Progetto Smart EAS: organizzare una nuova didattica: i materiali

Carissime/i,
in riferimento al progetto per Costruzione del curricolo verticale riferito alla
competenza digitale, vi invio alcuni materiali che vi guideranno passo passo.
Ricordo che, nel nostro caso, questa esperienza verra’ calata all’interno dei
progetti storici d’istituto (v. mia precedente mail): scegliete voi quali (ovvero
se puntare su tutti e tre o solo su alcuni di quelli)

Vi consiglio quindi di partire con le indicazioni contenute in
– – Mandato di Lavoro_i primi 5 passi.pdf
– – IL MANDATO FORMATIVO_10passi.pdf

cosi’ da poter cominciare a muovervi nella direzione consigliata da CREMIT. Questi
files vi indicheranno, appunto, quello che dovrete fare a partire da gennaio
(sempre secondo i vostri stili di insegnamento ed i ritmi di apprendimento di
bambine/i – ragazze/i).

Questo il file che vi consentira’ di procedere alla progettazione di Episodi di
apprendimento situato (EAS)
– Scheda_progettazione_EAS.doc

Importante sara’ poi il confronto, la condivisione e l’aggiunta di informazioni in
queste griglie
– – Passo n1_MODELLO
– – Passo n2_MODELLO

Come materiali di approfondimento e di supporto, oltre ai video, a quanto
documentato qui http://blog.edidablog.it/edidablog/didatticanuova/
http://blog.edidablog.it/edidablog/didatticanuova/ ed agli articoli che gia’ vi ho
fatto avere (se non dovessero essere giunti a tutti potete chiederli alla collega
Anna Palazzo), aggiungo i seguenti files:
– – Competenza digitale.pdf
– – Curricolo e competenze digitali.pdf

Per ulteriori approfondimenti ecco poi due cartelle
– – Competenza digitale.zip
– – Curricolo in generale.zip

Travate questi nuovi materiali in un drive che ho creato oggi
https://drive.google.com/open?id=0B4DZuPIAZ__SUjV1Q0loek1HUmM
https://drive.google.com/open?id=0B4DZuPIAZ__SUjV1Q0loek1HUmM

Fatemi sapere (via e-mail ed entro lunedi’) se avete bisogno di chiarimenti o se
avete difficolta’ ad accedere ai files.

Ancora tanti auguri e sereno anno nuovo, Linda

Progetto Smart EAS: organizzare una nuova didattica

Carissime/i,
per quanto riguarda il progetto SMART StarEAS 3d di cui in occasione del CdD ho fornito ieri una breve presentazione, riporto qui di seguito le adesioni sino ad ora pervenute (come da foglio firme del 27/10/2016)

(*) Accesso a tecnologie, sussidi, strumenti:
(a titolo esemplificativo) CODYROBY, eBoard, internet, ipad, Kit robotica, LIM, portatile/i, tablet

Ricordo che:

  • l’adesione non e’ obbligatoria
  • per la buona riuscita della sperimentazione possono anche partecipare una o due docenti per ordine scolastico (questo ovviamente non preclude la possibilita’ di avere maggiori adesioni)
  • nel caso qualcuno intenda ritirarsi o aggiungersi, chiedo la cortesia di farmene avere formale comunicazione ed anche di completare il prospetto che ho qui sopra riportato

Invito inoltre a vedere quanto qui riportato
http://www.descrittiva.it/calip/1617/smart01.png
http://www.descrittiva.it/calip/1617/smart02.png

ed a seguire -in qualita’ di autoaggiornamento funzionale a detta sperimentazione- il corso gratuito in quattro lezioni del prof. Rivoltella (di cui vi avevo gia’ inviato la segnalazione) ed altri materiali che trovate indicati nella [mail in pdf]

E per chi fosse interessato, ci sono alcuni articoli pubblicati da Scuola Italiana Moderna

Grazie a tutte/i per la disponibilita’. Linda   

 

La nuova sperimentazione

Smart- Star-EAS 3D

http://www.descrittiva.it/calip/1617/smart-star-eas3D.pdf

Scheda di lavoro del 13/10/2016
http://www.descrittiva.it/calip/1617/scheda2016-10-13.pdf

Incontro 13 ottobre- Intervento prof. Rivoltella
https://youtu.be/DWDDf8ukAnE

Clinic con crociera

11-14/11/2016: clinic con Crociera (partenza da Genova)
dettagli nave e crociera:
https://www.msccrociere.it/it-it/Navi-Da-Crociera/MSC-Magnifica.aspx [confermacrociera@gmail.com]
L’arrivo a Genova dovrà avvenire in autonomia entro e non oltre
le 14.30 del giorno venerdì 11 novembre 2016

Corso Didattica per competenze e metodo EAS

Carissime/i,
nel caso possa interessare, vi segnalo un video corso gratuito (in 4 puntate) Didattica per competenze e metodo EAS diffuso sul canale youtube dell’Editrice La Scuola.

Di seguito riporto i link alle 4 lezioni del corso e, più in basso, la prima lezione che può essere seguita direttamente su questa pagina:

1. La didattica per competenze;
https://www.youtube.com/watch?v=gPiOYFedRqc&index=2&list=PLTpVCciFlnXZ9jFcmM6GoBaKm7VHBxL_w

2. Le competenze: dal costrutto alla classe;
https://www.youtube.com/watch?v=ZE8sjUWlAr4&index=3&list=PLTpVCciFlnXZ9jFcmM6GoBaKm7VHBxL_w

3. Progettare con gli EAS;
https://www.youtube.com/watch?v=LJZxdax_5hA&index=4&list=PLTpVCciFlnXZ9jFcmM6GoBaKm7VHBxL_w

4. Fare lezione con gli EAS
https://www.youtube.com/watch?v=aCStuLaDizI&index=5&list=PLTpVCciFlnXZ9jFcmM6GoBaKm7VHBxL_w

Buona domenica, Linda 
==================================
Linda Giannini
docente referente di progetto
e membro del team dell’innovazione

