazione e montaggio macchine: Pietro (3° elettrotecnica e automazione) Francesco(3° elettrotecnica e automazione)

L’allenatore ci ha ripetuto che la gara dobbiamo superarla noi e che il suo compito e quello dei ragazzi più grandi e solo quello di aiutarci nella preparazione. Poi abbiamo iniziato a lavorare , alcuni costruivano macchine, altri programmavano altri scrivevano il diario e facevano foto. Oggi c’era anche il prof. Mazzei che faceva le foto. Un gruppo, tra cui c’ero anch’io Jasmine, si è occupato del montaggio delle missioni. Un altro gruppo del campo di gara , altri gruppi costruivano le macchine e si esercitavano a programmarle. In poco tempo avevamo completato tutto. O meglio il tempo era volato in fretta. L’allenatore, prof. Mazzei, era sorpreso dalla nostra rapidità e organizzazione. Nel frattempo sono venuti a trovarci due studenti e un docente del Liceo Artistico di Monza, che si trova all’interno del parco della Villa reale di Monza, per collaborare con il prof. Mazzei ai progetti “Casa domotica” e al robot che si arrampica sul vetro. Erano molto interessati al nostro lavoro e hanno detto che vogliono presentare i progetti in modo artistico e creativo, cosi ci hanno detto. Oggi in definitiva abbiamo: costruito , completato il campo di gara e montato i kit per le missioni. Restano da realizzare le sponde del campo di gara come previsto del regolamento. Al prossimo incontro verranno provati programmi e le macchine direttamente sul campo di gara.

Team First Lego League

  • Biennio ITIS Augusto Righi Treviglio: Jasmine Giannandrea
  • Terze ITIS Augusto Righi Treviglio: Canfora Francesco, Pietro Ghisletti (elettrotecnica e automazione), Ruben Raffaini , Alvarez Matias (informatica e telecomunicazioni)
  • Quarta meccatronica ITIS Righi Treviglio: Dario Alberghina, Villa Lorenzo, Eric Moretti.
  • Terza ITIS Galileo Galilei Crema (CR): Bonizzoni Tiziano meccatronica)
  • Studenti scuole medie del territorio: (da individuare e scegliere tra quelli che frequenteranno i corsi di robotica pomeridiani)
  • Tutori: Jonathan Giannandrea (2° meccatronica), Lorenzo Moro; Lorenzo Villa, Intra Luigi, Todorovic Bojan (4° meccatronica)

Allenatore: prof. Donato Mazzei

video su Education 2.0: “Gli studenti e i docenti dell’Istituto Tecnico Industriale di Treviglio (BG) hanno suscitato l’interesse del numeroso pubblico di “Robotica 2012” con il loro prototipo: un robot progettato per svolgere funzioni d’ispezione, all’interno di tubazioni industriali. Ecco il robot all’opera, azionato da due studenti“.

Il proiettore di Alice [scuola infanzia Latina]

Alice e’ giunta a scuola con un dono per i suoi compagni di classe: un “proiettore”. Ecco qui alcune foto ricordo ed i primi disegni che raccontano l’esperienza.

Ponte con la Slovacchia

 Projekt – moja stolička z papiera
Lahôdkové kresielko
autorky: Pavlina Žigová, Lujza Masaryková a Laura Katrušinová

 I Progetto – la mia carta sedia
Una sedia delicata
autori: Pavlina Žigová, Lujza Masaryková a Laura Katrušinová

Jozef Zvolenský

Sitografie utili [scuola infanzia Latina]

Carissime/i, ecco altre segnalazioni sitografiche

Catturare le coordinate geografiche… divertendosi…
http://digilander.libero.it/sussidi.didattici/cattura/catturacoordinate.html

Giochi di sintassi
http://digilander.libero.it/sussidi.didattici/gr_flash_rete/index_gram.html 

