cl.3 – Guerra e pace, fase 1

L’ossimoro proposto dallo scrittore russo Tolstoj, che senso assume nel mondo contemporaneo?

Proviamo a rispondere attraverso la storia di Israele e della Palestina.

Italiano – obiettivi di apprendimento:

  • ascolto e parlato: ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla comprensione, durante l’ascolto (presa di appunti-parole chiave-brevi frasi riassuntive) e dopo l’ascolto (rielaborazione degli appunti-esplicitazione delle parole chiave) riferire oralmente in modo chiaro;
  • lettura: confrontare su uno stesso argomento, informazioni ricavabili da più fonti e riorganizzarle in maniera personale;
  • acquisizione del lessico: ampliare, sulla base delle letture e di attività specifiche, il proprio patrimonio lessicale.

Materiali da consultare

documentario “Good times”

https://www.youtube.com/watch?v=mvnWIYLo8no

letture:

  • Sintesi dell’articolo su Gerusalemme di Internazionale 1235
  • Ahlam Bsharat, Oltre il cielo, Internazionale 1237
  • E.S.Rajze, Napoleone e il sarto, Tascabili Bompiani
  • Una bottiglia nel mare di Gaza, trailer https://www.youtube.com/watch?v=gp_sNu1GuOU
  • essere cittadini, significato dell’articolo 11 della Costituzione italiana

download: materiale

musica (da ascoltare anche mentre si lavora…)

Klezmer music tradizionale

https://www.youtube.com/watch?v=A1c1zibBbwM

musica palestinese tradizionale

https://www.youtube.com/watch?v=wrkdpG-eXHk&t=993s

Consegna

  1. leggere i documenti informativi forniti dall’insegnante, fase 1
  2. condividere le informazioni generali sulle origini del conflitto
  3. vedere i video sul conflitto e relazionare ciò che si è appreso
  4. analizzare le differenti cause e posizioni del conflitto, fase 2
  5. fare un dibattito su una possibile soluzione del problema
  6. scrivere un articolo di sintesi della questione: attività da concludere entro il 27/01

Processi da mettere in atto

  1. consultare i materiali in modo attivo (es. prendere appunti, usare vocabolario, wikipedia) e approfondito.
  2. usare l’immaginazione
  3. avere una buona argomentazione durante l’esposizione orale e scritta

Valutazione





grado di approfondimento degli argomenti trattati Ha saputo selezionare tutte le informazioni utili alla comprensione dell’argomento ed ha inserito qualche approfondimento opportuno. Ha selezionato gran parte delle informazioni utili alla comprensione dell’argomento. Ha selezionato una quantità di informazioni inadeguata alla trattazione dell’argomento.
chiarezza e coerenza nel momento della produzione orale e del lavoro in gruppo Partecipa apportando il proprio contributo. Partecipa se interessato con un ruolo gregario. Assume un atteggiamento passivo, è elemento di disturbo.
consegna del lavoro Ha lavorato in modo molto ordinato, preciso ed il prodotto è pienamente comprensibile. Ha lavorato in modo ordinato, ed il prodotto è comprensibile. Ha lavorato in modo disordinato e il prodotto non è sempre comprensibile.

La grammatica di Rodari e gli Esercizi interattivi della lingua italiana

„Se un bambino scrive nel suo quaderno «l’ago di Garda», ho la scelta tra correggere l’errore con un segnaccio rosso o blu, o seguirne l’ardito suggerimento e scrivere la storia e la geografia di questo «ago» importantissimo, segnato anche nella carta d’Italia. La Luna si specchierà sulla punta o nella cruna? Si pungerà il naso? […] Un «libbro» con due b sarà soltanto un libro più pesante degli altri, o un libro sbagliato, o un libro specialissimo?“
Gianni Rodari ci aiuta a riflettere sulla lingua con il suo libro la Grammatica della fantasia. Un manuale di riferimento, un libro che è come la valigia del prestigiatore… che meraviglia!
Per chi ha bisogno di esercizi interattivi di GRAMMATICA, ecco il

link esercizi interattivi

LEGGERE E’ CIBO PER LA MENTE?

Prima attività proposta: andare in biblioteca a… Bologna?!