Creazione di una rubric sulla valutazione [Lazio – Umbria]

Scuole sperimentatrici:

  • IC don Milani di Latina
    D.S. Laura De Angelis
    Docente referente: Linda Isabella Lidia Giannini
    Pedagogista Phd in Scienze Umane e della Formazione, ricercatrice del progetto Samsun: Maria Filomia
  • IC Anzio 1
    D.S. Elisabetta Spaziani
    Docente referente: Nicoletta Di Bona
    Pedagogista Phd in Scienze Umane e della Formazione, ricercatrice del progetto Samsun: Maria Filomia

 

  1. data 16/02/2016 => fase preparatoria
  2. data 16/03/2016 => fase operatoria
  3. data 17/05/2016 => fase ritrutturativa

Per le scuole al primo anno di sperimentazione

Carissime/i,

  • la sperimentazione prevede con me 3 incontri per un totale di 8 ore: i primi due incontri 2 ore e mezzo ed il terzo 3 ore

Qui trovate quanto richiesto ai docenti che sono al primo anno di sperimentazione

I contenuti in estrema sintesi?
http://www.descrittiva.it/calip/1516/SEA-IPOTESIdi-attiv.pdf

Primo incontro -> FASE PREPARATORIA:

1 conoscenza dei docenti e dell’ambiente scolastico
2 raccolta presenze ed indirizzi di posta elettronica
3 ritiro della “Scheda di Installazione – Strumenti di Monitoraggio”
4 illustrazione del progetto
5 confronto sul setting
6 invito a tenere un diario di bordo ed a documentare la sperimentazione
7 creazione di una mailing list

Obiettivo: socializzazione e presentazione percorso, introduzione lavori, richiamo scheda di monitoraggio su installazione

Secondo incontro -> FASE OPERATORIA:
Vedere insieme come realizzare EAS secondo la metodologia proposta dall’Università Cattolica di Milano (rif. prof. Pier Cesare Rivoltella). Quindi ci occuperemo solo di didattica e metodologia in quanto per gli aspetti tecnici potrete fare riferimento alla Converge. L’idea e’ quella di partire da vostre proposte e di vedere insieme come realizzare uno o due proposte EAS secondo

Obiettivo: costruzione di un EAS

Es.: avvio dell’ EAS sulla declinazione delle competenze; in questo caso il framework è sulla competenza digitale.

L’Eas ha come obiettivo stimolare nei docenti l’analisi di problematiche connesse alla didattica e l’individuazione di conseguenti strategie di risoluzione. Nell’incontro con i docenti questo lavoro non deve essere un lavoro frontale. Si sceglie di far lavorare i docenti in coppia.

Terzo incontro -> FASE RISTRUTTURATIVA: 

Incontro finale con analisi e valutazione delle EAS realizzate

Obiettivo: lavoro sugli applicativi
Attività collaborativa in due o tre gruppi: a ciascun gruppo viene affidato un ambiente per testare la griglia di progettazione e lo storyboard EAS preparato nell’incontro precedente. Il lavoro può essere rivolto all’analisi delle app divise tra:
– app per presentare
– app per rappresentare
– app per comunicare

Avrei inoltre bisogno:

  • dell’elenco dei nomi dei partecipanti con l’indicazione per ciascuno della disciplina di insegnamento corrispondente
  • loro email (se danno il consenso)
  • la scheda di Installazione – strumenti di Monitoraggio (che dovreste gia’ compilato  [il file word]  )

Grazie per la collaborazione, Linda 

Competenze di cittadinanza al termine della media: come certificarle?
http://www.educationduepuntozero.it/politiche-educative/competenze-cittadinanza-termine-media-come-certificarle-3082002175.shtml
http://www.educationduepuntozero.it/Politiche-scolastiche/Politiche-educative/2010/12/img/tiriticco22_all.pdf

Didattica Nuova: un cammino lungo un primo tratto di sperimentazione
http://bricks.maieutiche.economia.unitn.it/?p=5759

Competenze digitali
http://www.slideshare.net/sandratroia1/digcomp-le-competenze-digitali-per-la-cittadinanza-anusca-ferrari-sandra-troia?utm_source=slideshow&utm_medium=ssemail&utm_campaign=upload_digest

Videostimolo

IC Montessori di Terracina al primo anno di sperimentazione [scuola sec. primo grado]

Scuola sperimentatrice IC Montessori di Terracina
D.S. Barbara Marini
classe 2 D di scuola sec. di primo grado
+ coinvolgimento della scuola primaria
Docente referente: Guido Gerosa
Docente Samsung Educational Ambassador: Linda Isabella Lidia Giannini
Sito dell’istituto http://www.icmontessoriterracina.gov.it/

Date degli incontri e fasi

  1. data 26/11/2015 => fase preparatoria
  2. data 10/03/2016 => fase operatoria
  3. data 25/02/2016 => fase ritrutturativa

 

IC Montessori di Terracina al primo anno di sperimentazione EAS scuola primaria Bragazzi

Le insegnanti del plesso Bragazzi, che hanno partecipato al corso di formazione tenuto dall’ins. Linda Giannini, hanno elaborato l’EAS allegata alla presente mail. Un saluto Sabrina Silva

cliccare qui per accedere all’EAS
“LA POESIA RACCONTA IL MONDO”
CLASSE QUINTA SCUOLA PRIMARIA

video visionati:

Tragedia di Lampedusa e alla morte del piccolo Aylan
Il disegno di un vignettista curdo

IC Montessori di Terracina al primo anno di sperimentazione EAS scuola sec. primo grado: Perchè ci chiamiamo classe?