Linda 

ITIS Treviglio (BG) Progetto Rotta Verso il Futuro: First Lego League 2012

Diario della giornata: 21 Novembre 2012

Oggi pomeriggio, dalle ore 14.00 alle ore 16.00, nel laboratorio di meccatronica dell’Istituto, si è riunita la squadra di studenti che parteciperà alle gare di robotica della First Lego League. Alcuni ragazzi provengono dalle classi 1° e 2° dell’ITIS, altri dalle terze informatica, meccatronica e elettrotecnica e automazione. L’allenatore, il prof. Donato Mazzei, ha spiegato le regole e ha assegnato i compiti e le scadenze da rispettare: 13 gennaio a Genova per la gara. La squadra F.L.L. sarà sostenuta nei preparativi dagli studenti della Classe 4° meccatronica dell’ITIS.
I ragazzi più grandi lavorano, contemporaneamente ,allo sviluppo del progetto del robot di ispezione: un robot che si arrampica e striscia all’interno di un tubo trasparente. L’allenatore ci ha detto che la gara dobbiamo superarla noi e che il suo compito e quello dei ragazzi più grandi e solo quello di aiutarci nella preparazione. Mentre lavoravamo sono venuti a trovarci alcuni ragazzi delle Scuole medie di Caravaggio, che frequentano un corso nel laboratorio di chimica dell’Istituto. Il professore-allenatore ha spiegato loro a cosa ci preparavamo e cosa facevamo. Ha descritto cosa è un robot e come funzionano quelli della Lego. Ha poi fatto vedere un filmato della nostra visita alla Fiera Robotica 2012, a cui hanno partecipato i ragazzi più grandi e che si è svolta a Milano. Nel filmato apparivano molti robot, tra cui i nostri, ed in particolare c’era uno che era quasi uguale ad un essere umano, un bambino-robot. Poi apparivano tanti altri:i: robot volanti, robot camerieri, robot infermieri. Il professore ha invitato i ragazzi delle medie a partecipare ai corsi di robotica e alla gara di Genova. Poi ci siamo divisi in gruppi, alcuni costruivano macchine altri programmavano altri ancora scrivevano il diario e facevano foto. I ragazzi più grandi discutevano su come costruire il campo di gara.. Ci sono stati problemi in parte risolti. I ragazzi chiedevano sempre consigli al professore se non sapevano o non riuscivano a fare qualcosa. Alcuni hanno incontrato difficoltà a costruire la macchine e discutevano su come fare. Altri hanno iniziato a provare primi programmi sulle macchine per provarne il funzionamento. C’è molta agitazione e incertezza. Alcuni credono che ci sia poco tempo per la preparazione, ma l’Allenatore ci ha rassicurato e invitato a riflettere su ciò che si è fatto e ritornare con qualche nuova idea al prossimo mercoledì. Nel frattempo tutti sperano che, al prossimo incontro, ci sia il campo di gara sul quale poter studiare le strategie, provare programmi e macchine.

Team First Lego League

  • Biennio ITIS Augusto Righi Treviglio: Jasmine Giannandrea
  • Terze ITIS Augusto Righi Treviglio: Canfora Francesco.Pietro Ghisletti (elettrotecnica e automazione) Ruben Raffaini , Alvarez Matias, (informatica e telecomunicazioni)
  • Quarta meccatronica ITIS Righi Treviglio: Dario Alberghina, Villa Lorenzo, Eric Moretti
  • Terza ITIS Galileo Galilei Crema (CR): Bonizzoni Tiziano meccatronica)
  • Studenti scuole medie del territorio: da individuare e scegliere tra quelli che frequenteranno i corsi di robotica pomeridiani
  • Tutors: Jhonatan Giannandrea (2° meccatronica), Lorenzo Moro; Lorenzo Villa, Intra Luigi, Todorovic Bojan (4° meccatronica)

Allenatore: prof. Donato Mazzei

Calcolatrice grafica in 2D e 3D per la risoluzione graduale [scuola infanzia Latina]

Microsoft Mathematics fornisce una calcolatrice grafica che traccia in 2D e 3D e un insieme di strumenti matematici che consentono agli studenti di svolgere i compiti in modo semplice e rapido. Grazie a Microsoft Mathematics gli studenti possono imparare gradualmente a risolvere equazioni acquisendo, allo stesso tempo, una maggiore comprensione dei concetti fondamentali di pre-algebra, algebra, trigonometria, fisica, chimica e calcolo.
Microsoft Mathematics comprende una calcolatrice grafica ricca di funzionalità progettata per funzionare esattamente come una calcolatrice. Ulteriori strumenti matematici consentono di risolvere triangoli, effettuare conversioni da un sistema di unità di misura all’altro e risolvere sistemi di equazioni.

Concorso logo MIUR: “Parlo la tua lingua” [I.C. don Milani Latina]

Carissime/i,
il nostro istituto aveva partecipato al concorso “Logo per il progetto MIUR Parlo la tua Lingua” al quale hanno aderito bambine/i di scuola dell’infanzia, primaria e ragazze/i della scuola secondaria di primo grado.

