Quando l’esperienza scolastica diventa competenza

In questi giorni sono terminati gli esami conclusivi del primo ciclo di istruzione nel nostro istituto. Venerdì 26 Giugno è stato il turno della 3aE che condivide diversi insegnanti con la classe impegnata nella sperimentazione Samsung. Desidero dedicare un breve commento al lavoro presentato da uno dei nostri alunni che, a mio parere, si offre come chiaro esempio di didattica verticale. Questa è ormai una pratica talmente radicata nel nostro istituto, che talvolta rischiamo di considerarla “naturale”. Soltanto quando ci capita di esportare i lavori prodotti dai nostri alunni, ci accorgiamo che la verticalizzazione delle esperienze è ben lontana dall’essere così scontata.

Paolo ha presentato un lavoro personale ed originale sul “Linguaggio” che prende le mosse da una esperienza concreta realizzata durante l’anno scolastico. La collega Linda Giannini (insegnante di scuola dell’infanzia nel nostro istituto) ci ha informati di una iniziativa  (Code Week) dedicata a bambini e ragazzi di ogni età e pensata perché ognuno, secondo le proprie capacità, facesse esperienza di programmazione informatica. L’idea ha immediatamente catturato il mio interesse dal momento che larga influenza ha avuto la programmazione nella mia formazione. Ho proposto l’opportunità ai ragazzi e molti di loro hanno risposto positivamente. Un grazie sentito alla collega Giannini che ha guidato gli studenti con la sua esperienza e conoscenza, ha messo a loro disposizione strumenti e spazi. Alunni e alunne di scuola primaria e secondaria si sono trovati nei locali della scuola dell’infanzia a collaborare nella scrittura di brevi esempi di programmazione visuale a blocchi, circondati dai più piccoli ai quali spiegavano i loro progressi e proponevano i giochi ideati. Paolo è stato uno di loro e, interessato e motivato da questa attività, ha continuato anche a casa a lavorare fino a sentire la necessità di partire da questo linguaggio, che per lui stava diventando così naturale, per svolgere uno studio sulle diverse forme di comunicazione. Ha passato così in rassegna tutti quei tipi di linguaggio scritto o figurato o musicale che sono state una vera innovazione nell’evoluzione del genere umano. Partendo da Carlo Magno e dalla Scuola Palatina, passando per Manzoni, Warhol, i Beatles è arrivato a Steve Jobs, figura dalla quale è sempre stato affascinato. Tutto è stato presentato venerdì con sapiente e mai ostentato uso delle tecnologie.

Qualche volta rischiamo, catturati dalle mille attività da portare avanti, di non documentare e valorizzare adeguatamente le esperienze che facciamo nelle nostre classi. Non è mai troppo tardi.

Aggiornamenti dalla 1D

A partire dalla metà di Ottobre i nostri ragazzi stanno prendendo confidenza con i nuovi strumenti messi a disposizione per la loro classe. Abbiamo iniziato con una piccola esperienza di utilizzo del tablet insegnante durante la lezione di matematica. Il tablet simulava la lavagna ed era duplicato sulla e-board in modo che i compagni potessero seguire lo svolgimento dell’operazione. Il primo impegno è stato quello di misurarsi con lo spazio a disposizione, con la sensibilità della penna (ben diversa dal gesso o da una penna comune).

Quando gli alunni hanno portato a scuola le custodie acquistate dalle famiglie (ormai sono tutte disponibili), sono stati consegnati loro i tablet e ciascuno ha imparato ad entrare nell’ambiente Samsung School e a personalizzare il profilo: inserire il proprio nome, una fotografia, cambiare la password di default, scegliere un motto rappresentativo. Ognuno ha trovato disponibili alcune lezioni di prova precedentemente preparate.

Questa settimana la classe ha svolto una esercitazione di matematica utilizzando S-Note al posto del quaderno. I ragazzi hanno rapidamente imparato ad auto-disciplinarsi, a trovare la concentrazione, ad interagire positivamente con compagni ed insegnante durante lo svolgimento del lavoro.

Per i colleghi. Trovate sul tablet insegnante GeoGebra (un software per il disegno geometrico), un’applicazione con la proposta di quiz matematici interattivi, un software Kindle utile per leggere libri nel formato di Amazon. A tal proposito ho creato un account su Amazon che ci permette di scaricare alcuni libri gratuiti. Insegnerò ai ragazzi a fare altrettanto in modo tale che ognuno di loro abbia una fornita biblioteca personale sempre disponibile in classe. Ci sono anche testi in lingua inglese e spagnola. Per la lista completa degli e-book visitate il sito Amazon e selezionate ciò che di gratuito può interessare per le vostre lezioni. Per username e password, rivolgetevi a me.

Buon lavoro, Antonella