Beeelinda fuori dal gregge

“Beeelinda è una pecorellaaaa,  le manca qualche rotellaaaa.”

Così cantano i bambini della seconda B del plesso G. Deledda e raccontano di Beelinda, tranquilla pecorella che un giorno decide di … cambiare un po’ la sua vita.

Da un libro di Manuela Salvi nasce un bellissimo lavoro, disegnato e sonorizzato dai bravissimi bimbi della 2°B.

buona visione.                           Schermata 2016-06-25 alle 18.05.24

la Redazione Giugno 2016

La storia di Filippo

I bimbi della scuola Perempruner hanno ideato, sceneggiato e realizzato il cortometraggio “La storia di Filippo”.
Dopo essere stati al museo del cinema….ed aver visto un film di animazione (Hotel Transilvania) per rispondere ad una serie di stimoli nati dalla  visita….tra l’altro in prossimità di Halloween, i bambini hanno inventato una storia.

Hanno creato uno storyboard che hanno visionato in un …  finto televisore creato per l’occasione.  Poi hanno deciso di farne un piccolo film.

Scelti i ruoli di ciascuno … anche  per le riprese con la videocamera (ovviamente accompagnati) i bambini hanno recitato seguendo lo storyboard, qualche volta a braccio, qualche volta con una piccola imbeccata delle maestre, questo è il risultato.

Buona visione.

la Redazione giugno 2016

art011: un sito per ragazzi, genitori ed insegnanti.

Cari ragazzi,

vi segnaliamo il sito art011 nato dalla creatività e professionalità del vostro insegnante d’Arte, prof. Marco Savio.

Nonostante stia insegnando in un altro Istituto ha lasciato nella nostra scuola non solo un bel ricordo ma tante esperienze concrete e di noi si ricorda spesso.

Copertina-Ah-profSfogliate, navigate tra le belle pagine web di art011,

troverete un tributo alle attività cinematografiche e di storytelling vissute con noi,

splendidi approfondimenti sull’Anamorfosi, le foto d’Arte ed un importante
approfondimento sulla Cappella Sistina.

L’ultima sezione presenta i tre iBooks prodotti dal prof. Savio che, figlio d’arte (papà fotografo), ci stupisce ed affascina con il magico mondo della fotografia .

Un libro, a disegni, poi sembra dedicato a voi: “Ah prof. ma a noi l’Arte a che ci serve?

non mancate di cliccare su http://www.art011.it

I ragazzi delle scuole Croce, Morelli e Verga potranno ritrovare i disegni degli scorsi anni su www.artescuola.wordpress.com

la redazione Giugno 2016

IC “Ilaria Alpi” e il torneo di Basket.

Nella palestra della scuola B. Croce si sono incontrate alcune classi delle scuole primarie MG. Deledda, G. Perotti e della media B. Croce.

Vincitori il gruppo di ragazzini della G. Perotti e secondi a pari merito  le altre due squadre.

Complimenti e valga, come sempre, il motto: l’importante é partecipare! e divertirsi, aggiungiamo noi !!

Madalina e Fabiola 1°DIMG_20160525_112744987_HDR

la redazione  maggio 2016

 

clicca  QUI per vedere le immagini

Un Origami per l’integrazione.

 

Anche quest’anno i  bambini e i ragazzi del nostro Istituto Comprensivo, hanno partecipato
alla più che mai colorata e vivacissima festa dell’Origami.logo

Il Primo Premio, attribuito nell’ambito della  manifestazione “Un origami per l’integrazione”, è stato assegnato alla 4°D con l’Origami: “Un quadro di classe”.

 

I bambini hanno realizzato una splendida composizione che vuol rappresentare il mondo, nostra tonda casa, e le creature che lo abitano.

 

Complimenti a bambini e maestre! Bravissimi!

4D

 

 

Altrettanto magici i ragazzi della  2° A del plesso Croce, che hanno portato a casa il secondo Premio con   “Una torre Eiffel per non dimenticare”.