Ebbene il logo finale e’ questo riportato qui sotto e comprendera’ il disegno di Colella Prashila scuola dell’infanzia [rif. Giannini – Macor], quello di Bello Giorgia della primaria [rif. Creo Rossana] ed uno della secondaria di primo grado di Di Raimo Alessia [rif. Manzolli Michela]

E sono tutti dell’I.C.don Milani di Latina  😛

Gli altri disegni verranno esposti in una galleria all’interno del portale del MIUR; appena mi comunicheranno l’indirizzo, ve ne daro’ notizia.

Grazie a tutte/i per la collaborazione, Linda 

Concorso logo MIUR: “Parlo la tua lingua” [I.C. don Milani Latina]

Oggetto: Elaborati degli alunni, selezionati per la realizzazione del logo di “Io parlo la tua lingua” del sito della D. G. per il personale scolastico e ringraziamenti.

Gentile Dirigente, La ringrazio per la preziosa collaborazione da Lei prestata per la realizzazione del logo del sito “Parlo la tua lingua” che questa Direzione sta allestendo con l’ausilio della D. G. per lo studente, l’integrazione, la partecipazione e la comunicazione.
La prego di trasmettere anche alle docenti Linda Giannini, Macor Manuela, Rossana Creo e Michela Manzolli i miei sentiti ringraziamenti per la sensibilità da loro mostrata rispondendo alle nostre richieste attraverso l’invio degli elaborati dei loro alunni.
I lavori dei bambini, esaminati da una commissione all’uopo da me costituita, sono tutti belli e tutti sono stati molto apprezzati per l’originalità e la spontaneità. Ciò premesso si è ritenuto di scegliere 3 elaborati che risultano eccellenti e che più rispondono alle caratteristiche di colore e di contrasto da tener presenti per la realizzazione di un logo.
Si pensa comunque di esporli tutti sul sito in una sezione apposita denominata galleria di immagini. Affinché ciò sia possibile occorre per noi acquisire la liberatoria da richiedere ai genitori dei piccoli autori, ai sensi di legge. Le sarei grato se potesse fare ciò per conto di questa Direzione e potesse inviarla all’indirizzo:
Dr. Luigi Calcerano.

Abbiamo pensato anche di premiare tutti gli alunni con un attestato di partecipazione che Lei stesso potrà consegnare a mio nome quando e come lo riterrà.
L’attestato è in fase di preparazione e sarebbe opportuno per noi conoscere i nominativi di tutti gli alunni autori dei disegni.

In attesa di un cortese riscontro La saluto cordialmente.

IL DIRETTORE GENERALE
firmato Luciano Chiappetta

I DIRITTI DEI BAMBINI [scuola in Ospedale San Carlo di Milano]

Ciao, anche i bambini del San Carlo hanno disegnato i loro diritti. Ecco alcuni disegni oltre ai pensieri di Serena, Beatrice, Michael, Gioia e Camilla, Matan-Elle, Ylenia, Alberto. Tutti hanno pensato prima di scrivere o di disegnare a cosa desidera un bambino per essere felice.. e non può farne a meno. L’Ospedale è il San Carlo di Milano (!).

Grazie per tutto!! Alessandra

 

Il diritto di stare con la propria famiglia
Ogni bambino
ha il suo dirittino
perché tutti hanno bisogno di un aiutino.
Io voglio stare con la mia famiglia,
e se apro la porta con la maniglia …
laggiù tutto è ordine e bellezza,
calma evoluta
e tutto il mondo si addormenterà,
con tanta felicità.
Matan-Elle C. (9 anni)

 
A tutti i bambini
Ogni bambino ha il diritto di potere giocare,
crescere in forma,
andare a scuola.
Ogni bambino ha il diritto di essere curato,
di essere amato dai propri genitori,
di potere fare amicizie e non essere isolato.
I bambini non devono essere abbandonati,
perché da grandi potrebbero diventare a loro volta dei genitori.
Mi raccomando ai genitori:
“Non buttate via i vostri figli, perché non sono degli oggetti”.
Ecco perché ogni bambino ha il diritto di essere rispettato,
come persona e come figlio,
nella speranza che così cresca un uomo migliore,
che possa un giorno crescere bene i propri figli.
Alberto U. (13 anni)

 

Il diritto dei bambini
Dal letto dell’ospedale
penso che vorrei stare bene …
ma in questo momento sono annoiata e triste.
Tutti i bambini del mondo
devono essere curati
e trattati come me.
Siamo tutti uguali,
anche quando siamo ammalati.
Ylenia L. (11 anni)

 

I DIRITTI DEI BAMBINI [scuola in Ospedale Niguarda di Milano]

Carissimi,
questa ricorrenza vuole ricordare a tutti che i bambini vanno rispettati, che esistono dei diritti riconosciuti dall’ONU, ma che nel mondo spesso gli esseri umani dimenticano.

