L’ I. C. Ilaria Alpi riceve la certificazione “Best Italian Cambridge English Preparation Centre!”

Bologna, 05 Maggio 2017
Il  Cambridge English Language Assessment, dipartimento dell’Università di Cambridge per la certificazione della lingua inglese, ha segnalato la scuola per essersi distinta nella preparazione alle certificazioni nella categoria: Best Italian Cambridge English Preparation Centre.

Questa candidatura è un riconoscimento del valore della didattica, dell’ottimo lavoro svolto , della collaborazione con l’Università di Cambridge, per la dedizione mostrata dalla Scuola nella promozione della lingua inglese.

Un ringraziamento particolare alla professoressa Paola Peter, da anni motore e voce delle certificazioni Cambridge nel nostro Istituto.

Well done! Congratulations !

La redazione giugno 2016

Social World-Social Wall, l’inaugurazione.

Quando l’Arte incontra la Scuola ne scaturisce una miscela magica. Tutto diventa possibile.
E così l’ambizioso progetto “Social World/Social Wall  –  Un avamposto per gli artisti di Barriera di Milano”, avviato  nel novembre 2016, ha segnato il tempo della scuola, del territorio, la storia dell’Istituto Comprensivo Ilaria Alpi, coinvolgendo gli artisti, gli alunni, gli insegnanti.

Coordinati dalla prof.ssa Mariachiara Guerra, gli allievi e gli artisti Alessandro Bulgini e Alessandro Rivoir, che vivono e operano nel territorio di Barriera di Milano, hanno realizzato un’opera d’arte collettiva, pensata e concepita a partire  dall’esperienza comune, nello scambio, nella relazione, sul territorio.

Da questo fecondo incontro sono nati due murales, una bandiera emblema giovanile della “Barriera”, uno stendardo-pagina Web, un allestimento di Luci d’artista ( il primo in Barriera di Milano ), le magliette-ideogrammi.

Il futuro è già presente nei valori e nelle tematiche espresse: la pace, la giustizia e la condivisione, San Giorgio è ora l’amazzone Olivia che interagisce giocando con il drago
( qui il simbolo di un potere al servizio di tutti ), l’accoglienza, l’onnipresente marziano ( chi più di lui è straniero in questo mondo ) viene accolto in questo scenario quanto il saggio Panda ( la perseveranza e la forza ) e la misteriosa Volpe a nove code.

Collegamenti tra le casette, la Barriera non è più barriera.

La scuola si è colmata di luce, di speranza, i ragazzi e gli artisti offrono un modello anche politico-utopico di vita, di sviluppo sociale, dove le chiavi della accoglienza, della tolleranza sono a disposizione di tutti, purchè lo si voglia, ci si creda.

la redazione Maggio 2017

La 2°C e l’intercultura.

La classe 2C ha, con grande entusiasmo, prodotto una serie di testi autentici per la casa editrice Loescher. I testi saranno inseriti all’interno di tre dossier dell’Antologia di prossima uscita. Per documentare il lavoro è stato girato un video dallo studio Zenit in cui la classe spiega il lavoro fatto e ciascuno legge i testi prodotti.
Una grande fatica, soprattutto perché durante il video i ragazzi hanno dovuto superare la timidezza e sono stati sul set quattro ore in un caldo torrido !?!
Però una bella esperienza di gruppo!

Bravi, bravissimi!!!

la redazione maggio 2017

Alla BCroce ci sono i coccodrilli!

Lo scorso martedì 6 giugno un gruppo di 14 alunni delle classi prime
della scuola media “Croce” ha messo in scena lo spettacolo “Nel mare ci sono i coccodrilli”, ispirato all’omonimo libro di Fabio Geda.
La performance è stata allestita nel corso di un laboratorio teatrale condotto a scuola dal prof. Massimo Sarappa.
E’ stato presente all’evento l’autore del libro, che, con grande disponibilità, ha risposto alle numerose domande che i ragazzi gli hanno rivolto dopo lo spettacolo.
Al gentilissimo Fabio Geda vanno i più sentiti ringraziamenti di tutta la scuola. Il libro racconta la storia vera di Enaiatollah, un ragazzo afghano che, a soli dieci anni, senza documenti e senza soldi, è stato costretto a fuggire dal suo Paese e a compiere un viaggio allucinante, attraversando da solo, tra mille vicissitudini, il Pakistan, l’Iran, la Turchia e la Grecia, fino ad arrivare in Italia. I ragazzi della “Croce” hanno fatto altre due repliche dello spettacolo nei giorni successivi.

“A caccia delle opere di Millo” al Salone del libro Off!

Le classi 1°B, 2°C e 3° B e 3°C hanno partecipato al progetto B.Art – Arte in Barriera che ha visto realizzare dallo street artist  Millo, su tredici facciate cieche di edifici pubblici e privati del quartiere,  una grande opera d’arte pubblica; ai ragazzi sono state presentate le opere favorendo così una miriade di riflessioni e spunti creativi, trasformati  nell’elaborazione a scuola  in altrettanti racconti.

Ne è nato un bel prodotto interattivo presentato e condiviso in un laboratorio aperto al pubblico del Salone del libro Off.  https://prezi.com/j_jsntk4nkt8/bart/

Video B. Art  https://youtu.be/xfJfrN0OckUvideo

la redazione maggio 2017

3B & 3C sulle montagne di Pracatinat.

Le classi della BCroce presso la fontana al prato “generale Nicolas de Catinat”

La salita a Pracatinat è quasi una tradizione per la nostra scuola e ad onorarla quest’anno ci hanno pensato le terze B e C.

Pochi giorni ma intensi, di gioco, passeggiate attività naturalistiche, avventura;
la giusta ricarica prima degli impegnativi esami di licenza media.

