L’insalata (di fiabe) è in classe

Il mese scorso abbiamo letto alcune fiabe, riscoprendo non solo alcuni autori classici come i fratelli Grimm e Perrault, ma anche moderni – che si sono reinventati il genere –  come Rodari e Munari.

Cappuccetto Giallo di Munari

 

 

In un secondo tempo, abbiamo provato a scrivere anche noi! In piccoli gruppi, un po’ per gioco ma anche molto seriamente, ci siamo avventurati nella creazione di un crogiolo di fiabe.

Ma cosa significa “crogiolo”?Pur essendo diventati abili nel consultare un vocabolario di carta, vi indico uno dei tanti disponibili online (la parola evidenziata, d’ora in avanti, rappresenta un link ossia un collegamento): dizionari online.

Terza e ultima fase: abbiamo recitato le nostre storie, abbiamo riso per le trovate simpatiche e ci siamo sorpresi per i collegamenti fantasiosi. Infine abbiamo provato a registrare le nostre voci. L’esperimento è risultato utile per ascoltarci e fare delle riflessioni sulla lettura ad alta voce in chiave espressiva.

Il programma opensource (che possiamo usare anche a casa) è audacity

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *