Telepatia e aritmetica

Questo gioco è presente nel libro “Il matematico curioso”, di Giovanni Filocamo, il giovane fisico e matematico che abbiamo già conosciuto qui nel blog:) e Ivana Niccolai ha ricreato la tabella presente nel libro e l’ha abbellita con splendidi oggetti matematici di diverso tipo.
Ecco il gioco:
Pensa a un numero naturale fra 10 e 100 (compresi).
Somma le cifre di cui è composto il numero da te pensato, fino ad avere una sola cifra.
Dal numero pensato all’inizio, sottrai tale ultima cifra.
Se penso al numero 27, la somma delle sue cifre è 2+7=9 e 27-9 è uguale a 18.

Tieni a mente il numero appena ottenuto e guarda la tabella qui sotto, osservando con attenzione la forma – creata matematicamente con GeoGebra da Ivana – nel quadretto del numero da te ottenuto.
gioco
E dopo che avete giocato diverse volte, vi accorgerete sicuramente di qualcosa…COSA?:))
Giovanni Filocamo è sicuro che tutti/e voi siate TIPINI ROMANTICI. Ha ragione?
Per leggere le recensioni dei libri di Giovanni, cliccate qui:


http://lnx.maecla.it/maeclafad/mod/forum/discuss.php?d=479

Buoni giochi telepatici e aritmetici.
E buon tutto a Giovanni, il matematico curioso.

Numeri speculari

Pensa un numero qualsiasi, di due o tre cifre (anche di una…), per esempio il numero
352; scrivilo sul quaderno e di seguito scrivi lo stesso numero invertendolo.
Nel mio esempio avrei quindi: 352253.
Usa la calcolatrice, se vuoi, e dividi questo numero per 11.
Dopo aver eseguito questa divisione, prova con altri numeri e segui lo stesso procedimento.
****
NOTI QUALCOSA?
****
Scrivi le tue impressioni.
****
Buone riflessioni dal mondo dei numeri:))

Un gioco con la palla

18 novembre 2012

Tredici bambini disposti in cerchio giocano a palla.

Si lanciano la palla e, per rendere il gioco più divertente, a ogni tiro saltano un bambino.
Così facendo, ognuno riceve la palla solo ogni due giri.

Dopo un po’ un bambino esce dal gruppo e si ritira.
Gli altri continuano a giocare con la stessa regola,
MA…
COSA SUCCEDE?
Giocando con la stessa regola metà dei bambini rimane esclusa dal gioco.

Il gruppo decide allora di cambiare regola.
Con 12 giocatori, quanti bambini bisogna saltare a ogni passaggio perché ognuno possa prendere parte al gioco?

****** ****** *****
Domani giocheremo con la palla:))

*** *** ***

Oggi, 8 dicembre aggiorno l’articolo per inserire i lavori ultimati.

Dopo aver giocato con la palla, ho consegnato ai/lle bambini/e una scheda di lavoro:

Con 12 bambini che giocano molte possibilità vengono subito escluse.

Nelle immagini che seguono si vede come saltando uno, due, tre o cinque bambini, pochi giocatori prendono parte al gioco:

Saltando invece quattro bambini e sei, tutti possono partecipare al gioco:

Ci siamo fermati qui 😆

L’affettuoso orgoglio di una maestra

Gisella Malagodi, Ivana Niccolai e Grazia Raffa hanno voluto dedicare dei versi ad un ex alunno di Ivana Niccolai, diventato un apprezzato divulgatore di matematica e di fisica.

Malagodi_Niccolai_Raffa_Omaggio_a_Giovanni_Filocamo 

Le immagini che accompagnano il pdf, una di Gisella e l’altra di Ivana, illustrano alcune passioni di Giovanni, il “matematico curioso”.

Nell’immagine di Gisella potete ammirare due ballerini impegnati in un ballo.
Qualcuno può chiedersi: cosa ha a che fare il tango con la matematica?
Ebbene, tra i libri che Giovanni ha scritto ce n’è uno intitolato proprio “La fisica in ballo” dove viene raccontato il rapporto che esiste tra la fisica e il tango argentino. Ho letto questo libro che descrive diversi concetti fisici con un linguaggio semplice e chiaro, davvero comprensibile a tutti.
Nell’immagine di Ivana ammirerete alcuni oggetti matematici, quali: due alberi di Pitagora (uno in basso a sinistra e l’altro in basso a destra) e determinate curve matematiche (realizzate grazie a equazioni specifiche) a forma di farfalla, di foglia che sembra un fiore, di chiocciola e di cuore; c’è infine la proiezione di un ipercubo.
Giovanni Filocamo è nato a Genova nel 1978 e si è laureato in fisica nel 2003. Dal 2012 segue il dottorato di ricerca in matematica presso l’Università degli Studi di Genova assieme al professor Claudio Bartocci.
E pensate che: durante il Festival della Scienza del 2012, è stato nominato da parte di Telecom uno dei 10 migliori ricercatori d’Italia entrando così nel gruppo Italiax10.
Complimenti.
Bambini e bambine; ecco un buon esempio da seguire.

La proprietà “dissociativa”, articolo di Ivana Niccolai

Articolo nato da un’interessante discussione, tra colleghi e amici, sulla non esistenza della proprietà dissociativa in aritmetica e in algebra. 

Ivana_Niccolai_ Proprietà_ dissociativa

E’ un articolo che non è rivolto a voi bambini e bambine; quando sarete più in là con gli anni, come noi, potrà capitarvi di sentirvi coinvolti in un qualche argomento dove le posizioni iniziali personali si presentano distinte, nettamente separate, e forse sentirete in questo caso la voglia, la curiosità di indagare più a fondo  per cercare di capire meglio o anche per tentare di avvicinare idee apparantemente così lontane.

A noi adulti è capitato questo.

E, un’altra cosa.

Bambini e bambine, anche noi adulti studiamo e approfondiamo continuamente.

E facendolo, ci divertiamo anche:)).

L’articolo è pubblicato anche su Maecla e su Base5

Buone riflessioni.

 

Bicchieri… e misura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E dopo queste attività, provate voi stessi a dare delle risposte al problema che ha incuriosito Gabriele e Michele. Armatevi di un metro da sarta e misurate anche voi i bordi e l’altezza di diversi bicchieri.

Ci ritroveremo qui, nel blog. Intanto potete andare a rivedere le attività già realizzate nel passato anno e che riguardano questa categoria; attività che si trovano nel vecchio Pintadera, qui

Buone osservazioni.