IMG_0340

il video clicca qui

La redazione  Maggio 2016

KET for schools.

cambridge 1

CAM02120

 

CAM02130

Il 28 maggio 2016 presso il plesso B. Croce dell'I.C. Ilaria Alpi,

sede Cambridge per le certificazioni europee, 

si sono  tenuti gli esami KEY ( KET for schools ). 

Oltre agli alunni della scuola hanno sostenuto gli esami 

gli studenti dell'Istituto Madre Cabrini, dell'I.C. Turoldo 

e dell'I.C. Casellette.

la Redazione   Maggio 2016

CAM02123#1

CAM02122

 

La Seconda B e “il mare rubato”.

Gli alunni della classe 1°B della Scuola Primaria Perotti nell’anno scolastico 2014-’15 hanno avuto la possibilità di avvicinarsi al mondo dell’arte ed in particolare al Teatro delle Ombre grazie al Laboratorio Mus-e, condotto dall’artista Anna Mostacci.Schermata 2016-05-29 alle 11.09.38

Al termine di un percorso molto ricco e significativo per tutto il gruppo, i bambini hanno messo in scena lo spettacolo “Il mare rubato”. Da qui è nato il desiderio di documentare questa esperienza di qualità, ma… non è certo facile riprendere uno spettacolo “al buio”…!

All’inizio della classe seconda la Fondazione S. Paolo ci ha offerto mezzi e risorse per filmare sia lo spettacolo che il “back-stage” e grazie alla collaborazione di tutti sono stati realizzati due video, uno breve e uno completo: così adesso è possibile condividere questo bel lavoro e i suoi risultati.

Il Video prima parte             clicca QUI

il Video seconda parte         clicca QUI

la redazione

Maggio 2016

Chimica e profumi all’IT Casale.

