Primo “STEP” lavorativo della sezione G

Anno scolastico 2016/17, mese di Ottobre.

La sezione G è ormai pronta ad affrontare un lungo e piacevole viaggio che prefigge come obiettivo principale l’autonomia e la conoscenza attraverso la scoperta.

Ciò che muove il bambino dall’attività è un impulso interiore primitivo, quasi un vago senso di fame interna ed è la soddisfazione di questa fame che lo conduce poco a poco ad un complesso e ripetuto esercizio dell’intelligenza nel comparare, giudicare, decidere un atto , correggere un errore”

 M.Montessori

I bambini , i lavori montessoriani , la concentrazione .

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

L’angolo della lettura 

1 2

Il calendario , la merenda , i camerieri

1         2

4         3

L’osservazione

1

Le attività grafico-pittoriche

45362     1

Ed infine ,parlando della festività di Halloween, i bambini si sono cimentati nella drammatizzazione del racconto “Gerardo e la candela”

<C’era una volta un uomo che si chiamava Gerardo , abitava in un cupo castello e ogni giorno andava in un campo di zucche che raccoglieva portandole al castello per mangiarle

                         2

Un giorno si spensero le candele del castello , così Gerardo decise di scendere giù nei sotterranei del castello , dove sapeva che era rimasta una candela ; la prese non sapendo che aveva in mano una candela proibita infatti chiunque la toccasse poteva esaudire un desiderio

                                               3

Il desiderio di Gerardo era quello di spaventare tutta la gente e………..detto e fatto si trasformò in una strega

                                              4

Salì su una scopa magica e raggiunse il paese dove incontrò alcuni bambini ai quali pronunciò paroline magiche per trasformarli in topolini …… ma la magia non funzionò perchè le magie malvagie non avevano poteri sui bambini .

                           5

I bambini non sapendo cosa fare gli offrirono dei cioccolatini e gli fecero compagnia

                          6

Gerardo allora regalò loro la candela che i bambini impararono ad usare per ottenere qualche  dolcetto .>

                         8

Ins. Antonella Principale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *