I canali di Marte, di Samuel Loyd

Eccovi una mappa delle città e dei canali di Marte che potete stampare per muovervi meglio con carta e matita.

i canali di marte s loydPartite dalla città al Polo Sud, indicata con N, e provate a formare una frase completa facendo il giro di tutte le città, toccandole ciascuna una sola volta e tornando al punto di partenza.

Quando questo gioco fu pubblicato per la prima volta in una rivista, oltre cinquantamila lettori scrissero:

” Non c’è alcuna soluzione”  .

Eppure il gioco è piuttosto semplice… :mrgreen:
Stats

Il nipote ammalato

Questo piccolo enigma è di Samuel Loyd* che scrive:

Ecco un curioso problemino di parentele che ha una soluzione divertente“:

Lo zio Reuben andò in città a far visita alla sorella Marianna.

Stavano passeggiando insieme lungo la strada quando arrivarono di fronte a un piccolo albergo.

Prima di proseguire – disse Reuben alla sorella – vorrei fermarmi un attimo a chiedere notizie di mio nipote ammalato che abita in questo albergo – .

Be’ – rispose Marianna – siccome io non ho nessun nipote ammalato di cui preoccuparmi, me ne vado a casa. Continueremo la passeggiata nel pomeriggio – .

Domandina…:

Che parentela aveva Marianna con questo misterioso nipote?

* E adesso qualche notizia biografica su Samuel Loyd:

Samuel Loyd (1841-1911) è stato uno scacchista e creatore di problemi ed enigmi matematici.

Oltre a una notevole originalità,i suoi problemi hanno degli spunti umoristici,o si articolano come una divertente storiella.

E’ stato inoltre un appassionato del tangram: pubblicò un libro con centinaia di configurazioni originali, corredato da una storia fantasiosa di questo antico rompicapo.

Queste note le ho tratte dalla quarta di copertina del libro: Passatempi matematici 1 – Sfide matematiche – I classici della matematica ricreativa – RBA Italia, 2008
Stats

Scegli due numeri

Per questo problemino puoi scegliere due numeri dispari qualsiasi o due numeri pari qualsiasi.

Proviamo con due numeri dispari:

25 e 23

1. Somma i due numeri: 25 + 23= 48

2. Dividi la somma per 2: 48/2= 24

3. Sottrai il numero minore dal numero maggiore: 25 – 23= 2

4. Dividi questa differenza per 2: 2/2= 1

5 Addiziona i due quozienti: 24 + 1=...

Il risultato è sempre… 😉

Esercitati anche nel quaderno.
Stats

Il compleanno

Ecco ora un esercizio che vi consentirà di stabilire la data del compleanno di una persona; un amico, un conoscente,…

Dovete numerare ogni mese in ordine, in modo che:

gennaio sia 1

febbraio, 2

marzo, 3

aprile, 4

e così via.

Invitate quindi il compagno o la compagna ad eseguire i seguenti calcoli.

Se alla fine vi dice il risultato, potrete – trionfalmente 😆 – dirgli/le il mese e il giorno del suo compleanno.

Supponendo che il suo compleanno cada il 13 settembre (…), fate fare i seguenti passi:

1. moltiplicare il numero del mese per 5: 9*5= 45

2. aggiungere 7: 45+7= 52

3. moltiplicare per 4: 52*4= 208

4. aggiungere 13: 208+13= 221

5. moltiplicare per 5: 221*5= 1 105

6. aggiungere il giorno del mese: 1 105+13= 1 118

7. sottrarre 205: 1 118-205= 913

La cifra delle centinaia indica il mese (9 sta per settembre), il numero del giorno è indicato nelle cifre delle decine e delle unità.

Potete quindi con sicurezza affermare:

Il tuo compleanno è il 13 settembre.

Escludiamo per delicatezza l’anno di nascita 😉

E comunque buon compleanno ai nati e alle nate oggi 21 novembre.
Stats

Scegli un numero, di Francesca e babbo Franco :-)

E questo è un altro problemino della serie “Prendi un numero”

Devi seguire queste fasi:

1. Pensa un numero

2. Moltiplica per 2

3. Aggiungi un numero qualsiasi

4. Dividi per 2

5. Sottrai il numero originario

Ecco un esempio:

1. Scelgo il numero: 48

2. Lo raddoppio: 48 * 2= 96

3. Aggiungo un numero qualsiasi: 96 + 10= 106

4. Divido per 2: 106/2= 53

5. Sottraggo il numero originario: 53 – 48= 5

Francesca suggerisce di osservare attentamente il terzo e l’ultimo passaggio del procedimento.

Cosa notate?

da Francesca 🙂 e da babbo Franco , 

classe quinta di Caniga
Stats

Scegli un numero dalle tabelle,di Federica e babbo:-)

Ci sono queste cartelle con dei numeri:

Diapositiva1 Si deve scegliere un numero da una tabella e si devono prendere tutte le carte che contengono il numero che hai scelto.

Facciamo un esempio:

Ho scelto il numero 19 che trovo in tre tabelle:

Diapositiva2Non dico il numero che ho scelto,ma… Federica lo scoprirà velocemente 😉  solo facendo semplici calcoli.

Il numero 63 è invece presente in tutte le tabelle e quindi è facile da scoprire.

Provate a giocare anche voi.

da Federica A. 🙂  e dal babbo,

classe quinta di Caniga

Stats

Ode all’asino!!!:))

Molti/e bambini/e non conoscono questo animale quasi scomparso dalle nostre città.

Diapositiva9

 

 

 

 

 

 

Vogliamo ricordarlo con alcuni versi,di adulti e di piccoli; in italiano e,perché no, anche in inglese 😀

Iniziamo con l’Ode di maestra Tiziana:

Anche se a volte è un po’ ombroso

tra gli animali è il più operoso.

Sempre per l’uomo ha lavorato

sin da un lontanissimo passato.

Utile per merci trasportare

e per pesanti aratri trainare.

Tante macine ha fatto girare

senza mai protestare.

Sui campi di battaglia lui è stato

per dare aiuto anche al soldato.

Simbolo lui è di laboriosità

e questo sempre ricordato andrà.

Anche dei bambini di quinta- Enrico, Fabrizio A. e Daniele –  verseggiano su questo tranquillo e lento animale. E badate bene:  in pochi minuti hanno preparato il loro contributo…

L’asino

L’asino mangia sui campi verdi

assieme ai suoi compagni testardi.

L’asino beve felice e tranquillo

col sole sul viso arzillo.

L’asino vive in libertà

dove prospera la felicità.

Poi l’asino andrà in campagna

e lavorando gli verrà l’ernia.

Ma alla fine liberò ritornerà

e più asino sarà.

E ora un ricordo scolastico … che ci propone maestra Arianna:pinocchio asino

Oh ! asino quanto sei stato maltrattato,

 nell’ aula  scolastica sempre tutti ti hanno nominato.

I bambini di oggi di te più non sanno

e forse leggendo qualche fiaba lo impareranno.

Avevamo detto anche in inglese?!!! Ecco a voi:

Oh! Donkey – how much you have been mistreated
In the school room you have always been named by everyone
Today’s children do not know more about you and by reading some fable they might learn that

Fine.

Diapositiva10

Buone odi a tutti/e noi.

Stats