Eugenia

  1. IL DIRITTO ALLA VITA
  2. IL DIRITTO ALLA SALUTE
  3. IL DIRITTO ALLA FAMIGLIA
  4. IL DIRITTO ALLA PROTEZIONE CONTRO LO SFRUTTAMENTO NEL LAVORO
  5. IL DIRITTO ALLA PROTEZIONE CONTRO LO SFRUTTAMENTO SESSUALE ED I MALTRATTAMENTI
  6. IL DIRITTO ALL’ISTRUZIONE
  7. IL DIRITTO AD ESPRIMERSI
  8. IL DIRITTO ALLA PROTEZIONE CONTRO LA GUERRA E LA PRIVAZIONE DELLA LIBERTA’
  9. IL DIRITTO ALLA PROTEZIONE CONTRO IL RAZZISMO ED OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE
  10. IL DIRITTO AD UNA IDENTITA’ CULTURALE E RELIGIOSA

Dalla CONVENZIONE sui diritti dell’infanzia depositata all’O.N.U. nel 1989

Sitografie “robotiche”

OSSESSIONE ROBOT
Pezzi di ferro che si aggirano tra parcheggi e marciapiedi, automobili parlanti, autostoppisti dal pollice metallico: una galleria che chiunque abbia dubbi sulla presenza dei robot nel quotidiano dovrebbe visitare.
http://brilliantmach.tumblr.com/

L’ANNO DEL ROBOT
Giocattoli, cartoni animati, Lego e prodotti della fantascienza: un bollettino aggiornato di robot pescati in Rete.
http://yearoftherobot.tumblr.com/

AMICI ROBOTICI
Cyborg, androidi, umanoidi e poliziotti metallici: una carrellata di creature amiche.
http://tumblrbot.tumblr.com/

invito per il 22 novembre 2012

Giovedì 22 novembre presso la sala conferenze dell’ Ospedale San carlo Borromeo di Milano ho organizzato un aperitivo/merenda in musica (jazz e altro), libri, alimentazione e…. magia! Ci saranno alcuni pazienti che leggeranno poesie e ricette!! Vi aspetto!!! Alessandra

Pinocchio 2.0 ed il racconto in dono da Spirito Bimbo

Da Spirito Bimbo un racconto in dono… una video-storia per parlare della ricchezza e della bellezza dell’incontro con l’altro nella sua diversità! 🙂

https://vimeo.com/51202533

questo è il sito: www.spiritobimbo.it
e questo è il canale vimeo https://vimeo.com/user13990225

Racconti ed Esperienze su Education 2.0 [scuola in ospedale San Carlo di Milano]

Ecco on line su Education 2.0 “Serra in corsia”: un orto in ospedale  racconti ed Esperienze della scuola in ospedale San Carlo di Milano
http://www.educationduepuntozero.it/community/serra-corsia-orto-ospedale-4055327346.shtml

“Serra in corsia”: un orto in ospedale

da Eugenia Curti
Video per Alessandra, “maestra giardiniera” nella scuola in Ospedale San Carlo di Milano, che si cimenta anche con la cura delle piante. “coltivare ortaggi sul balcone, la cassetta della frutta 2.0”
http://youtu.be/aAECblWXM3Y 

Slogan per promuovere l’attività dei team eTwinning [I.C. don Milani Latina]

Carissime/i,
dato che da tempo abbiamo come progetto di istituto, per altro inserito nel POF, eTwinning, magari si potrebbe pensare di partecipare a questa iniziativa. Fatemi sapere. Buon pomeriggio, Linda 