EAS realizzato dalla prof.ssa Simona Azzola che ha partecipato al corso di formazione tenuto dall’ins. Linda Giannini.

cliccare qui per accedere all’EAS
“Perchè ci chiamiamo classe?”
Classe 1^ Scuola Secondaria di I° grado

IC Montessori di Terracina al primo anno di sperimentazione EAS scuola sec. primo grado: M’illumino di meno, brillo di più

Primo EAS realizzato dalla prof.ssa Annalisa Copiz,  che ha partecipato al corso di formazione tenuto dall’ins. Linda Giannini.

cliccare qui per accedere all’EAS
“M’illumino di meno, brillo di più”
Classe 3^ Scuola Secondaria di I° grado

… e brillo di più …

L’audio della poesia il tuono
Foto del titolo del cartellone realizzato per l’EAS_1

I frame utilizzati per una verifica diffusa sull’attivita’ del laboratorio
http://www.descrittiva.it/calip/1516/Il-lampo_verifica_lab.pdf

La documentazione raccolta in un padlet:
https://padlet.com/LindaGiannini/eas01terracina

IC Montessori di Terracina al primo anno di sperimentazione EAS scuola sec. primo grado: omaggio alla vittime di Bruxelles

Secondo EAS realizzato dalla prof.ssa Annalisa Copiz,  che ha partecipato al corso di formazione tenuto dall’ins. Linda Giannini.

cliccare qui per accedere all’EAS
“Omaggio alla vittime di Bruxelles”
Classe 3^ Scuola Secondaria di I° grado

Foto titolo del cartellone

La documentazione raccolta in un padlet:
https://padlet.com/LindaGiannini/eas02terracina

IC Montessori di Terracina al primo anno di sperimentazione EAS scuola sec. primo grado: Behind the wall

Terzo EAS realizzato dalla prof.ssa Annalisa Copiz,  che ha partecipato al corso di formazione tenuto dall’ins. Linda Giannini.

cliccare qui per accedere all’EAS
“Behind the wall”
Classe 3^ Scuola Secondaria di I° grado

Artista: Tracy Chapman
Titolo: Behind the wall – Titolo Tradotto: Dietro la parete
http://www.descrittiva.it/calip/1516/Testo_Behind_the_wall.pdf

Video [01] – [02]
Tracy Chapman – Behind the Wall [Live 1988]

 

IC Regina Margherita Roma al primo anno di sperimentazione [scuola sec. primo grado]

Scuola sperimentatrice IC Regina Margherita Roma
D.S. Lidia Cangemi
classe 2 D di scuola sec. di primo grado
Docente referente: Angelarosa Cutrona
Docente Samsung Educational Ambassador: Linda Isabella Lidia Giannini
Sito dell’istituto http://www.scuolareginamargherita.gov.it/

Date degli incontri e fasi

  1. data 26/10/2015 => fase preparatoria
  2. data 23/11/2015 => fase operatoria
  3. data 25/02/2016 => fase ritrutturativa

PRIMO EAS febbraio 2016:
Realizzazione di una scheda film “MARAVIGLIOSO BOCCACCIO”

Locandina Maraviglioso Boccaccio

Scheda di documentazione dell’attività didattica
la scheda

Notizie sul film Maraviglioso Boccaccio su wikipedia
https://it.wikipedia.org/wiki/Maraviglioso_Boccaccio

Esempi di scheda realizzate dagli alunni
[primo gruppo] – [secondo gruppo]

  • Intervista degli alunni all’attore Lello Arena
  • Intervista degli alunni al regista Vittorio Taviani
  • prove di realizzazione di cortometraggi

PRIMO EAS aprile-maggio 2016: realizzazione di un cortometraggio BACK TO FRIENDSHIP

 

4 Circolo Maria Cristina di Savoia Napoli al primo anno di sperimentazione

Scuola sperimentatrice NA 4 – RIVIERA – Napoli
D.S. Giovanni Del Villano
classe 5 di scuola scuola primaria
Docente referente: Giuseppina Fonti
Docente Samsung Educational Ambassador: Linda Isabella Lidia Giannini
Sito dell’istituto http://www.4circolo.gov.it/

05/10/2015 => data dell’incontro
06/10/2015 => data ritiro dalla sperimentazione
31/03/2016 => data ritiro delle tecnologie

IC don Milani di Latina: le comete [scuola sec. di primo grado]

Scuola sperimentatrice IC don Milani di Latina
D.S. Laura De Angelis
classe 2 D di scuola sec. di primo grado
+ scuola infanzia Via Cilea
Docente referente: Linda Isabella Lidia Giannini
Ricercatrice: Maria Filomia
Sito dell’istituto http://www.lticdonmilani.gov.it/

La documentazione dell’IC don Milani di Latina, classe 2 D scuola sec. di primo grado

  • articolo tratto dal quotidiano ”La Repubblica”: [il file]
  • scheda documentazione: [il file]
  • diario di bordo: [il file]
  • griglia di valutazione: [il file]

FOTO DEI CARTELLONI REALIZZATI

Il cambiamento dopo due anni di sperimentazione Smart Future [IC don Milani Latina]

Progetto Smart Future – studentesse della classe 2D di scuola sec. di primo grado condividono con noi cosa e’ per loro il cambiamento  [il video]

IL CAMBIAMENTO NEI DISEGNI https://padlet.com/LindaGiannini/Cambiamento

Il cambiamento 01

Web sicuro con gli esperti ANSSAIF – MOIGE [IC don Milani Latina]

Anche quest’anno l’associazione ANSSAIF partecipa al progetto web sicuro di MOIGE ed ha segnalato la disponibilità a fare l’intervento presso l’Istituto C. don Milani di Latina.

Dunque il giorno giovedi’ 21 aprile 2016 interverranno come esperti nel nostro istituto l’ing. Salvatore Fratejacci e l’ing. Mauro Mariani i quali, in mattinata, incontreranno le classi di scuola secondaria di primo grado secondo la seguente organizzazione concordata con il DS prof.ssa Laura De Angeli

PRIMO GRUPPO dalle 9.30 alle 10.30
Classi prime A = 22 alunne/i
Classi prime B = 22 alunne/i
Classi prime C = 19 alunne/i
Classi prime D = 20 alunne/i

SECONDO GRUPPO dalle 11.00 alle 12.00
Classi seconde A = 22 alunne/i
Classi seconde B = 18 alunne/i
Classi seconde C = 20 alunne/i
Classi seconde D = 24 alunne/i

TERZO GRUPPO dalle 12.15 alle 13.15
Classi terze A = 26 alunne/i
Classi terze B = 21 alunne/i
Classi terze C = 17 alunne/i
Classi terze D = 18 alunne/i

I PACCHI CON I MATERIALI DA DISTRIBUIRE

INVITO PER LE FAMIGLIE

Il 21 Aprile, dalle 14,30 alle 16,00, nei locali dell’I.C. Don Milani si terrà un incontro, aperto a tutti i genitori della città, sull’uso responsabile del web.Siete invitati.

