Archivio mensile:Giugno 2013

Chiaravalle

Come tutti sappiamo, il paese di Chiaravalle (Ancona) è noto in tutto il mondo per aver dato i natali a Maria Montessori.

Durante la nostra visita, tutti abbiamo notato al civico numero 10 di Piazza Mazzini la targa in suo onore posta sulla facciata della casa natale.

DSCF1095DSCF1093

DSCF1094

L’interno della casa, oggi sede della “Fondazione Chiaravalle-Montessori”, ospita una biblioteca pedagogica dedicata all’illustre dottoressa.

DSCF1163

Comune di Chiaravalle

Cittadini, torna oggi tra noi la nostra illustre concittadina

MARIA MONTESSORI

gloria e vanto delle scienze pedagogiche.

Una lunga vita tutta nobilmente spesa a studiare e ad applicare presso

le più diverse genti e paesi un sistema educativo dell’infanzia che ne consenta

il pieno ed armonico sviluppo dell’intelligenza la rendono nota e famosa nel

mondo intero.

Chiaravalle, che ebbe l’onore di darle i natali, è orgogliosa di ospitare,

a tanta distanza di tempo e di eventi, questa insigne Cittadina del Mondo, e

l’Amministrazione Comunale è certa di interpretare i sentimenti unanimi della

popolazione, porgendo alla insigne Vegliarda i sensi del suo riconoscente affetto.

Chiaravalle, 7 ottobre 1950

La Giunta Comunale

 

DSCF1168

All’interno, una parte del materiale scientifico da lei ideato per i bambini di tutto il mondo.

DSCF1165

Un cartellone illustrativo della Gonzaga Arredi, ditta produttrice esclusiva in Italia.  

  DSCF1164 P1080633

Tra i materiali, riconosciamo: la torre dei cubi, l’alfabetario mobile, le lettere smerigliate, i tre globi, la cassettiera della botanica, la cassettiera delle forme geometriche…

P1080634

… i telai delle allacciature e le aste dei numeri…

P1080636

… i campanelli…

03

 

04

Riccardo e Robert, fratelli più grandi ed ex alunni della Casa dei Bambini, non perdono l’occasione di toccarli e giocarci ancora una volta!

IMG_5558

P.s. Se passate da Chiaravalle, vi consiglio una piccola sosta all’abbazia cistercense!

I Parte: Il Progetto

Il mio progetto di lavoro si innesta su “Ascolto, racconto, leggo”, progetto inserito da alcuni anni nel Piano dell’Offerta Formativa della Scuola dell’Infanzia dell’Istituto Comprensivo “Mazzini-Modugno” di Bari, ed è stato da me arricchito alla luce delle nuove conoscenze e competenze acquisite durante la frequenza del master.

PROGETTO “ASCOLTO, RACCONTO E LEGGO”

SITUAZIONE MOTIVANTE

I bambini di 5 anni richiedono un’attenzione particolare perché il primo approccio con la lingua scritta sia positivo

RISULTATI ATTESI

  • Potenziamento delle capacità di:

  • Ascolto

  • Attenzione

  • Rielaborazione di ciò che si ascolta

Sviluppo delle capacità di:

  • Invenzione

  • Espressione

  • Creazione

  • Critica

  • Avvio alla letto – scrittura

OBIETTIVI SPECIFICI

  • Conoscere e fruire di codici diversi

  • Vedere, osservare, leggere immagini

  • Seguire la scansione temporale di un brano con movimenti spontanei del corpo

  • Acquisire regole da rispettare nell’uso dei libri

  • Esercitare abilità fonologiche e metalinguistiche

PERCORSO EDUCATIVO – DIDATTICO

1° FASE: LUDICO – COMUNICATIVA

  • Brain-storming: ricerca–indagine relativa alle fiabe più conosciute

  • Ascolto di storie

  • Giochi di simulazione per favorire l’assunzione di ruoli spontanei

  • Ricreazione del  “cerchio dell’ascolto” per ricostruire verbalmente l’esperienza precedentemente vissuta

2° FASE: ESPLORATIVA

Visita ad una libreria per bambini

03

02

3° FASE: OPERATIVO –CREATIVA

3-4 ANNI

Scelta di elementi – simbolo per:

  • Il riconoscimento di fiaba note

  • La ricostruzione da parte dei bambini della fiaba riconosciuta

5 ANNI

Scelta di elementi – simbolo per:

  • La costruzione e invenzione di storie

  • L’associazione con i fonemi e i grafemi corrispondenti

  • Discriminazione delle vocali prima, e delle consonanti  dopo, all’interno di una parola

STRUMENTI    DI VERIFICA

Osservazione:

  • Delle competenze semantiche e pragmatiche

  • Della capacità di giocare con il linguaggio verbale

  • Della capacità di argomentare e discutere

  • Dell’approccio al libro e alla scrittura

TEMPI

Da Ottobre 2012 a Febbraio 2013

METODOLOGIA

Attività da svolgere con l’intera sezione in orario curriculare

SPAZI

Sezione

MATERIALI

Libri, fumetti, cartoncini, CD di fiabe, colori

VALUTAZIONE

  • Monitoraggio finale delle attività

  • Focus–gruppo con le famiglie da effettuare negli incontri periodici

MODALITA’ DI DOCUMENTAZIONE

  • Realizzazione di un libro in cui saranno raccolti gli elaborati dei bambini relativi alle fiabe lette e/o inventate

  • Pubblicazione sul Blog

I FASE: Osservazione sistematica e registrazione dei dati in apposite griglie.