Ciao eTwinner, sei attivo in un team eTwinning nella tua scuola? E’ partito il “TUTTI PER UNO” CONTEST 2012! Partecipare è facile: pensa ad uno slogan per promuovere l’attività dei team eTwinning e inviaci la tua proposta, l’autore della frase vincitrice potrà partecipare, insieme ad una rappresentanza della scuola, all’evento nazionale eTwinning del prossimo dicembre, ed assistere alla premiazione dei migliori progetti 2012. Che aspetti? Attiva la tua fantasia e aiutaci a diffondere il lavoro collaborativo tra eTwinners, hai tempo fino al 30 novembre! Il tema è infatti quello degli eTwinning team, ossia un gruppo di docenti del medesimo istituto scolastico, più o meno esperti in attività europee di scambio o cooperazione, che ha il comune obiettivo di sviluppare, diffondere e supportare l’utilizzo e le finalità della piattaforma, al fine dell’attivazione di progetti di gemellaggio elettronico. Quello che cerchiamo è uno slogan vincente per far nascere la voglia di avviare nuove collaborazioni nella scuola. I team sono spesso una risorsa nascosta che può essere valorizzata e sostenuta e eTwinning è un ottimo spunto per fare squadra con i colleghi. Lo slogan deve essere breve ed incisivo, e contenere in poche parole il valore di lavorare insieme ad un progetto. Alcuni esempi? “Tutti per uno, eTwinning per tutti!”, “Chi fa da sé non fa team!” e così via, augurandoci una maggiore creatività da parte vostra! Il segreto è quello di sbizzarrirsi con la fantasia e trovare una frase d’effetto per descrivere il valore di lavorare in gruppo, in ottica interdisciplinare. Se poi non fate ancora parte di un team eTwinning poco male, potete sempre partecipare e utilizzare l’occasione per promuovere l’avvio di un gruppo nella vostra scuola, iniziando a cercare possibili colleghi interessati. http://etwinning.indire.it/articolo.php?id_cnt=2708

Slogan per promuovere l’attività dei team eTwinning [I.C. don Milani Latina]

Carissime/i,
ecco alcuni slogan proposti da bambine/i del nostro Istituto.

Buona visione, Linda Giannini Filomena Casella, Rossana Creo, Manuela Macor, Anna Maria  Triunfo + i bambini e le bambine della scuola dell’infanzia e della scuola primaria

  • Forza, andate su eTwinning!
  • eTwinning, e’ meraviglioso fare squadra, vero Europa!
  • eTwinning, e’ bello stare in squadra con tutta l’Europa
  • Un lavoro tutti insieme?
  • E’ bello lavorare in gruppo con i compagni!
  • Geronimo Stilton, un lavoro tutti insieme
  • Condivido questo disegno con i bambini di tutta l’Europa

Questo l’attestato di partecipazione ricevuto:

Le avventure del Signor 1 [scuola infanzia e primaria Latina]

Carissime/i,
qualche giorno fa ho incontrato a L’Aquila l’amica Anna Cerasoli e lei mi ha donato Le avventure del Signor 1. L’ho portato a scuola ed Alice F., che ora frequenta la classe 2^ di scuola primaria, lo ha letto a bambine/i della scuola dell’infanzia

Ecco alcune foto ricordo:

   
e… la loro voce …
  racconto 01   racconto 02

Il signor 1 nei disegni di bambine/i

http://www.kizoa.it/slideshow/d3798398k8926275o1/signor-1—disegni

Le avventure del Signor 1 di Anna Cerasoli

‘Tutto è numero’ diceva il grande Pitagora. Certo è che intorno a noi di numeri ce ne sono tantissimi: dai numeri civici, alle targhe automobilistiche, alle temperature o ai prezzi delle merci esposte nelle vetrine, a quelli del quadrante dell’orologio o quelli della tastiera del telefono… ‘Senza numeri’ dicevano Bud Spencer e Terence Hill in un vecchio film ‘non potremmo nemmeno ordinarci 2 Hamburgher!’ E a mostrarci quanti sono i numeri che ci circondano sarà proprio il primo di essi, il numero 1 che, stanco di starsene sul calendario, se ne va a zonzo per la città. I bambini, seguendo le sue avventure, avranno modo di scoprire le innumerevoli situazioni in cui sarebbe impossibile fare a meno di essi. Impareranno così i nomi e i simboli dei primi venti; poi sarà facile, di decina in decina, seguire come in un gioco lo sterminato percorso di quella che sicuramente è una delle più elevate invenzioni dell’intelletto umano: la numerazione decimale posizionale. 
Tratto da http://www.edizioniel.com/DB/scheda.asp?idl=2925

ITC .. per finta [scuola infanzia Latina]

Bambine/i amano giocare anche con i mezzi di comunicazione rotti (computer, telefoni, telefonini….) … e grazie a questi nascono interessanti giochi:

http://www.kizoa.it/slideshow/d3797895k1212577o1/itc-per-finta

eTwinning e le stagioni: Autunno [scuola infanzia Latina sez. B]

Ecco la poesia che abbiamo imparato per festeggiare L’AUTUNNO

Sono la stagione che ha il nome
che inizia con la lettera A

Per 4 i mesi ti terro’ compagnia
– Settembre
– Ottobre
– Novembre
– Dicembre

Alle foglie faccio cambiare il colore
E le foglie dall’albero faccio cadere

Autunno e’ il mio nome,
come puoi ben vedere!

eTwinning e le stagioni: l’autunno e la melagrana [scuola infanzia Latina sez. B]

In classe abbiamo osservato la melagrana, il frutto del melograno oltre alla castagna ed alle foglioline.

eTwinning e le stagioni: Autunno [scuola primaria, classe 4 Latina]

La legna brucia nel fuoco del camino come dei ceppi accesi sull’erba secca.
Dall’albero cadono le foglie a più non posso, e sulle montagne ci sta molta neve.
L’estate è finita e l’ autunno è arrivato.
E i bambini son tornati a scuola.
I funghi sono spuntati.
Le castagne son state raccolte!