Non fatevi prendere dal panico. Non è necessario organizzare una vacanza nella bella città dell’Emilia Romagna, nota per le due torri, per svolgere questo compito. E’ sufficiente accedere con seguente link nella biblioteca Salaborsa Ragazzi di Bologna.

biblioteca Salaborsa di Bologna

salborsa

Prendete spunto da qualche titolo che vi interessa, quindi iniziate la vostra caccia al libro. Una biblioteca più comoda farà al caso vostro.

Oppure fatevi prestare un libro da vostro cugino/a, sempre che non lo vogliate acquistare in libreria. Buona lettura!

proposta salaborsa 1

salaborsa3

salborsa2

 

noi… giornalisti all’expo?

Dopo aver visitato l’expo, ci siamo cimentati nella scrittura di alcuni articoli per riflettere sull’esperienza vissuta. Corrediamo i testi con alcune foto che abbiamo scattato.

il nostro percorso

Troppe aspettative per i paesi “grandi”: il cluster dei semi e dei tuberi supera gli USA

Il blog “i colossi della fantasia” presenta alcuni problemi e riflessioni sull’EXPO Milano 2015, uno di questi è “Troppe aspettative per i paesi grandi: il Venezuela supera gli USA”.

Girando per il Decumano ed il Cardo, alla ricerca di padiglioni con poca coda, siamo capitati nel Cluster dei cereali e tuberi. Erano padiglioni tutti molto piccoli con solo una stanza, ma sono riusciti a rappresentare e unire la loro cultura con il tema scelto. Quello che ci è rimasto più impresso è quello del Venezuela: appena entrati, sulla sinistra, c’erano degli ologrammi che rappresentavano le tradizioni di quel paese mentre sulla destra c’era una scrivania fatta di tronchi di legno messi verticalmente. Continuando la visita, siamo entrati anche in quello degli USA, ma a differenza dei padiglioni del Togo, Bolivia, Congo, Haiti, Mozambico e Zimbawee dove si potevano assaggiare, vedere e toccare semi, non c’era niente di concreto. L’esposizione era basata su 7 video con un’architettura molto particolare. La cosa interessante di questo padiglione è che i muri, esternamente, erano ricoperti da piantine coltivate in verticale.

Forse il padiglione degli USA non ci è piaciuto molto perché

ci aspettavamo qualcosa di meglio visto che è una nazione molto conosciuta nel mondo. I paesi “medi” come l’Austria, erano una via di mezzo perché, avendo i soldi per comprare lo spazio espositivo, hanno saputo soddisfare le aspettative dei visitatori.

Non ci sembra giusto che i paesi ricchi si possano permettere lo spazio espositivo mentre i paesi economicamente minori non ne abbiano la possibilità, soprattutto perché l’esposizione universale potrebbe essere un’occasione per farsi conoscere aumentando il turismo e gli scambi commerciali.

In conclusione; secondo noi dovrebbero avere tutti le stesse possibilità e l’EXPO dovrebbe essere per tutti un’opportunità per conoscere di più i paesi ignorati….

E voi, cosa ne pensate?

 

ASPETTI DELL’EXPO

Com’è l’ EXPO?

Ognuno di noi si immaginava un ambiente diverso in base alle foto e ai racconti di altri che lo avevano già visitato. Prima di entrare alcuni pensavano che fosse un grande capannone che conteneva un padiglione per ogni stato partecipante, oppure altri pensavano che fosse tutto a cielo aperto, tranne i padiglioni.

Alcuni si immaginavano che nel padiglione di un paese si potessero assaggiare le specialità del luogo e si potesse comprare e portare a casa i cibi più strani, mai assaggiati prima.

All’ EXPO si possono scoprire culture e tradizioni di tutti i popoli del mondo attraverso questo viaggio. Ci siamo chiesti: dato che questo EXPO ha come tema il cibo, avrebbe dovuto trattare anche il tema dell’economia e del risparmio; perché era tutto così caro? Non è che gli organizzatori ne hanno approfittato un po’ troppo? Oppure l’importazione ha fatto salire il costo del cibo?

Secondo noi l’ EXPO ha illustrato il tema dell’alimentazione ma ha trascurato un po’ quello del risparmio.

Per questo pensiamo che per l’ EXPO si sarebbe potuto fare di meglio.

Anche voi la pensate così?