Auguri ragazzi, in bocca al lupo …. della val Chisone!

la redazione maggio 2017

https://youtu.be/2BiUgmKvGw4

CLICCA QUI

La 1°B al Salone del libro.

Giorno 18 maggio la classe 1B  si è confrontata un’impresa titanica: la coda ai cancelli d’ingresso  alla prima giornata del Salone del libro di Torino “Oltre il confine”. Ma ad attenderla dopo la barricata c’era un mondo di libri che ne valeva la pena: meraviglia di fronte ai pop-up per scoprire lo spazio o  i muscoli del corpo umano,  i coloratissimi libri d’arte in lingua, i giochi tattili, i fumetti e i manga, l’ allegria dello stare tutti insieme. I ragazzi hanno anche partecipato ai laboratori della RAI per il doppiaggio di un cartone animato e hanno   appreso della tecnica di animazione dello stop motion.

la redazione maggio 2017

Football3 Viotti

Il 6 giugno 2017 siamo andati a fare una partita di football 3.

Ci siamo divertiti tanto, anche se abbiamo perso, abbiamo lottato lo stesso.
Eravamo divisi in tante squadre: ma le squadre avevano delle pettorine diverse, ci hanno consegnato un foglio in cui si doveva scrivere il nome della squadra e scegliere 3 regole fisse.
In seguito c’erano anche dei campi detti: Campo 1, Campo 2 e Punto liquido, in cui si doveva rispondere a 5 domande delle quali l’argomento principale era l’acqua.
Dopo che abbiamo finito le partite ci hanno regalato degli stikers. Infine la giornata è stata divertente.
Lorena, Clintin, Ziyi
Prof è  l’e-mail che mi ha chiesto di fare, ho aggiustato qualcosa sull’italiano perchè nn era corretto spero vada bene.
 Buona giornata

Parole ostili e la comunicazione non ostile.

“Parole O_Stili è un progetto di sensibilizzazione contro l’ostilità delle parole in Rete e nei media per ridurre e combattere le pratiche e i linguaggi negativi. Le parole sono importanti, hanno un potere enorme. Troppo spesso sono utilizzate in modo improprio, offensivo, sleale, impreciso, maleducato, diseducativo;spesso inconsapevole delle conseguenze che può generare.” Parole O_stili ha avuto il suo primo momento di confronto il 17 e 18 febbraio a Trieste quando, durante un evento organizzato assieme alla Regione Friuli Venezia Giulia, alla presenza della Presidente della Camera Laura Boldrini, diverse realtà e la community si sono confrontate su linguaggi e comportamenti digitali.

Il 15 maggio, dopo un percorso svolto in classe, anche la 1B del Plesso Croce ha seguito in streaming  insieme ad altre scuole d’Italia la riproposizione dei 10 punti del “Manifesto della comunicazione non ostile”e lo ha sottoscritto, volendo adottare pratiche propositive e realmente comunicative, perché “la ferita provocata da una parola NON guarisce”.

la redazione maggio 2017

Le disavventure di Kikko e Kikki.

“La droga: una storia triste. Le disavventure di Kikko e Kikki”. 
Questo è il titolo del fumetto realizzato dalla classe 3^ B a conclusione di un percorso di riflessione sull’uso delle droghe. Rosanna, educatrice del progetto Provaci ancora Sam, ha proposto ai ragazzi un video, che è diventato un fumetto. Il messaggio è: “state attenti alle cattive amicizie!”.
la redazione maggio 2017

Tutto sulle materie plastiche?

 La seconda B ha approfondito l’argomento “materie plastiche” attraverso un’attività che, prevedendo l’utilizzo delle Nuove Tecnologie  per illustrare alcuni concetti relativi alle materie plastiche (storia, tipologie e proprietà, prodotti e usi, processi produttivi, riciclo e sostenibilità ambientale)  si è svolta con diverse esperienze laboratoriali.

 

Queste sono state le fasi di svolgimento delle lezioni laboratorio:

Fase 1 (60 min)  Introduzione alle materie plastiche:
– Proiezione di due video stimolo sulla plastica, uno ‘allegro’ e uno ‘triste’-        Brainstorming: scriviamo alla lavagna il nome di tutti gli oggetti fatti di plastica che ci sono nell’aula
–  Compilazione a gruppi di un questionario su plastica (valutazione predittiva)
–  Illustrazione mappa concettuale

Fase 2 (20 min)  Proiezione di video sulla storia della plastica, e su come sarebbe la nostra vita senza le materie plastiche. Analisi della linea del tempo sulla plastica.

Fase 3 (40 min)  Le proprietà della plastica (fisico-chimiche, meccaniche e tecnologiche), le materie prime, lavorazione primaria, processo di polimerizzazione. Resine termoplastiche e termoindurenti: esperimenti sugli effetti del calore sulla plastica. Classificazione: l’albero della plastica.

Fase 4 (30 min)  Proiezione di video sui processi produttivi industriali della plastica: calandratura, stampaggio per iniezione, estrusione, soffiatura, compressione, sottovuoto, termoformatura. Esempi di materie prime utilizzate e prodotti relativi ai diversi tipi di produzione. Fase 5 (30 min)  Plastica e ambiente: la raccolta differenziata, il riciclo, le bio-plastiche. Consultazione sul mondo della plastica sul sito Worldmapper e Preciousplastic. Illustrazione visite possibili a musei, anche virtuali. Illustrazione materiale a disposizione sul sito della scuola.

Fase 6 (60 min)  Verifica con Kahoot!

Fase 7 (120 min) Costruzione lampada

qui sotto l’ampia documentazione dell’esperienza

     

     

      

 

la redazione maggio 2017