Web sicuro con gli esperti ANSSAIF – MOIGE [IC don Milani Latina]

Anche oggi ragazze/i dell’IC Don Milani di Latina hanno preso parte ad un incontro importante… Nel pomeriggio l’invito è stato esteso anche ai genitori.

Ecco le foto ricordo dell’intervento degli esperti ANSSAIF: ing Salvatore Fratejacci e ing Mauro Mariani http://padlet.com/calip/espertiwebSicuro

A Comprehensive Collection of Some of The Best Google Drive Add-ons for Teachers and Educators

Qui http://www.educatorstechnology.com/2016/01/best-google-drive-addons-for-teachers.html una interessante raccolta di utili App per la didattica.
Buona domenica, Linda

N.B. Esportare i file di Google Docs come pubblicazioni con estensione EPUB. Per farlo occorre andare nel menu File, selezionare Scarica come e successivamente pubblicazione EPUB (.epub).

A Comprehensive Collection of Some of The Best Google Drive Add-ons for Teachers and Educators

Google Drive has proved to be an indispensable tool in teachers digital toolkit. It provides everything teachers need to write up a document, create a quick presentation or spreadsheet and design beautiful visuals and drawings, creative possibilities in Google Drive are endless. Additionally, Drive works across different devices and platforms so you can easily continue working on your documents anywhere you go and  without even the need for Internet connection. In 2015 Google Drive has known a lot of improvements with the addition of a number of key features. We have covered all of these features in Drive for Teachers section here in EdTech and mLearning. We have also reviewed a wide variety of educational add-ons and tools for teachers to use on Google Drive to enhance its overall productivity and extend its learning potential. Below is a collection of some of the most popular selections we have shared so far.

1- Google Drive Add-ons for Grading Assignments
2- Google Drive Add-ons for Creating Mind Maps
3- Google Drive Add-ons to Create Flowcharts and Diagrams
4- Speech to Text Tools to Use on Google Docs
5- Google Docs Add-ons to Help Students with Their Writing
6- Google Drive Add-on for Creating Rubrics
7- Google Sheets Tools to Create Smarter Spreadsheets
8- Tool for Generating QR Codes from Spreadsheets
9- Google Drive Tools to Use with Gmail
10- Twitter Tools to Use on Google Drive
11- Google Drive Add-ons to Remotely Present to Students
12- Google Drive Apps Teachers Should Try This School Year
13- Google Sheets Tools to Enhance Teachers Workflow
14- 7 Popular Google Docs Tools for Teachers
15- Google Drive Tools for Math Teachers

e-book gratuiti e sitografie

Carissime/i,
condivido, nel caso possa interessare

Buona lettura, Linda 

Giunti: NON SOLO APP [scuola infanzia Latina]

GLI ARTICOLI

scheda personale Linda Giannini

WEB WHITEBOARD: DISEGNARE NEL BROWSER

STORY VISUALIZER: COSTRUIRE LE “LEGO –STORIE”

CRAYON PHISICS: GIOCARE CON FORME, PESI, MISURE

I CALENDARI: SALUTIAMO IL NUOVO ANNO

STORIE AD ALTA VOCE – AUGURO TEMPO

I CALENDARI: KIZOA E GLI ALBUM DEI RICORDI

PRIMAVERA SULLA SLITTA CON LINE RIDER

TESSERE FILI DI SETA
PER DISEGNARE GEOMETRIE E SIMMETRIE

E-book scaricabile gratuitamente + APP

Carissime/i,
vi segnalo un E-book scaricabile gratuitamente
MICRO-PROGETTAZIONE: PRATICHE A CONFRONTO Rossi&Giaconi
http://ojs.francoangeli.it/_omp/index.php/oa/catalog/book/149
Tanti auguri, Linda 

Leonardo da Vinci: Anatomy
https://itunes.apple.com/us/app/leonardo-da-vinci-anatomy/id520564038?mt=8

Buona Pasqua – Happy Easter

Buona PACE a tutte/i, Linda

Il fiore della PACE

Vorrei che la pace
sbocciasse come un fiore a primavera!

Avrebbe
i colori dell�arcobaleno
il sapore dolce delle torte
il calore degli abbracci

Vorrei un mondo migliore!
e seminero� nel giardino del mio cuore
il fiore della PACE.

Ne avro� cura
e da lui nasceranno amicizia e amore

Poesia di Linda Giannini

RomeCup 2016: il nostro spazio espositivo [IC don Milani Latina]

Dal pensiero computazionale ai robot: stand espositivo dei prototipi robotici realizzati dalla scuola IC don Milani di Latina

Mentre Arianna ( anni 3 e mezzo) disegna la maestra Linda e suo fratello Diego (5 anni e mezzo) guida i movimenti di Dash attraverso il tablet. Collabora con lui uno studente della sec. di primo grado. Intanto Lorenzo (anni 13) verifica i movimenti del robot lego mindstorm che ha programmato https://youtu.be/03QvMdjFNfc

La maestra Linda nel disegno di Arianna

Diego (anni 5 e mezzo) realizza un laboratorio informale per bambine/i della scuola dell’infanzia in visita al nostro spazio espositivo

Sono interessati alla sua condivisione anche i piu’ grandi

Alcune foto ricordo http://padlet.com/calip/RomeCupInfanzia

IL NOSTRO SPAZIO ESPOSITIVO… dai robot artistici …

ai robot Lego Mindstorm + Dash & Dot

Ragazze/i del corso B insieme alla collega Paola Serangeli presentano il nostro progetto ai vari visitatori che sono venuti