Ieri siamo andati all’Istituto Tecnico Casale. Appena entrati due professoresse molto gentili ci hanno spiegato cosa si studiava in quell’istituto. Chimica, organica e microbiologia, thumb_20160429_101051_1024insieme alle altre materie come italiano e matematica, e, alla fine degli studi, si poteva già lavorare. Spiegatoci cosa avremmo fatto ci hanno condotti al laboratorio di chimica, dove abbiamo parlato di acidi basi. Ci hanno spiegato come il cavolo rosso, grazie ai suoi pigmenti, se messo in contatto di un acido o con una base, cambi colore. Quindi ci hanno divisi in gruppi: uno per ogni banco da lavoro e abbiamo messo il cavolo nel becker (un contenitore di vetro), riempito d’acqua distillata e messo a bollire sulla fiamma ossidante. Quando il cavolo si è messo a bollire, il mio compagno con cui stavo facendo l’esperimento, ha preparato il filtro datoci dalle professoresse e lo ha messo nell’imbuto. Io ho spento la fiamma, alzato il becker e con apposito bastoncino di vetro ho filtrato la soluzione. Il processo era abbastanza lento e la soluzione che scendeva nel raccoglitore messo sotto l’imbuto si chiamava estratto di cavolo; ci siamo coperti il naso per la puzza tremenda del cavolo!!! Intanto le prof. thumb_20160429_111900_1024Avevano preparato delle provette con acidi e basi. Ogni gruppo ne aveva estratto un po’ e messo nelle provate loro date. Tornati alle nostre postazioni di lavoro (banchi da lavoro) abbiamo aggiunto estratto di cavolo in ognuna delle provette di acidi e basi con una pipetta e le soluzioni hanno subito cambiato colore. Ci hanno dato una vasta gamma di prodotti casalinghi da analizzare e scoprire se erano acidi o basi e che ph avevano (il ph è l’unita di misura che indica l’acidità o la basicità delle sostanze). I colori delle soluzioni nelle provette, che intanto avevano cambiato colore col cavolo rosso, assumevano colori dal giallo al blu scurissimo delle basi forti al rosso acceso degli acidi forti. Alla fine abbiamo messo le boccettine con le soluzioni su una lastra di vetro e abbiamo confrontato i risultati di tuttithumb_20160429_101149_1024 quanti e alcune sostanze avevano colori accesi e ben visibili, mentre altre avevano colori spenti e molto instabili, perché poco diluite o con troppo o troppo poco estratto di cavolo. Alcuni gruppi addirittura hanno scelto sostanze uguali ottenendo però risultati diversi. Dopodichè siamo passati rapidamente dalla stanza delle bilance e nell’aula di microbiologia. Lì è stato molto bello perché ci hanno fatto vedere le lastre per la coltivazione dei batteri, c’erano degli alunni in camice con occhiali e guanti che guardavano al microscopio le lastre di batteri e li nutrivano. La prof.ssa di microbiologia ci ha spiegato cosa si studiava in quell’aula e ci ha mostrato diversi tipi di batteri che coltivavano gli alunni come gli streptococchi, con i loro nomi (complicatissimi). Poi siamo passati nell’aula di elettronica dove tenevano computer e uno strano apparecchio alto circa mezzo metro e largo qualche decina thumb_20160429_111849_1024di centimetri. Era un macchinario che serviva per analizzare composti come l’acqua, dirti quali sostanze contiene, come nell’acqua del rubinetto in cui sono presenti sali minerali come il calcio, il sodio e tanti altri e darti addirittura la quantità in microgrammi. Dopo siamo andati in un’aula piena di boccette, provette e armadi dove c’erano gli armadi con il materiale degli alunni e degli alunni che stavano seguendo una lezione di chimica. Se non sbaglio quella doveva essere un’altra aula di chimica, solo che lì si studiava chimica elementare(degli elementi) mentre nell’altra si studiavano le reazioni degli elementi tra loro e come analizzarli. Alla prof.ssa di chimica , che ci stava guidando nel tour, quell’aula piaceva molto, perché diceva che le ricordava i laboratori della scientifica nei polizieschi. Fatto questo ci siamo diretti nell’aula di organica, dove insegnava la seconda prof.ssa che ci stava guidando nel giro della scuola, ed era piena di teche di vetro. In quelle teche c’erano un bollitore al silicio (non si potevano usare bunsen, perché in quell’aula c’erano molti materiali infiammabili e pericolosi) una sorta di enorme provetta di cui nn ho capito la funzione e qualche provettina piccola. Lì si impara a fare medicinali, come l’aspirina, e profumi. Ci hanno fatto sentire il profumo di garofano creato in quel laboratorio e fatto vedere delle fornaci usate per riscaldare le sostanze. A quel punto il nostro giro era finito; ci siamo salutati, gli abbiamo ringraziati per il giro stupendo e ci siamo incamminati verso la nostra scuola.

Karim 2°C

la Redazione Maggio 2016

La 1° A della scuola Perotti al Sottodiciotto Film Festival

“Il Paese dei colori, liberamente tratto dal libro di Paolo Marabotto, è stato realizzato dalla classe 1^ A del plesso Perotti nell’ a. s. 2014-15, nell’ambito del progetto Mus-e.
Una buona storia è il primo mattone su cui costruire, ma l’opera è frutto di un lavoro d’insieme realizzato a più mani, a più voci che è stato possibile portare a termine unendo le forze, perché ognuno ha delle grandi potenzialità ma anche dei limiti.”

la redazione

dicembre 2015

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

immagine-1

La quinta C e le prime dell’Istituto Comprensivo “Ilaria Alpi” a Pracatinat.

IMG_3823 - Versione 2

La Quinta C a Pracatinat: il video Clicca qui o sulla fotografia sotto

thumb_IMG_1916_1024

 

 

 

 

Versione 2

Le prime con il video Pracatinat in 30 secondi clicca qui

oppure qui VIDEO

Ed eccoci ragazzi con l’ultimo video delle classi prime B, C e D della sede Croce, buona visione.

 

Video parte prima clicca qui     oppure qui

Video parte seconda clicca qui  oppure qui

Prime Pracatinat - 278

 

LA REDAZIONE DICEMBRE 2015