UN'ALTALENA TRA POESIA E ARTE

"Mi diverto a far poesia"

Ecco la menzione speciale!!!

Filed under: Scriviamo insieme — maggio 23, 2012 @ 5:47 pm

 

Concorso teatrale

Filed under: Scriviamo insieme — maggio 20, 2012 @ 6:12 pm

Cari amici abbiamo avuto un periodo di sosta negli articoli… ma non nel lavoro!!!! ūüôā

Infatti con il nostro rodato gruppo teatrale abbiamo creato un nuovo copione¬†dal titolo “POETANDO…IN BIT”, con il quale abbiamo partecipando alla rassegna teatrale nazionale “ADMAIORI”, svoltasi a Maiori (SA) nella settimana tra il 13 ed il 19 maggio.

Oltre ai vari consensi ottenuti dalle altre Scuole presenti, i nostri ragazzi hanno ricevuto il premio “Menzione speciale” per un’originale rappresentazione teatrale¬†dal linguaggio¬†fresco ed attuale.

  Complimenti ai nostri ragazzi!!!

Spettacolo teatrale

Filed under: Scriviamo insieme — dicembre 17, 2011 @ 4:59 pm

Marted√¨ 20 dicembre 2011 alle ore 16.00 presso la Palestra della Sede Centrale della Scuola Secondaria¬†di I¬į grado GIOVANNI XXIII di CAVA DE‚Äô TIRRENI (SA) si rappresenter√† il lavoro teatrale creato dai¬†ragazzi che hanno partecipato al¬†PON “UN’ALTALENA TRA POESIA E ARTE”.

Vi aspettiamo numerosi!!!!

 

Magie autunnali…

Filed under: Scriviamo insieme — dicembre 10, 2011 @ 8:03 pm

Ragazzi… ricordate la passeggiata di Marcovaldo nella sua citt√† di sempre, una passeggiata solitaria in¬†una citt√† dormiente, una citt√† che rivela segreti sottesi, nascosti che si dischiudono solo alla sensibilit√† di chi vuole coglierli, di chi si vuole mettere in ascolto…

Ecco cos√¨ sono nate delle bellissime poesie ispirate all’osservazione della natura, all’attenzione posta verso i particolari, per diventare consapevoli, per sentire quei profumi assopiti in una memoria lontana e bambina…

Ragazzi, facciamo riscoprire a tutti la bellezza e la magia dei versi…

 

 

Dan Gibson’s Solitudes – Emerald Forest – 07 – Emerald Forest

Autunno

 

Oh, che bellino

l’autunno bambino

vola tra alberi e praticelli

come tanti stormi d’augelli

 

E come il flauto ulula il vento lieve

e cade nella pelle come bianca  e fievole neve

 

Le foglie invecchiano poverine

come tante anziane nonnine

 

I colori si mischiano, giocano, ridono insieme

Diventano unico amore, un seme.

 

Oh autunno, fanciullo ridente

Ecco, arriva la tua sofferenza dolente

 

Ed ecco il tuo dolor trasformarsi in musica e vita

perché tu mantieni sempre la tua vita.

 

                                                                   Anna  II E

 

Prendiamo una lente d’ingrandimento! Attenzione arriva una…. Poesia visiva!?!

Filed under: Scriviamo insieme — dicembre 10, 2011 @ 7:30 pm

Realizzare una poesia per immagini, sconvolgere la pagina con parole e disegni, inventarsi ed inventare un mondo nuovo, una pagina diversa, divertirsi per divertire, emozionarsi per emozionare,

√® cos√¨ che si gioca con le parole, ma si imparano anche tutti i possibili strumenti che servono per creare, per dar luogo a quella che si potrebbe definire una dolce e simpatica magia sul foglio bianco…

Vi piace l’idea, che ne pensate?

Il poeta √® un gran giocherellone… quando si tratta di parole!!!

Filed under: Scriviamo insieme — dicembre 10, 2011 @ 7:06 pm

I ragazzi del progetto hanno inoltre realizzato un piccolo copione teatrale, ricavato da osservazioni e da poesie da loro elaborate, e anche da brani in versi e non, che parlano di  poesia. In questo breve passaggio che vi viene proposto si parla delle rime e del ritmo:

Giusy : Guardare la realtà con occhi nuovi e scoprirla di volta in volta…

Anna: Meraviglioso…

Gilda: brava, √® proprio questo…

 Doriana: E come fa il poeta e far tutto ciò?

Gaia: In primo luogo scrive in versi, e non in prosa!!!

 Giada: si, si ma come fa a rendere la musica che danza dentro e attorno a noi?

Miriam: tra i tanti strumenti che ha a disposizione, uno che gli consente di dare il ritmo √® sicuramente ‚Äú la rima‚Ä̂Ķ

 Anna: eh si … il poeta è un gran giocherellone, quando si tratta di parole!!