ALCUNE FOTO RICORDO incontro dal piu’ piccolo al piu’ grande
http://padlet.com/calip/RomeCupStory

RosaDigitale a Latina

Pinocchio 2.0: Dal pensiero computazionale ai robot

Documentazione sul sito di riferimento

Contatti: Linda Giannini
referente RosaDigitale per il Lazio
calip@mbox.panservice.it

pinocchiorosa

 

 

 

Web Sicuro

Foto ricordo della giornata per la formazione in aula inerente il progetto “Per un web sicuro” al quale il nostro istituto ha aderito, la quale si e’ tenuta lunedì 7 marzo 2016, presso la sede Packard Bell in VIA ACHILLE CAMPANILE 85 – 00144 ROMA dalle ore 09.30 alle ore 17.00.

http://padlet.com/calip/WebSicuro

pubblicazione Nessuno nasce bullo

Dal sito web della casa editrice Loescher è possibile scaricare la pubblicazione “NESSUNO NASCE BULLO! Bulli si diventa – Famiglia e scuola insieme per impedirlo”, curato da Enrica Maria Bianchi, Viviana Rossi e Barbara Urdanch.

Scarica qui la pubblicazione “Nessuno nasce bullo”

Robotica educativa e coding. Tra gioco e didattica

Corso on-line in 4 sessioni con laboratorio di robotica e coding in collaborazione con CampuStore e LEGO Education

FORMATORI

  • Michele Baldi, esperto di robotica, ha maturato anche una lunga esperienza come formatore nelle scuole.
  • Linda Giannini è docente di scuola dell’infanzia, ambasciatrice eTwinning, Samsung Educational Ambassador, esperta per Comitato per lo sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica.
  • Lisa Lanzarini – Pietro Alberti: Lego trainer esperti di formazione nelle scuole

[il corso]

Coding in your classroom, now: presentazione

Carissime/i,
segnalo un interessante corso online, aperto e gratuito che verra’ attivato dalla prossima settimana per aiutare gli insegnanti ad introdurre il pensiero computazionale in classe. Al corso possono partecipare gli insegnanti coinvolgendo direttamente le proprie classi. Si creera’ così una grande comunità di apprendimento in cui condividere esperienze e metodi. Verranno inoltre certificati i progressi degli insegnanti, che a loro volta certificheranno quelli degli alunni. I certificati saranno riconosciuti dall’Università di Urbino. Consiglio la partecipazione a questo corso anche perche’ e’ in linea con i nostri progetti d’istituto e con la sperimentazione Didattica Nuova – Smart Future
Buona giornata, Linda 

Programmiamo gli oggetti smart [scuola infanzia Latina]

Questa mattina ho proposto a bambine/i dai 3 ai 6 anni (con visione mediata da tablet o da computer) il video introduttivo di 5 minuti Il linguaggio delle cose, prima nel grande gruppo e poi a piccoli gruppi.

  

Al termine ho chiesto loro che cosa ricordavano di quanto avevano visto:

    • Marco: c’erano gli animali
    • Silvia: io ho visto il mondo
    • Lidia e Silvia Valeria: … il telefono, il televisore
    • Diego M.: … la lavagna
    • Diego G: … e le scritte con il gessetto bianco
    • Maryanne: Un signore parlava della lingua
    • Laura: … e delle cose
    • Marco P: e della fattoria
    • Lidia: no, la fattoria non c’era

Dopo poco e’ venuto a trovarci Don Fabrizio (che sta frequentando anche lui il corso Coding in your Classroom, Now!) insieme al Signor Ivo, che si occuperà di curare l’orto della scuola.

E’ nata dunque l’idea di ragionare insieme sul linguaggio delle persone e delle cose. Alcuni bambini hanno fatto notare come in casa si parli non solo l’italiano, ma anche –a seconda delle proprie origini- l’albanese, il francese, il rumeno… Martina ha aggiunto che c’è una lingua che tutti possono capire, quella dei gesti. Prendendo spunto da questo abbiamo giocato a mimare alcune semplici azioni.

Tornando all’orto, abbiamo pensato tutti insieme a chi potrebbe aiutare il signor Ivo nel suo lavoro. La maggior parte ha detto che avrebbe bisogno, oltre che degli attrezzi, anche di un robot in grado di usare la pala. A questo punto abbiamo provato a contare le azioni che il robot in questione dovrebbe compiere. Queste sono state prima mimate e poi disegnate sulla lavagna di ardesia e sui fogli di carta.

Non sono state proposte gare  ne’ sfide in quanto preferisco che bambine/i collaborino tra loro invece di stimolare in loro la competizione.

Piu’ o meno bambine/i si è trovati d’accordo su queste azioni:

IL ROBOT:

    1. prende la pala
    2. si abbassa
    3. smuove il terreno con la pala
    4. si alza
    5. si sposta

e poi ripete tutto dal punto 2 al punto 5, sino ad intervenire su tutto il terreno che è stato assegnato all’orto

Diego M. ha ricordato che suo padre, insieme ad altri genitori, ha regalato all’orto un timer programmato per dare l’acqua alle piantine e pian piano ognuno condiviso riflessioni su cosa voglia dire programmare e progettare. Abbiamo poi rilevato le differenze tra microscopio (che usiamo per osservare le cosine piccole), cannocchiale e binocolo (per vedere le cose lontane con un occhio o con due occhi)…

Ecco alcuni disegni

LA FARFALLA ROBOT TUTTA COLORATA CON UNA BIMBA CHE AIUTA IL SIGNOR IVO

IL ROBOT CHE SEMINA L’ORTO

LE AZIONI CHE COMPIE IL ROBOT QUANDO PREPARA IL TERRENO
E QUESTO E’ IL MIO ROBOT PER IL SIGNOR IVO

DON FABRIZIO HA DETTO CHE SI PREPARA IL TERRENO COSI’ COME SI PREPARA IL LETTO

E IL SIGNOR IVO HA DETTO CHE IL TERRENO DEVE RIPOSARE UN MESE

Trenta giorni ha novembre, con april giugno e settembre,
di ventotto ce ne è uno, tutti gli altri ne han trentuno
Poi, sfogliando il calendario abbiamo notato
che quest’anno il mese di febbraio ha 29 giorni