“EXPORGANIZE”

Noi oggi, presenteremo l’organizzazione di Expo Milano 2015 (l’esposizione universale sull’ alimentazione).Appena si arriva all’ entrata dell’ expo ci si ferma per qualche minuto , a fare il controllo e la verifica dei biglietti. Usciti dai “metal detector” ci si immette in un’altra lunga coda che porta all’ ingresso dell’esposizione. L’attesa può durare,come nel nostro caso, anche  50 min  sotto al sole cocente dell’ estate ( è consigliabile andare a fine esposizione o in giornate nuvolose e portarsi dietro l’acqua). Davanti ai padiglioni ci sono dei “nebulizzatori” molto utili a rinfrescare l’aria, anche se insufficienti per la lunga coda. Pertanto sarebbe una buona idea, mettere delle coperture all’ ingresso dei padiglioni esposti per crearne l’ombra. Expo Milano 2015, è una bellissima esposizione ma troppo grande per essere visitata in un giorno. Si consiglia, prima di andarci, di organizzare il proprio percorso.

info EXPO, in attesa della visita del 04/06/2015

EXPO MILANO 2015

L’expo è un’esposizione universale che si svolge ogni 5 anni in un paese o stato del mondo che rimane aperto ai visitatori per sei mesi.

Expo Milano 2015 è situato a nord-ovest della città di Milano.

Il tema prescelto per l’Expo 2015 è “Nutrire il pianeta, energia per la vita” e comprende tutto ciò che riguarda l’alimentazione; dall’educazione alimentare alla grave carenza di cibo che colpisce molte zone del mondo, al tema legato all’OGM (Organismo Geneticamente Modificato).

Inizialmente per aumentare il senso di unione e solidarietà la scritta “EXPO” era formata da due tipi di elementi visivi: l’uomo vitruviano di Leonardo rappresentava la “X” mentre la lettera “O”era rappresentata dal mondo.

Il nuovo logo è formato da numeri e lettere.

Le mascotte sono state disegnate da Disney Italia, che si è aggiudicata la gara per lo sviluppo, la promozione e la commercializzazione per l’esposizione universale.

Il 15 dicembre 2013 è stata presentata la nuova mascotte di “Expo Milano 2015”; si tratta di 11 personaggi ispirati al mondo della frutta e degli ortaggi, che vanno a comporre un volto di un personaggio di nome Foody ispirato all’arte arcimboldesca ed i mascottenomi dei personaggi sono stati decisi dai bambini attraverso un sondaggio online. Foody è formato da una famiglia di ortaggi e frutta e simboleggia il cibo proveniente da tutto il mondo.

EXPO E I SUOI PADIGLIONI

All’expo partecipano più di 140 paesi!Per altrettanti padiglioni!Essi hanno come scopo quello di esporre i loro argomenti, idee, filosofie e tattiche da adottare per salvare, preservare e aiutare il CIBO!!!

Ci saranno molti argomenti diversi.

Per ora quelli che hanno attirato più attenzione sono stati:

Azerbaijan:sulle BIO sfere

Malesia:sull’eco sostenibilità e metodi di salvaguardia

Thailandia:Presentando le loro coltivazioni e rivoluzioni nell’agricoltura

Messico: dove, all’interno di una pannocchia gigante, vengono esposti i loro cibi tradizionali!!

Ma questi sono solo alcuni! C’è ancora letteralmente un mondo da scoprire e da visitare!

Con molti altri progetti, idee e soluzioni a problemi risaputi, alcune volte ignorati o addirittura sconosciuti.

STOP ALLO SPRECO DI CIBO

L’expo Milano 2015 è un incontro tra popoli e religioni diverse.

Perchè spendere tanta energia e tanto denaro in qualcosa che viene gettato nella spazzatura?”

Immaginiamo di preparare il pranzo e di aver cucinato un piatto di pasta in più… invece di tenerlo per la cena, decidiamo di buttarlo.

Immaginiamo di farlo tutti i giorni per un anno intero; oppure, entrati in un bar, pagare una brioche, farsela portare al tavolo e poi gettarla nel cestino. Chi farebbe mai una cosa del genere?

Può sembrare strano, ma è quello che facciamo tutti i giorni con il cibo.

Circa 805 milioni di persone nel mondo soffrono la fame, mentre 1,5 miliardi sono obese.

Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” è il Tema al centro della manifestazione. Inoltre Expo Milano 2015 sarà l’occasione per confrontarsi sui diversi usi e costumi dei diversi paesi.

