Archivio mensile:gennaio 2018

cl.3 Guerra e Pace, fase 2

video per documentarsi

  • telegiornale sky

http://tg24.sky.it/mondo/2017/12/07/riconoscimento-gerusalemme-capitale-usa-trump-hamas-intifada.html

Schede

  • scheda di lavoro, tratta da Pavone-risorse

in conclusione

cortometraggio “strangers” (2003)

https://www.youtube.com/watch?time_continue=6&v=vnpPgboNeNc

cl.3 – Guerra e pace, fase 1

L’ossimoro proposto dallo scrittore russo Tolstoj, che senso assume nel mondo contemporaneo?

Proviamo a rispondere attraverso la storia di Israele e della Palestina.

Italiano – obiettivi di apprendimento:

  • ascolto e parlato: ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla comprensione, durante l’ascolto (presa di appunti-parole chiave-brevi frasi riassuntive) e dopo l’ascolto (rielaborazione degli appunti-esplicitazione delle parole chiave) riferire oralmente in modo chiaro;
  • lettura: confrontare su uno stesso argomento, informazioni ricavabili da più fonti e riorganizzarle in maniera personale;
  • acquisizione del lessico: ampliare, sulla base delle letture e di attività specifiche, il proprio patrimonio lessicale.

Materiali da consultare

documentario “Good times”

https://www.youtube.com/watch?v=mvnWIYLo8no

letture:

articolo 11

Il filmato, tratto dal progetto di Rai Educational Storia d`Italia multimediale, del 1997, commenta l`articolo 11 della Costituzione della Repubblica italiana, che sanziona la definitiva eliminazione dello strumento della guerra dal nostro ordinamento.

Il giurista Stefano Rodotà, ordinario di diritto civile all`Università La Sapienza di Roma, afferma che il concetto di pace, espresso dalla Costituzione, non deve intendersi solo nell’accezione negativa di rifiuto della guerra, ma come un`indicazione concreta per l’organizzazione della comunità, sia interna che internazionale.

Le immagini mostrano il lancio della bomba atomica a Hiroshima, in Giappone, il 6 agosto 1945, ed alcune sequenze che documentano la ricostruzione nell’Italia del dopoguerra.

Dopo l’intervento di Mario Zagari (1913 – 1996), deputato del Partito Socialdemocratico alla Costituente, il professore di diritto internazionale all’Università di Firenze Antonio Cassese ricorda, tra le motivazioni che portarono all’approvazione dell’articolo 11, quella di De Gasperi, il quale riteneva la guerra manifestamente incompatibile con il concetto stesso di democrazia.

download: materiale

condividi la ricerca su padlet per 3D    https://padlet.com/franco_miglio/atuultsx50w4

condividi la ricerca su padlet per 3C      https://padlet.com/franco_miglio/ezl4d1y0vr11

musica (da ascoltare anche mentre si lavora…)

Klezmer music tradizionale

https://www.youtube.com/watch?v=A1c1zibBbwM

musica palestinese tradizionale

https://www.youtube.com/watch?v=wrkdpG-eXHk&t=993s

Consegna

  1. leggere i documenti informativi forniti dall’insegnante, fase 1
  2. condividere le informazioni generali sulle origini del conflitto
  3. vedere i video sul conflitto e relazionare ciò che si è appreso
  4. analizzare le differenti cause e posizioni del conflitto, fase 2
  5. fare un dibattito su una possibile soluzione del problema
  6. scrivere un articolo di sintesi della questione: attività da concludere entro il 27/01

Processi da mettere in atto

  1. consultare i materiali in modo attivo (es. prendere appunti, usare vocabolario, wikipedia) e approfondito.
  2. usare l’immaginazione
  3. avere una buona argomentazione durante l’esposizione orale e scritta

Valutazione





grado di approfondimento degli argomenti trattati Ha saputo selezionare tutte le informazioni utili alla comprensione dell’argomento ed ha inserito qualche approfondimento opportuno. Ha selezionato gran parte delle informazioni utili alla comprensione dell’argomento. Ha selezionato una quantità di informazioni inadeguata alla trattazione dell’argomento.
chiarezza e coerenza nel momento della produzione orale e del lavoro in gruppo Partecipa apportando il proprio contributo. Partecipa se interessato con un ruolo gregario. Assume un atteggiamento passivo, è elemento di disturbo.
consegna del lavoro Ha lavorato in modo molto ordinato, preciso ed il prodotto è pienamente comprensibile. Ha lavorato in modo ordinato, ed il prodotto è comprensibile. Ha lavorato in modo disordinato e il prodotto non è sempre comprensibile.