LA LEGNA BRUCIA NEL FUOCO NEL CAMINO COME DEI CEPPI ACCESI SULL’ERBA SECCA. DALL’ALBERO CADONO LE FOGLIE A Più NON POSSO, E SULLE MONTAGNE CI STA MOLTA NEVE .

È arrivato l’autunno cadon le foglie rosse , gialle e arancione questi sono i colori delle stagioni.
Ci sono molte giornate brutte .
Le foglie cadono nel canale perché sta arrivando il Natale.
Ci prepariamo per festeggiare perché l’autunno se ne sta per andare.
L’orologio diventa più corto e l’albero diventa un po’ storto.
Le macchine non possono camminare perché sta per grandinare.
In cielo ci sono tanti stormi perché sta per arrivare il temporale .
L’autunno è già arrivato e un ramo si è staccato per un forte temporale che ha fatto stare tutti male.
È autunno e si mangiano le castagne e si raffreddano le campagne.
Il vento corre, e la nuvola scorre, verso il sole si presentano le ole .
La nebbia si presenta e si muove lento.

… ecco ora le foglioline della classe quarta … che a Dicembre raggiungeranno anche le scuole in ospedale di Milano e di Genova.

eTwinning e le stagioni: Autunno [scuola primaria, classe 5^ A e B Latina]

Un autunno speciale

La pioggia scrosciava tra i rami, il vento si portava via le foglie e il cielo era scuro come l’inchiostro. Paolo vedeva sul terreno tante foglie colorate e alberi spogli. Era arrivato il tramonto, Paolo tornò a casa ed ebbe una sorpresa! C’erano tutti i suoi amici di classe che giocavano con le foglie nel suo giardino. Per Paolo e i suoi amici fu proprio un “autunno speciale“.

Luigi Dell’Aversana e Abdennour Moumni

AUTUNNO

L’autunno è una stagione piovosa e colorata, piena di frutti polposi e morbidi, tra cui le castagne croccanti e calde, il melagrano ricco di vitamine, il melone invernale bianco, ma il frutto piu’ succoso dell’autunno è l’uva. In questa stagione gli animali vanno in letargo come i serpenti, gli orsi, ecc.. mentre le rondini quegli uccelli bianchi e neri, migrano verso l’Egitto. In autunno il vento soffia fischiando sulle finestre chiuse, l’aria è umida e fresca, iniziano a cadere moltissime foglie multi colore fino a formare un mare colorato. Ci sono anche funghi giganteschi a ombrello come il porcino buono e succulento, il gallinaccio strano e ricurvo, i pioppini piccoli e carini… Le persone si vestono con abiti pesanti come giacconi caldi per coprirsi dal vento e dalla pioggia, infin dei conti tutte le stagioni sono belle e l’inverno si avvicina!!!

Lorenzo C., Pietro, Stefano e Serena

Autunno colorato
La pioggia picchiettava sul fogliame colorato, il vento tirava via le foglie dagli alberi facendole cadere. Finì di piovere, venne un po’ di sole e spuntò un grande arcobaleno colorato. Luigi andò a passeggiare nel bosco dove vide gli alberi spogli e per terra tante foglie che sembravano un pavimento multicolore giallo,rosso,verde e arancione. Luigi poi tornò a casa per cenare, si affacciò alla finestra e notò un tramonto bellissimo che rifletteva sul mare di color arancione. Il giorno dopo Luigi fece una passeggiata al mare dove c’erano grosse onde che si scontravano sugli scogli. Quando tornò a casa, sentì la pioggia che batteva sulle sue finestre.

Davide Polese & Matteo Orsini

L’autunno

In autunno la pioggia scroscia tra i rami degli alberi, le foglie cadono come paracadutisti portati via dal vento. Il vento continua la sua avanzata come un treno che si schianta contro gli alberi, mentre il mare si rompe tra gli scogli. Si sente l’odore delle castagne sul fuoco portato dal vento. Questa stagione fa nascere molti frutti colorati, gustosi e saporiti. Sulle viti splende l’uva rotonda e succosa. In autunno il tramonto è lentissimo, pieno di colori meravigliosi. Alla fine l’autunno non è una stagione malinconica, ma in verità è un’ esplosione di colori.