LE AZIONI DEL ROBOT

NOI SIAMO NELLA CLASSE ARCOBALENO E DELL’AMORE
E QUESTA E’ SAMANTHA CHE PORTA A SCUOLA
I SEMINI PER L’ORTO

IL ROBOT CHE ILLUMINA L’ORTO

IO, IL ROBOT ED IL SIGNOR IVO

IL ROBOT GIARDINIERE

IL ROBOT CHE AIUTA IL SIGNOR IVO
E’ FELICE ED HA UN SORRISO
SUL SUO VISO

HO DISEGNATO DUE ROBOT CHE AIUTANO
IL SIGNOR IVO. UNO HA IL RASTRELLO

IL MIO ROBOT HA ANCHE L’OROLOGIO

IL MIO ROBOT SI CHIAMA ROBOT

IL BRACCIO DEL ROBOT E’ LUNGO
COSI’ RAGGIUNGE LE COSE LONTANE

HO DISEGNATO DASH, DOT ED UN ALTRO ROBOT
E SONO TUTTI NEL NOSTRO ORTO

IL MIO ROBOT SEMINA E HA UN TUBO
CHE PORTA L’ACQUA ALL’ORTO

IL MIO E’ UN ROBOT BAMBINA
CHE PORTA AMORE

Ovviamente l’’esperienza proseguirà anche nei prossimi giorni.

Oggetti smart reali e del futuro [scuola sec. primo grado prima C]

classe 1C scuola sec. primo grado rif. Prof.ssa V.Mangia

Gli oggetti smart che conosco!

Console, TV, forno microonde, smarphone, pc, casse bluetooth, stampante, LIM (lavagna interattiva multimediale), fotocamere, fornelli elettrici, tablet, I watch, stereo, condizionatore, stufa elettrica, orologio Casio, pannelli solari, lavatrice

Il mio progetto: il trasformatore di petrolio

1 petrolio
2 trasformatore e depuratore
3 acqua perfettamente depurata

Oggetti che possono diventare smart

Fornelli: si spengono autonomamente quando il cibo è pronto
Mappamondo: si illumina di rosso la nazione che dici e indica il numero di abitanti
Sedie: con un sensore si spostano quando devi sederti
Impianti di irrigazione: con un sensore li irrigatori si accendono automaticamente quando è necessario

Il mio progetto: la scarpa FLASH

E’ una scarpa che quando corri ti fa andare velocissimo

Il mio progetto: il bracciale smart
di Federici

E’ un bracciale largo che copre un po’ del braccio. Il bracciale può essere usato con GPS, può trasmettere canali TV (anche in diretta) con un ologramma, con ottima grafica. Va ad energia solare, ha il collegamento ad internet, ha l’attacco per le cuffie, si può messaggiare ed ha uno schermo di vetro indistruttibile. Si possono vedere video sempre con ologrammi, ma anche sullo schermo ad altra definizione. Può fare da telecomando per dispositivi esterni come TIV, garage per auto, forni a microonde e gli altri dispositivi smart. Per accenderlo ci vuole un codice di blocco facoltativo.

Il mio progetto: il quaderno elettrico
di Federici

E’ un quaderno normale, ha una telecamera e un microfono. Se si apre il quaderno in ogni pagina ci sono bottoni. Il primo bottone serve per registrare, ad esempio degli appunti, quello che si detta, si può riascoltare o leggere perché quando si dettano gli appunti si scrivono anche automaticamente. Il secondo bottone serve per riascoltare il testo che è stato scritto. Il terzo serve per filmare ad esempio la professoressa che spiega. Con il quarto bottone si rivede il video con un ologramma, con audio. Per aprirlo ci vuole una password

Il mio progetto: il telefono che stampa le foto
di Bocconcello, Frappola, Pellerani

Consiste nell’avere un telefono da cui si possono stampare le foto

Oggetti che già sono smart

cellulare, tablet, ipod, lavatrice, televisione, computer, ebook, console, i-watch, orologio, stereo, forno a microonde

Progetto smart
di Palmese

Zaino: si potrebbe infilare sulle spalle da solo o se ha le ruote, potrebbe camminare da solo

Progetto smart
di Elena Di Maria

Per il progetto Smart ho modificato delle scarpe rendendole comode ed efficaci, inserendo al lato esterno del plantare un filo elettrico ricaricabile con la luce solare che trasmette energia. Dotato di un orologio con quattro pulsanti che mettendolo al polso si può regolare la velocità che si desidera. Ogni pulsante ha un colore diverso.

VELOCITA’
rosso => super veloce
arancione => veloce
giallo => medio
verde => piano

Il mio progetto: la macchina ad aria
di Sara Piedimonte

Rispettiamo l’ambiente
STOP all’inquinamento

La macchina è disponibile in 5 colori

• Grigio
• Nero
• Rosso
• Bianco
• Celeste

Oggetti che possono diventare smart
di Alessandro Riccio

Gli occhiali digitali: ti permettono di chiamare in qualunque posto tu sia e ti permettono anche di vedere i video. Hanno un pulsantino per guardare i video e un pulsantino per chiamare

Lo zaino massaggiatore musicale: lo zaino massaggiatore è musicale. Ti permette di sentirti massaggiato la schiena grazia a dei vibratori messi dentro il tessuto dello zaino e ti permette anche di ascoltare la musica regolando il volume con un pulsantino. Ha un taschino per collegare la cuffie. Un pulsantino per regolare la musica. Un pulsantino per accendere il massaggiatore

Oggetti smart di Gianmarco Iannaci

PC, smartphone, TV, stampanti, fotocopiatrici, console, telecamere, LIM, aspirapolvere, microonde, forno, fotofelecamera, frullatore, fornello ad elettricità, tablet, ipod, iwatch, PSP, Nintendo, play4, play3, wi, kindle, computer fisso, stereo, casse bluetooth, modem WiFi