Se da una parte c’è ancora chi soffre la fame e muore, dall’altra c’è chi si ammala per un’alimentazione scorretta dovuta a troppo cibo. Inoltre ogni anno ne viene sprecato molto. Per questo motivo servono: stili di vita sani e meno sprechi.

Il tema si trasforma anche in un momento di condivisione e di festa, grazie a incontri, eventi e spettacoli da vivere in compagnia della mascotte Foody e dei propri amici e parenti. Ogni paese partecipante all’Expo sviluppa il Tema scelto: “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.

Favorire una sana e corretta alimentazione significa non soltanto proporre pasti equilibrati, ma anche abituare i più piccoli a scoprire sapori nuovi.

Siamo rimasti colpiti da una frase che rappresenta una delle questioni più urgenti su cui gli uomini devono ragionare: “vogliamo che l’Esposizione universale abbia un’eredità scientifica che affronti una delle più difficili e complesse sfide del pianeta”: quella della sicurezza alimentare.

LA STORIA DELL’EXPO

La prima esposizione universale fu quella di Londra. Venne organizzata nel 1851 al Crystal Palace in Hyde Park ed è conosciuta come la Great Exhibition. Il tema era l’industria di tutte le nazioni e parteciparono 25 paesi. Questa idea nacque dal Principe Alberto influenzando numerosi aspetti della società. La seconda fu l’Esposizione universale di Parigi nel 1855 che parlava di agricoltura, industria e arti, alla quale parteciparono 34 paesi. Quella successiva fu quella di Parigi nel 1867. Ci sono state molte altre esposizioni universali nel corso della storia, noi ne ricordiamo alcune:

  • Siviglia (Spagna) 1992: il tema di questa esposizione universale è l’età delle scoperte a cui parteciparono 111 paesi da tutto il mondo.

  • Hannover (Germania) 2000: il tema di questa esposizione universale è l’umanità, la natura e la tecnologia alla quale parteciparono 155 paesi e 18 organizzazioni.

  • Shangai (Cina) 2010: questa esposizione ha come tema Città migliore, vita migliore. Hanno partecipato 192 paesi e 50 organizzazioni.

La prossima esposizione universale si terrà a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti nel 2020 e avrà come tema: ”Connettere le menti, creare il futuro”.

IL RICICLO:ENERGIA PER IL PIANETA

Il pianeta ha bisogno di aiuto: le persone al posto di produrre inquinamento dovrebbero riciclare.

L’inquinamento parte sopratutto dalle fonti energetiche non rinnovabili: l’ energia ricavata dal petrolio o nucleare lascia nell’aria gas tossici dannosi all’ ambiente. Le persone poi, al posto di fare la raccolta differenziata, lasciano i rifiuti nella strada .

L’ambiente dovrebbe essere lasciato stare e non rovinato costruendo edifici, esso è troppo importante per essere deturpato. Distruggendo l’ambiente infatti si uccidono molti esseri viventi quali: insetti, animali ma sopratutto ALBERI.

LA TERRA

La terra oltre che essere il suolo su cui camminiamo è anche la principale fonte di cibo. Se essa non ci fosse il cibo non ci sarebbe, ma come sta succedendo la terra si sta inquinando e quindi cibo che mangiamo è “sporco” cioè che non è salutare

ECO-SOSTENIBILITÀGREEN

La eco-sostenibilità serve ad aiutare: ad essere utili per il pianeta. Se tutti facessero così il mondo non sarebbe tanto inquinato.

Per essere eco-sostenibili bisogna fare il riciclaggio cioè mettere i diversi materiali nei cassonetti adatti o portarli direttamente alla discarica.

In ogni caso non bisogna bruciarli e/o sotterrarli.

TERRA

In conclusione: il pianeta sta diventando inquinato,ha bisogno di aiuto. Questo è un l’ obbiettivo dell’EXPO.

You find all kind of maps of the world

Tempo di vacanze…. allora andiamo in giro per gli Stati del Mondo con online Maps and Travel Information

http://www.worldofmaps.net/maps.htm

e, per non dare nulla per scontato, verifichiamo il  calcolo dell’impronta ecologica di dove ci troviamo o dove potremmo trovarci…

http://www.footprintnetwork.org/en/index.php/GFN/page/calculators/

e per allargare l’orizzonte, il sito delle Nazioni Unite, ovvero l’ONU

clicca qui

ovviamente… un po’ di inglese è necessario per navigare in rete! Have fun!