Edoardo Marini, Daniele Petitti, Andrea Carbone e Federico Paone

L’autunno

L’ autunno è una stagione piovosa e colorata piena di frutti polposi e morbidi tra cui le castagne croccanti e calde, il melograno ricco di vitamine, il melone invernale bianco, ma il frutto più succoso dell’autunno è l’uva. In questa stagione gli animali vanno in letargo come i serpenti, gli orsi ecc… mentre le rondini, quegli uccelli bianchi e neri, migrano verso l’Egitto. In autunno il vento soffia fischiando sulle finestre chiuse, l’aria è umida e fresca, iniziano a cadere moltissime foglie multicolore fino a formare un mare colorato. Ci sono quei funghi giganteschi a ombrello come il porcino buono e succulento, il gallinaccio strano e ricurvo, i pioppini piccoli e carini. Le persone si vestono con abiti pesanti, come giacconi caldi per coprirsi dal vento e dalla pioggia. In fin dei conti tutte le stagioni sono belle, intanto l’inverno si avvicina!!!!

Pietro Iaione, Lorenzo Chianta, Serena Di Antonio, Stefano Ionescu

L’autunno

Il cielo era più limpido, il vento strappava via le foglie dai rami, pioveva a torrenti e anche se il Sole era splendente faceva più freddo. La città era abbandonata, sulla strada c’era un prato di foglie colorate rosse, gialle, marroni. Tutto era bagnato. Insomma l’autunno è una stagione triste.

Lorenzo Zorzetto, Cristian Femiano, Leonardo Ponzio, Carlo Porcelli e Gabriele Fasolilli

L’autunno e’ …

L’autunno è la risata dei bambini che giocano allegri tra le foglie, che sembrano coriandoli portati via dal vento. Il vento soffia creando un vortice di colori. Le foglie, adagiandosi a terra, formano un grande tappeto. Le gocce di pioggia, illuminate dal sole, cadendo sulla fresca erbetta verde, sembrano piccole pietre luccicanti. Si sente in lontananza il ritmico scoppiettio delle castagne sul fuoco, che rallegra il malinconico rumore della pioggia. Spuntano i primi funghi e si comincia a sentire la fredda aria dell’Inverno. L’Autunno quindi è una stagione colorata e allegra.

Giorgia Falso, Angelica Incollingo, Giovanna Damiano, Silvia Ji

L’ autunno ballerino

L’ autunno è una stagione piena di privilegi. Il vento porta via le foglie dai mille colori, mentre la pioggia bagna la terra che emana un odore assai intenso; la resina sugli alberi assomiglia a perle luccicanti, l’ erba verde e bagnata sembra uno smeraldo appena lucidato; gli alberi gettano le loro vesti diventando spogli. Si fanno lunghe passeggiate in mezzo ai boschi alla ricerca di castagne e funghi. Il mare si arrabbia perché non riceve più tante attenzioni come in estate. L’ autunno è…….. una stagione meravigliosa !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Eleonora D’ Arienzo, Eleonora Colarossi , Rebecca Perfetti

L’autunno e le sue meraviglie

L’ autunno è una stagione speciale e malinconica. Camminando nei boschi, si ascolta il fruscio sottile del vento che muove le foglie bagnate e si sente anche il forte odore della corteccia umida degli alberi. L’aria è limpida e il sole splende anche se non è tanto caldo. Osservando il cielo si vedono degli stormi che migrano. L’ autunno è una stagione piena di frutti, come l’uva succosa e dolce, i cachi e le castagne calde come il calore del sole. Gli animali vanno in letargo, il mare sbatte contro gli scogli portandosi via la spiaggia. Insomma l’ autunno è una stagione meravigliosa

Samuel Tomei, Alessio Angelino, Flavio Vitiello, Alessandro Tolfa

La stagione piu’ viva

L’autunno è una stagione piena di colori ma, alcune volte, sembra davvero tremenda a causa delle scontrose piogge. Il giardino di foglie variopinto sembra un mosaico che si estende come un grande impero. La pioggia scrosciante, da’ l’ impressione di torrenti che si scagliano contro il terreno, e il sole con i suoi raggi splendenti, dopo la pioggia, fa sembrare le gocce dei diamanti pregiati caduti dal cielo. Nei boschi iniziano a spuntare i funghi risvegliati dalla natura. Per i contadini è una stagione ricca di semina; i frutti sono le pere mature e morbide, le mele dure e succose e le calde castagne che scoppiettano sul fuoco. Insomma godiamoci l’autunno finche’ non arriva il primo gelo.

