I vari tipi di centrale

Le centrali elettriche

La corrente elettrica viene prodotta in diversi tipi di centrali. Il “cuore” di tutte le centrali è rappresentato dalle turbine, simili alla ruota di un mulino, e da uno o più alternatori che sono macchine in grado di trasformare in corrente elettrica il movimento delle turbine. La corrente prodotta è poi inviata dove occorre tramite i cavi elettrici. Le centrali si differenziano per il modo in cui le turbine vengono azionate.

 

Le centrali idroelettriche

Nelle centrali idroelettriche le turbine sono mosse dal movimento di caduta dell’acqua. Una diga sbarra il corso di un fiume o di un torrente e si forma un lago artificiale. L’acqua del lago viene convogliata nelle condotte forzate, grossi tubi caratterizzati da una forte pendenza. L’acqua, precipitando con forza dalle pendenze, giunge alle turbine delle centrali elettriche e le mette in moto.

 

Le centrali termoelettriche

Nelle centrali termoelettriche le turbine sono mosse dalla pressione del vapore. Per far bollire l’acqua, in enormi quantità, e produrre cosi il vapore, vengono bruciate carbone (solido), gasoli (un liquido che si ricava dal petrolio) o metano (gas), chiamati combustibili fossili.

 

Le centrali nucleari

Nelle centrali nucleari le turbine sono mosse dal vapore, ma il calore necessario a produrlo è ottenuto sfruttando l’energia atomica di sostanza particolari come l’uranio.

Le centrali geotermiche

Nelle centrali geotermiche le turbine sono mosse direttamente dal vapore che, in alcuni luoghi, fuoriesce dalle profondità della terra.

 

Le centrali eoliche

Nelle centrali eoliche a ruotare non sono le turbine, ma grandi pale mosse dal vento a cui sono collegati i generatori di elettricità.

                                                              Alice Gualdieri

La centrale disegnata da Alice

La centrale disegnata da Alice