Il mio progetto: il nuovo zaino smart

Lo zaino dell’anno!!!
Il nuovo innovabile zaino bluetooth, dotato di varie funzioni
– Faro per le cuffiette
– Sensore wi-fi
– Sensore per i messaggi
– Dispositivo bluetooth
– Casse bluetooth
– Calcolatrice elettrica

Altri  zaini bluetooth
– Con foro per le cuffie
– Sensori per messaggi
– Sensore del wi-fi
– Dispositivo bluetooth
– Casse bluetooth
– Calcolatrice elettrica

IL CARTELLONE DELLA CLASSE

http://padlet.com/calip/oggettiSmart

Oggetti smart reali e del futuro [scuola sec. primo grado seconda D]

classe 1D scuola sec. primo grado rif. Prof.ssa A.Malatesta

Link del video https://youtu.be/AEXF33EgH0w

Battistiol – attività:

  1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
  2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
  3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.

Tra i tanti oggetti programmabili che esistono quelli che mi vengono in mente sono: il cellulare, il computer, il televisore, il tablet, la stampante, la macchina, il frullatore,ecc….
Un cellulare oltre a chiamare, inviare messaggi, potrebbe diventare anche un joystick di una videoconsole, ad esempio la Playstation. Sinceramente questa cosa non la sapevo neanche io fino a poche settimane fa.
Uno tra i tanti oggetti non programmabili e lo zaino, ma non è detto che non lo potrà mai diventare.
Dovrà eseguire tutto ciò che noi gli diremo di fare;parlando
molto lentamente lo faremo aprire e posare i libri che contiene.
Successivamente gli detteremo l’orario delle materie e lui in ordine prenderà i libri necessari e si assicurerà che non manchi nulla. Infine prenderà l’astuccio e il diario,si chiuderà e si rimetterà sul posto in cui lo avevamo lasciato.

Borraccetti – attività:

  1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
    Computer-Cellulare-Televisore-Radio-Tablet-Playstation.
  2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
    Con il cellulare poter andare in acqua a fare le foto.
    Con la televisione poter cambiare canale con la mente.
    Radio solo canzoni che vuoi…
  3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
    Tipo un libro che si sfoglia da solo
    Una penna che scrive da sola
    Una professoressa che fa tutto quello che vuoi.
    Un telefono che cade ogni settimana così te lo compri nuovo.

Calabro – attività:

  1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
    Cellulare/Computer/Tablet/Orologio/Televisione/Mp3/Macchina fotografica.
  2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
    L’mp3 che puo’ fare video, foto e navigare su internet.
    L’orologio che puo’ chiamare, mandare messaggi..
    La televisione che cambia canale dicendo solo il numero.
    La macchina fotografica che naviga su internet.
  3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
    La matita potrebbe essere programmata per disegnare da sola.
    Il libro che si sfoglia da solo.
    La penna che scrive da sola.
    Il computer che puo’ chiamare.

Campagna – attività:

  1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.tra gli oggetti che si potrebbero programmare per me ci sarebbero: cornici per foto, alcuni ventilatori, bilance.
  2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.sarebbe bello se gli oggetti programmabili come il telefono potrebbero trasmettere a chi legge direttamente delle emozioni,ma non con gli emoticons, oppure anche premendo un pulsante farsi vestire.
  3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.anche se nella nostra epoca non é ancora possibile, mi piacerebbe avere un quaderno che aggiusterebbe i miei disegni.
    un altra cosa che potrebbe essere programmato sono i termosifoni: quando sentono che la temperatura sia troppo bassa si attivano da soli, col troppo calore si spengono(viceversa per i condizionatori).

Cocco – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
– computer – lavatrice – telefono – lavastoviglie – tablet – asciugatrice – videogiochi – lettori audio\video – televisione – fotocamera\videocamera

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.

Proposte per il futuro:

  • il telefono che fa il caffè
  • il frigorifero che ti avverte quando manca qualcosa
  • la lavatrice con stereo incorporato che, a seconda del programma (della lavatrice) che usi cambia la canzone

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.

  • Lo zaino che ti da il quaderno o il libro che ti serve, basta che lo chiedi. Es. tu dici: “storia” e lo zaino ti prende storia.
  • Il quaderno che tu detti e lui scrive al posto tuo.
  • Il cuscino che si mette attorno al collo per fare lunghi viaggi, se hai mal di collo lui ti massaggia in 10 modi diversi
  • La valigia che si trasporta da sola, così non ti stanchi.

Dello Russo – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
automobile,aeroplano, nave, computer, televisione, decoder, crono termostato, sveglia, telefono, radio, accensione e spegnimento delle luci.

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Una automobile un giorno potrà viaggiare da solo sulla strada senza il conducente: frenerà, accelererà, eviterà gli ostacoli, ci porterà alla destinazione desiderata e noi saremo dei semplici passeggeri.

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
La ciotola del cane che si riempie da solo di cibo quando un cane ha fame; un robot in grado di portare il cane a fare i suoi bisogni; un astuccio con i colori che ti passa le matite in base a comandi vocali.

Di Giacomo – attività:

  1.  Scrivi una lista di oggetti programmabili.
  2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
  3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.

Federici – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
smartphone, tablet, computer, tv, smartv, telecomando, droni, lavatrice, lavastoviglie, calcolatrici e aspirapolvere.

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Utilizzare i smartphone e tablet per azionare gli elettrodomestici quando siamo fuori casa come già si fa per allarmi e videocamere.