LAVORO DI GRUPPO:
Lorenzo Colangeli, Thomas Chittano, Angelo Pio D’alessandro, Antonio Pacini, Umberto Loreti

eTwinning e le stagioni: Autunno … ed il riccio in giardino

Carissime/i,
Carlo ed io abbiamo trovato in giardino un simpatico animaletto: il riccio e qui ve lo presentiamo.

Buona visione: Linda 

eTwinning e le stagioni: W l’autunno colorato al San Carlo!

Tutti ci divertiamo a fare impronte con le foglie! Perché con la super macchina verde andiamo in montagna a raccoglierle!!

Buon autunno da Alessandra ed i bambini del San Carlo di Milano

Mobilitazione docenti di Latina

Gentili genitori,

nell’ottica di una comunicazione e di un dialogo veri ed efficaci tra scuola e famiglia, nei quali fermamente crediamo, con questa lettera aperta intendiamo informarVi che il Collegio dei Docenti di questo Istituto comprensivo, in data 24 Ottobre 2012, ha aderito alla mobilitazione che sta interessando molte scuole in tutto il nostro paese. Lo ha fatto presentando una mozione contro: ddl 953/ex Aprea, che permetterebbe l’ingresso dei privati all’interno degli organi collegiali della scuola. Questo, in ragione del loro finanziamento esterno, influenzerebbe il Piano dell’Offerta Formativa; la mancata assegnazione degli scatti d’anzianità a tutto il personale della scuola; il mancato rinnovo del CCNL 2006/2009; il Decreto di Stabilità che vedrebbe l’aumento dell’orario di lavoro settimanale frontale dei docenti da 18 a 24 ore, senza alcun aumento di stipendio. Tale incremento orario comporterebbe l’insegnamento in un maggiore numero di classi con conseguente indebolimento dell’aspetto relazionale della didattica che risulterebbe spersonalizzata e sempre più distante dai bisogni dello studente. Si svaluterebbe, inoltre, il lavoro dell’insegnante che assumerebbe il ruolo di un semplice ripetitore di nozioni e trasmettitore di un sapere meccanizzato. Verrà meno il profilo intellettuale del docente perché il tempo che impiegava nella preparazione delle lezioni e della propria formazione professionale, sarà occupato dal carico di lavoro supplementare. Di conseguenza non sarà più possibile garantire agli alunni un’istruzione di qualità tesa a valorizzare le potenzialità di ognuno. L’effetto di questo provvedimento sarà devastante anche in termini sociali: se l’orario degli insegnanti di ruolo aumenterà di un terzo, inevitabilmente tutti i supplenti non potranno più accedere ad alcun contratto di lavoro nella scuola. Questo decreto costituirebbe, a nostro avviso, una grave lesione della dignità e dei diritti di tutti i lavoratori, non soltanto degli insegnanti, ed un pericoloso precedente antidemocratico e autoritario rispetto alla relazione tra Stato e cittadino. Con la presente si comunica inoltre che, durante l’intero periodo di mobilitazione, saranno sospese tutte le attività non obbligatorie per la funzione docente (progetti, corsi di recupero e potenziamento, gite, coordinamento dei consigli di classe, funzioni strumentali, etc.). I docenti, pertanto, si limiteranno al mero svolgimento dell’attività di insegnamento nella propria disciplina. Le iniziative intraprese sono finalizzate a sensibilizzare la pubblica opinione rispetto alle varie problematiche del mondo della scuola, sulla quale si stanno riversando messaggi che danno un’immagine distorta e falsa del lavoro che vi si svolge. Non sempre, infatti, tutto ciò che si fa al di fuori delle 18 ore in classe (preparazione e correzione elaborati, preparazione delle lezioni, rapporti con le famiglie e ricevimenti antimeridiani e pomeridiani, uscite didattiche che non sono assolutamente retribuite, colloqui con gli alunni, partecipazione ai consigli di classe ed ai collegi docenti, scrutini, esami, formazione delle nuove classi, programmazione delle attività curricolari ed extra-curricolari, verbalizzazione delle riunioni, somministrazione e correzione prove Invalsi etc.) è visibile agli occhi esterni e viene tenuto nella giusta considerazione. Lo si dà per scontato ma non sarebbe dovuto! Eppure, anche se non retribuito, questo lavoro aggiuntivo è regolarmente svolto e ci fa “vivere” la nostra professione in un modo che riteniamo utile alla formazione dei nostri e vostri ragazzi.

Il Collegio dei docenti