 

 

E’ MEGLIO L’EUROPA OGGI O IERI?

Parleremo delle differenze e delle somiglianze dell’europa antica e presente.

L’ETA’ DEL BRONZO E DEL FERRO

I primi europei erano cacciatori e contadini e realizzavano pitture sui muri delle caverne, appunto essendo abili cacciatori rappresentavano scene di caccia con le armi da loro costruite.

Gli uomini primitivi diverse migliaia di anni prima di Cristo scoprirono come ottenere i metalli. Riscaldavano vari tipi di rocce fino a fonderle e le colavano in stampi di pietra. L’oro e l’argento divennero subito metalli molto preziosi, mentre il ferro e l’acciaio venivano usati per costruire armi.

IL MEDIOEVO E IL RINASCIMENTO

Durante il medioevo le persone più povere erano analfabete e solo nei monasteri e nell’universutà si trovavano libri scritti dai greci e romani. Nel 300/400 gli studiosi scoprirono molti testi antichi. Nel rinascimento le persone ricche compravano i libri della civiltà greca e romana e iniziarono a farsi costruire palazzi e statue somiglianti a quelli dei popoli antichi.

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La nuova rivoluzione industriale iniziò dalla crisi energetica. La legna era il combustibile principale ma in quel periodo le foreste iniziarono a scarseggiare, allora iniziarono a usare, al posto della legna, il carbone. Il combustibile forniva energia alle macchine a vapore ed era trasformato in un combustibile molto più pulito. Il carbone poteva anche essere arrostito.

150 anni fa Henry Bessemer inventò l’alto forno che poteva contenere grandi quantità di acciaio. Grazie a questa scoperta il mondo cambiò e si costruirono:

  • grattaceli

  • ponti

  • transatlantici

  • automobili

  • frigoriferi

  • cannoni

  • bombe

IL MONDO MODERNO

Oggi non si dipinge più sulle pareti delle caverne ma su tele apposite, e le armi, fatte sempre con metalli, sono usate per fini polizieschi, per “divertimento” o addirittura per alcuni sport. Nell’europa moderna la scuola è obbligatoria fino ai 16 anni e quindi tutti vengono istruiti. Ogni persono ha un lavoro e circa un quarto dei lavoratori è impiegato nella produzione cibaria e tecnologica, mentre sette su dieci sono impiegati nei servizi pubblici.

E VOI, COSA PREFERITE?…

L’europa antica o quella moderna?

Ecco una breve descrizione della storia europea.

Come si sono susseguite le guerre nella storia europea? E come sono cambiate le armi?

PREISTORIA /ETA DELLA PIETRA

In questa epoca venivano usate perlopiù lance con la punta in selce o pietra. Le guerre, poiché gli uomini erano divisi in clan le guerre erano soprattutto contro gli animali.

PREISTORIA/ETA DEI METALLI

In questa epoca si usavano armi come spade lance o asce di metalli come il ferro o il bronzo, l’acciaio però era il migliore.

ANTICA GRECIA

Nell’antica grecia c’erano popolazioni piuttosto pacifiche che però presentano grandi battaglie come quelle fra Atene e Sparta senza grandi progressi nel campo delle armi.

IMPERO ROMANO

Questo impero fece grandi progressi nel campo delle armi a distanza con l’ uso della catapulta, inoltre fece innumerevoli guerre per conquistare altri popoli,infatti divenne il più grande impero d’Europa.

MEDIOEVO

In quest’epoca si usano le stesse armi del passato, alcune migliorate, il fatto che i popoli si stanziano in alcuni luoghi favorisce le guerre.

RINASCIMENTO

Viene chiamato anche età dei lumi infatti è un lasso di tempo più dedito allo studio che alla guerra.

RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

In questo periodo si crea l’altoforno che incrementa la creazione di cannoni e bombe.

MONDO MODERNO

Scoppiano le due guerre mondiali e si lanciano le bombe atomiche vengono usati mezzi di trasporto corazzati come armi.

OGGI

Le guerre in Europa sono (fortunatamente) quasi concluse senza nuove armi particolari, si pensa più al progresso tecnologico, di cui parleremo più avanti…