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
Troverei interessante programmare i miei occhiali con un dispositivo che pulisca automaticamente le lenti evitando a noi quella fastidiosa operazione,

Inglesi – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Computer, televisione, cellulare, robot, le luci, le cuffie, la ciabatta (elettronica)

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Con il computer si può suonare, con la televisione si può utilizzare come porta da calcio, il robot per cucinare, con le cuffie si può leggere cose invisibili

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile
diario, penna, pallone, quaderno, flauto, zaino

Krivokapic – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Di oggetti programmabili ce ne sono tanti ma proprio tanti, adesso scriverò soltanto alcuni di questi oggetti: i computer, i cellulari, le radio la TV macchine fotografiche…

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Secondo me delle scarpe che camminano da sole sono una bella idea per non faticare troppo, poi un telecomando che fa girare le pagine di un libro anche questa non è male come idea e in fine una porta che appena la traversi si chiude da sola…

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
Un televisore che cambia canale soltanto parlando, un gelato che non si sciolga mai, una valigia che mettendoci cose dentro è sempre più leggera.

Lin Noce – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
gli oggetti programmabili sono: la console, la lavatrice, il telecomando, la lavagna elettronica

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Per esempio potremmo utilizzare il telecomando della televisione per accendere e spegnere la luce di casa

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
Nella nostra vita quotidiana incontriamo molti oggetti programmati e li troviamo:nei supermercati (casse automatizzate) stazioni di servizio,scuola e a casa. L’oggetto non programmato che potrebbe aiutare molte persone nella versione programmabile (gli occhiali da vista)

Marcelli – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Ecco degli oggetti programmabili: cellulare, televisione, computer, lavatrice e forno.

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Ad esempio vorrei fare aggiungere ad una macchina fotografica più effetti possibili di quanti già ce ne sono.

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
Un oggetto che vorrei far diventare programmabile è la porta della mia stanza. Se sto ad esempio seduta su una sedia mentre faccio i compiti e qualcuno entra dalla porta e mi disturba, non voglio alzarmi e andarla a chiudere, ma restare seduta e, con un comando, dirgli di chiudersi.

Mercugliano – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Coperta termica, macchine volanti ad arai compressa, un macchinario che cura le malattie

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
una TV o console olografica per poter essere al centro dell’azione, una calcolatrice che non da solo il risultato ma, che fa vedere anche il procedimento

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programma
Giornali animati, uno smaltitore di rifiuti intelligente

Minà – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
La penna i robot di plastica

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Il telecomando vocale chiami il canale e ti manda al canale da te chiesto

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
La penna che ti scrive da sola mentre la professoressa detta

Panzarini – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Computer, smartphone, televisione, telecomando, wii, messaggi, internet.

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Rubrica, posta, videogiochi, film, lettera.

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
Penna, matita, diario,libro, armadio, pennello, flauto, tastiera, pianoforte, spazzolino.

Pavia – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Gli oggetti programmabili possono essere: Il telefono, il computer, la macchina, il televisore, la lavastoviglie, la lavatrice e molti altri ancora.

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Per esempio una macchina potrebbe messaggiare, oppure un televisore potrebbe chiamare, o anche un computer che potrebbe muoversi secondo i comandi.

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
Per esempio la penna potrebbe scrivere da sola, riconoscimento vocale per gli elettrodomestici come per esempio la lavatrice e la lavastoviglie, porte che si aprono da sole

Porcelli – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Computer, telefoni, orologi, lavatrici, lavastoviglie, automobili, distributori, bancomat, tablet, videogames.

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Le auto per esempio potrebbero guidare senza l’intervento dell’uomo come nel caso del pilota automatico grazie all’aiuto di numerosi sensori che grazie ad un algoritmo riuscirebbero ad interagire e comunicare tra loro in modo da evitare i numerosi incidenti,

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
Gli zaini motorizzati che seguirebbero l’alunno grazie al solo riconoscimento vocale,
Il ferro da stiro capace di riconoscere i vestiti e di conseguenza stirarli automaticamente.
Occhiali da sole capaci di funzionare in molte modalità come ad esempio: videochiamate, tv, tablet , lettore di email.

Rossi – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Scarpini, televisione,

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Gli scarpini dovrebbero fare tutto loro così almeno se devo rincorrere una palla più velocemente ci arriverei prima

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
?

Sebastiani – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Telefono, computer, lavatrice, lavastoviglie, automobile, navigatore, robot, videogiochi,

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
Un telefono che accende i riscaldamenti o aria condizionata quando sei fuori casa

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.
Un occhiale che ti avverte che stai giocando troppo con i videogiochi quando superi le 2 ore di gioco consecutive avvertendoti che ti potrebbe venire un grande mal di testa.

Spiriti – attività:

1. Scrivi una lista di oggetti programmabili.
Computer, smartphone, tv, forno, sveglia, lavatrice, termosifoni, macchina fotografica, cronometro.

2. Rifletti su cosa si potrebbe fare con oggetti programmabili di diverso da quanto già fanno.
La sveglia oltre a svegliare potrebbe anche ricordare di fare qualcosa, il termosifone oltre a riscaldare potrebbe anche asciugare i panni.

3. Rifletti su quali oggetti non programmabili potrebbero diventare programmabili o hanno già la loro versione programmabile.

Pubblicazione su Scuola Italiana Moderna

La competenza digitale all’interno di curricoli verticali
di Linda Giannini, insegnante di scuola dell’infanzia e Samsung Educational Ambassador

ANTEPRIMA FASCICOLO N.4 (DIC/2015)

http://scuolaitalianamoderna.lascuola.it/it/home/archivio/Fascicoli-in-anteprima/anteprima-fascicolo-4-dicembre2015

La raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente (2006/962/CE) prevede, tra queste, quella digitale; di cui si fornisce una descrizione puntuale:
Le competenze digitali di base sono le capacità di utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie dell’informazione per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Sono quindi competenze utili a tutti i cittadini per poter partecipare alla società dell’informazione e della conoscenza ed esercitare i diritti di cittadinanza digitale. Le competenze digitali si fondano su “abilità di base nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione: l’uso del computer (aggiungerei…e delle ICT) per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet. Come valutarla?

SMARTFUTURE- video 2015/2016

Video 2015/2016 di Samsung Corporate Citizenship.
Ogni anno Samsung riassume in un video tutti i progetti con i quali si impegna nel sociale e nell’educational, troverete quindi anche il nostro progetto SmartFuture.