vita scolastica

You are currently browsing articles tagged vita scolastica.

Non si vede bene che col cuore, l’essenziale è invisibile agli occhi…
Ecco a voi un testo della VA della scuola Franceschi

Da dietro i vetri appannati di una finestra polverosa, improvvisamente, un’immagine insolita solletica la mia curiosità e risveglia la mia immaginazione. In un piccolo angolo nascosto del quartiere, vedo alberi scheletrici e stanchi che contrastano con le chiome ricche e voluminose dei sempreverdi. Grandi palazzi cupi e spenti, tutelano il piccolo angolo e sembrano piccole pianure di cemento da cui svettano giungle di antenne. Balconi e finestre sembrano controllare la scena mentre tanta tristezza contrasta con la vita e la gioia contenuta tra le pareti, ferite dai graffiti e dai murales, di un liceo. Un solitario comignolo sparge nuvole di fumo grigio e delle scale scivolose e deserte si intravedono tra gli alberi. Il cielo malinconico e piangente è attraversato da uccelli che volavano bassi e confusi alla ricerca di una meta. D’improvviso un aereo squarcia le nuvole proseguendo sprezzante il suo cammino. Un velo di pioggia cade davanti ai miei occhi sfocando l’immagine sonnolenta. Un tappeto di foglie colorate, secche e scricchiolanti ricopre l’asfalto lucido per poi essere calpestato dall’indifferenza dei passanti. Folate di vento freddo disturbano la quiete. Spicca nella malinconica scena, come una fenice che rinasce dalle sue ceneri, un platano vestito di rosso porpora. Quello che osservo è un quadro d’autore: la natura.
Solo lei può nascondere la vita là, dove sembra essere tutto immobile, morto. La vita, nascosta sotto un manto purpureo che la protegge nella stagione morta.
CLASSE VA Franceschi

Tags: ,

Il cortile della G. Franceschi? Una vera ciliegina sulla torta!

E’ un ambiente molto vasto che si trova all’interno del fabbricato ed è stato ristrutturato, dopo tante lotte e una lunghissima attesa, un anno fa.

A forma di poligono irregolare è pavimentato in parte con legno per esterni a doghe marroni (sono così elastiche che pare di camminare sopra ad un gigantesco materasso!) e in parte con mattonelle grigie come un cielo autunnale.

E’ un luogo abbellito e rallegrato da aiuole con vari tipi di piante e cespugli e da spazi sterrati coltivati dai bambini come orticelli e del passato rimane solo il vecchio albero di fichi che per noi è come un caro nonno ora non più solo come un tempo perché gli fanno compagnia otto giovani fratelli che sono stati adottati da alcune classi.

Ci sentiamo orgogliosi di avere questo stupendo cortile perché abbiamo lottato per ottenerlo scrivendo delle lettere al Sindaco di Roma (che a quel tempo era Walter Veltroni) e gliele abbiamo persino portate in Campidoglio… (che emozione stringere la mano al primo cittadino della Città Eterna!)

Questo cortile ci piace tanto perché le aiuole, gli alberelli e gli orticelli portano vita e gioia e noi speriamo che rimanga così “fino alla fine del mondo”.

La VB della scuola Franceschi

 

Ecco come appare il cortile dopo i lavori.

Ecco come appare il cortile dopo i lavori.

 

 

Tags: , ,

I bambini della 3C Franceschi hanno scritto degli slogan contro la cattiva abitudine di certe persone di abbandonare i cani prima delle vacanze. Eccoli… se siete in procinto di regalare un cucciolo ai vostri figli, meditate.

Titolo ” Il mio “amico cane”

Se lasci il tuo animale è come lasciare il tuo amico più grande, se lasci l’amico più grande, dopo, con chi giochi?
Se lasci il tuo cane è come lasciare il tuo bambino.
Nic.

Se il tuo cane fugge ti dispiace? Si ! Allora perché l’estate lo abbandoni? Fran.

Il cane muove la coda, quando cammina sembra una scopa.Quando si arrabbia abbaia e ti può saltare addosso, ma è sempre un amico. Sam.

Se ti sei preso l’impegno di avere un cane per amico portalo con te in vacanza.
Immagina di essere un cane, e se i tuoi padroni ti abbandonassero, ti piacerebbe?
Non abbandonare il tuo cane.
Sab.

Se devi andare in vacanza, vorrei che portassi il tuo animale con te così, lui sarà contento e tu avrai compagnia. Perché abbandonare animali così dolci, ricorda lui fa parte della tua famiglia.!.!.! Giu.

Non abbandonate i cani, serve qualcuno che si prende cura di loro. Se lo abbandoni è come abbandonassi un amico, la vacanza falla con lui. Lor.

Gli animali sono i migliori amici dell’uomo, quando se ne possiede uno non bisogna abbandonarlo. Val.

Vorrei mandare un messaggio, che sia chiaro per tutti. Non abbandonate gli animali. Come ci sentiremmo al loro posto, abbandonati, soli, senza genitori e senza che nessuno si prende cura di noi? Il messaggio è stato ben chiaro?     Bar. e Giu.

Dicono che i cani sono cattivi, ma se abbandoni un cane il cattivo sei tu. Gab.

Vuoi passare le tue vacanze in compagnia? Non abbandonare il tuo cane, lui è il tuo migliore amico. Ma.

I cani si amano, non si abbandonano. Se lo fai l’animale sei tu. Ale.

Non abbandonate gli animali, li puoi portare con te. Se lasci il tuo cane è come se lasci tua sorella. An.

Vuoi divertirti in vacanza?
Insieme al tuo cane tutto sarà più bello.
Dan.

Vi piacerebbe essere abbandonati dai vostri genitori? Come vi sentireste?
Non abbandonate i vostri cani, sono parte di voi.
Clau.

Perché durante le vacanze estive dovete abbandonare i cani? Come vi sentirete senza compagno, senza il tuo cane che è stato abbandonato? Ale.

Non abbandonare il tuo cane perché è bello ed è come un fratello.
Se lasci il tuo cane da solo sei cattivo.
Fra.

Tags: ,

I bambini vanno a scuola

I bambini vanno a scuola

Le bambine vanno a scuola

Le bambine vanno a scuola

Tags: ,

Vai alla barra degli strumenti