Sulla base delle indicazioni contenute nelle Linee Guida ho predisposto un questionario con l’obiettivo di rilevare eventuali elementi predittori nei 5 bambini di 5 anni che l’anno scolastico prossimo frequenteranno la prima classe della scuola primaria.

  • Confonde i suoni?

  • Completa le frasi?

  • Utilizza parole adeguate al contesto?

  • Omette suoni o parti di parole?

  • Sostituisce suoni, lettere ( p/b…)?

  • Ha un’espressione linguistica adeguata?

  • Mostra impaccio motorio globale?

  • Mostra impaccio nella manualità fine (per es. allacciarsi le scarpe o i bottoni)?

  • Riconosce la destra e la sinistra?

  • Ha difficoltà in compiti di memoria a breve termine?

  • Ha difficoltà nell’imparare filastrocche?

  • Riesce a giocare con le parole?

  • Ha difficoltà di organizzazione e integrazione spazio-temporale?

  • Ha lacune percettive?

  • Ha difficoltà di linguaggio verbale?

  • Mostra difficoltà grafo-motorie?

  • Ha difficoltà di orientamento?

  • Ha difficoltà di coordinazione oculo-manuale?

  • Ha difficoltà di coordinazione dinamica generale?

  • Ha acquisito una dominanza laterale adeguata?

  • Mostra difficoltà nella discriminazione e memorizzazione visiva sequenziale?

  • Ha difficoltà di orientamento nel tempo scuola?

  • Ha difficoltà nell’esecuzione autonoma delle attività della giornata?

  • Ha difficoltà ad orientarsi nel tempo prossimale (ieri, oggi, domani)?

Premiazione Concorso “Favolando 2013”

Chiaravalle, 31 Maggio 2013

ore 9.30: siamo tutti (o quasi) davanti alla Biblioteca Comunale di Chiaravalle, paese natale di Maria Montessori, prima di ricevere il premio come vincitori della sezione “Scuole dell’Infanzia”.

DSC_0004 - Copia

foto I PHONE 5 ULTIME  FEBBRAIO 074 - Copia

 Foto di gruppo di bambini, docente  e Dirigente Scolastico  con la dott.essa Maria Luisa Volante, ideatrice del Concorso.IMG_5486 - Copia

 

Un ringraziamento particolare ai genitori che, con la loro entusiastica adesione all’iniziativa, hanno trasformato una giornata speciale in un vero e proprio evento.

05 - Copia

“Favolando 2013”: in sala registrazione

Chiaravalle, 31 Maggio 2013

Oltre al premio, abbiamo avuto la possibilità di entrare in una vera e propria sala di registrazione per raccontare la nostra storia: “La nonna racconta…”

L’emozione era grande… le nostre voci piccole piccole…

IMG_5522 IMG_5530 IMG_5545 IMG_5550

La “Fondazione Chiaravalle Montessori” si impegnerà a recapitarci il file con la registrazione delle storie vincitrici appena sarà pronto.

 

Ultimo giorno in piscina (Sez. F)

 

Il giorno 7 giugno è terminato il progetto” Attività natatoria”.

PIC_0100

PIC_0101

 

PIC_0108

PIC_0114

PIC_0118

PIC_0119

PIC_0120

PIC_0122

PIC_0124

PIC_0127

 

Molti bambini che non avevano mai avuto esperienze in piscina e che inizialmente erano timorosi, hanno superato le proprie paure e, alla fine del corso, si sono esibiti in tuffi dal bordo della vasca.

PIC_0130

PIC_0131

PIC_0133

L’esperienza è stata positiva ed aiuta i piccoli ad avere sicurezza in se stessi; speriamo che il Comune di Bari ci permetta, anche il prossimo anno,  di portare i bambini in piscina.

Una visita un pò speciale… (Sez. F)

E’ venuto a trovarci a Scuola il nonno di Nonora con degli amici speciali.

 

DSC05929

 

I bachi da seta…

 

 

DSC05930

.. e i rami su cui crescono per pio diventare farfalle.

DSC05931

 

Dopo ci ha fatto vedere un alveare…

DSC05932

DSC05933

DSC05934

DSC05935

… con le api che fanno il miele.

DSC05938

Ci ha fatto vedere le celle che costruiscono ed indicato l’Ape Regina, spiegandoci come sono organizzate e come si raccoglie il miele prodotto.

Abbiamo anche compreso che le api non sono pericolose, basta non dar loro fastidio

Siamo rimasti molto colpiti ed entusiasti di questa nuova conoscenza.