E proprio sulla scia di questi interventi dei ragazzi, vi proponiamo un esempio di poesia in rima da loro studiata e  interpretata e una poesia  scritta da Flavia di II H:

    Per Lei                                                                           Fantasia

     Per lei voglio rime chiare,                                  Vorrei rendere realtà

¬†¬†¬†¬† usuali: in –are.¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† la mia fantasia

     Rime magari vietate,                                      farvi capire che la felicità

     ma aperte, ventilate.                                      non è malinconia…

     Rime coi suoni fini                                                 Essere solare

¬†¬†¬†¬† (di mare) dei suoi orecchini.¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† anche quando son gi√Ļ di morale

     O che abbiano, coralline,                                 Rallegrarmi

¬†¬†¬†¬† le tinte delle sue collanine.¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† nei pensieri pi√Ļ oscuri

¬†¬†¬†¬† Rime che a distanza ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†e capire che ormai non c‚Äô√® pi√Ļ nessuno

     (Annina era così schietta)                                perché in questo mondo c’è solo falsità

¬†¬†¬†¬† conservino l’eleganza ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†e non conta la lealt√†‚Ķ

     povera,ma altrettanto netta.                          E quindi vorrei

     Rime che non siano labili                                  vivere nella fantasia

     anche se orecchiabili.                                         anche se del reale mondo

     Rime non crepuscolari,                                       ne sentirei nostalgia…

     ma verdi, elementari.                                                                 Flavia  II H

                                       G.Caproni

Creatività al lavoro!

Filed under: Scriviamo insieme — dicembre 5, 2011 @ 4:18 pm

Mettiamoci in gioco con le onomatopee, le similitudini, le analogie e le metafore!!!

Tavola di scrittura creativa di Anna di II E

“Giochiamo con le rime”… Poesie scritte dagli allievi del PON Un’altalena tra poesia e arte della Scuola Secondaria di I¬į “Giovanni XXIII” di Cava de’ Tirreni

Filed under: Scriviamo insieme — dicembre 5, 2011 @ 12:42 pm

La poesia come creazione, la poesia come gioco… giochiamo con le rime!
Ecco alcuni esempi di poesie scritte dai ragazzi:

Camminavo in un bosco
e d’un tratto… su di un ramo
cantava un uccellino pian piano.
Sentendolo ne fui subito appassionato
e mi fermai per un po’ interessato
mentre me ne andavo ricordavo questo canto
e non riuscir√≤ pi√Ļ a dimenticarlo.
Era un canto dolce e sincero
che scaldò il mio cuore come d’incanto.
Alessio I H

L’estate arriva gioiosa
e molto afosa
di sera una leggera brezza
lieve mi accarezza
il viso, lieve abbraccia il corpo
egli non ha nessun torto.
L’estate è amata da tutti
E porta tanti e buoni frutti.
Il mare è cristallino
sembra proprio un gioiellino
sopra porta una distesa di pesci colorati
e per magia diventano fatati.
Adele  I F

Scheggia

Scheggia tu che arricci il muso
che guardi con sguardo confuso
che ti credi la regina che comanda tutto
e sei sempre dappertutto,
alle volte però ti batte il cuore
E mamma ti fa sentire dolore
Perché sei sempre tra i piedi
E quando hai fame il cibo mi chiedi!
Quando usciamo sei agitata,
al guinzaglio sei legata,
e tu canti con la mamma ‚Äúla, la, la‚Ķ‚ÄĚ
e quando ti chiamo corri di là
sei una tipa da montagne
e cacci funghi e castagne.
Dai la caccia agli insetti fuori al balcone
e il tuo carattere è come il tuo nome
La cockerina del mio cuore
Nadia II F

 

Similitudine, metafora e analogia – Tavola di scrittura creativa di Flavia II H

Filed under: Scriviamo insieme — dicembre 5, 2011 @ 12:27 pm

Proviamo dunque a giocare con le figure retoriche del significato, prestiamo la dovuta attenzione al campo semantico delle parole:
Facciamo un esempio…

Similitudine: accarezzo i tuoi capelli neri come la notte

Metafora: accarezzo i tuoi capelli notturni

Analogia: Accarezzo la tua notte.

Che ne dite di provare anche voi?!?

Una poesia per immagini… elaborato grafico di Cristina II G

Filed under: Scriviamo insieme — dicembre 5, 2011 @ 12:18 pm

La poesia si rivela come occasione nuova… come momento unico e irripetibile per¬†guardare il mondo attraverso miriadi di bolle di sapone, per scoprire di volta in volta la nostra vera essenza… e scoprirci estasiati e persi di fronte ad un mare autunnale…

 

 

Qui di seguito vi proponiamo una poesia su cui i ragazzi hanno realizzato delle immagini:

Con l’afa arriva il tonfo

Con l’afa arriva il tonfo
del sasso nello stagno
un ciangorrio e un trionfo
di risatine al bagno

delle oche ‚Äď le voci
bambine dietro il fitto
delle canne ‚Äď felici
dell’oro che le inghiotte.

Toti Scialoja

 
Vai alla barra degli strumenti