scuola

You are currently browsing articles tagged scuola.

Se chiedete a un bambino delle elementari (sì, si chiama scuola primaria, ma è tanto antipatico come nome!) cosa fa a scuola, capita spesso che risponda: “la ricreazione”, con grande sconforto delle insegnanti che cercano di rendere piacevole agli alunni tutta la giornata, non solo i 20 minuti della merenda, ma tant’è… Leggete cosa scrivono gli alunni della IVB della Franceschi a tale proposito.

Ecco, è ora di ricreazione

Mentre studiamo verso le dieci e mezzo la maestra ci dice che dobbiamo fare la ricreazione e quindi mettiamo i libri sotto il banco. L’intervallo viene trascorso nella classe,ma io lo vorrei trascorrere in giardino. Read the rest of this entry »

Tags: , ,

Eccoci di nuovo insieme per il secondo anno di Bit Bit nelle nuove vesti di blog. E per continuare la simpatica tradizione dell’anno scorso cominciamo con un articolo delle classi prime. L’argomento lo si capisce dal titolo. Abbiamo chiesto ai bambini di raccontarci le impressioni di questo primo mese di scuola. Da questa piccola intervista (come ti trovi a scuola, cosa ti piace fare, ti piacciono i compagni…) è nato l’articolo che segue. Abbiamo anche dei bellissimi disegni. Mancano i nomi, ma sapete, Bit Bit è molto protettivo nei confronti dei bambini. Gli autori si riconosceranno, agli altri non interesserà sapere se una frase l’ha scritta Marco o Luca, giusto? Buona lettura

IMPRESSIONI DI SETTEMBRE

Prima A scuola Franceschi

“Quando la mattina vado a scuola ancora piango un po’ perché non so ancora leggere e scrivere e ho paura di non saper fare le <<cose>>”.

“Dopo un mese di scuola sono un po’ confuso”. (vedi disegno)

“Credevo che fosse peggio, infatti piangevo”.

“Finalmente abbiamo dei libri veri e anche bellissimi”.

“Ho imparato a scrivere la mia parola preferita: arcobaleno”.

“Alla materna mi annoiavo. Qui tutti i giorni imparo una letterina, un numeretto e mi diverto anche”.

“La maestra mi chiama <<lumachina lentina>>: mi stanco sempre tanto e qualche volta piango e qualche volta mi diverto tanto”.

“Non vedo l’ora di fare un campo scuola in Egitto!”.

“In questa scuola e le maestre sono anche belle e io pensavo che erano brutte”.

“Finalmente ho tanti compagni perché alla materna io non ci andavo!”.

Prima A scuola Oberdan.

–       Come siete stati i primi giorni di scuola?

Ci sentivamo felici e un po’ emozionati, sapevamo che dovevamo rispettare tutte le regole. Qualcuno ha pianto un pochettino ma poi è stato benissimo.

–       Quando avete visto i vostri compagni cosa avete pensato?

Di stare bene con tutti, di avere nuovi amici.

–       Poi cosa avete pensato?

Che dovevamo fare i compiti e imparare cose nuove.

–       E adesso, dopo un mese, cosa ne pensate della scuola?

È bella, riusciamo a fare tutto. Ci piace italiano, matematica, inglese e religione. Adesso stiamo addirittura provando a scrivere le lettere in CORSIVO!!!!. Accipicchia com’è difficile la E…

Prima B scuola Franceschi


“Penso che la scuola sia bellissima!”.

“Prima pensavo che mi sarei annoiato e invece mi trovo benissimo!”.

“Sono contenta di avere tanti compagni, così possiamo giocare insieme”.

“La scuola mi piace perché ci sono tanti amici”.

”La scuola mi piace perché le maestre sono buone, mi piacciono i compagni e mi diverto”.

“Questa classe mi piace perché ho fatto nuove amicizie con compagni diversi da quelli che avevo alla scuola materna”.

“A scuola facciamo tanti lavori. Ho trovato nuovi amici perciò mi piace”

“Mi piacciono le maestre Paola e Lucia perché mi aiutano quando sono in difficoltà”.

“Pensavo di non riuscire a fare amicizia e invece ho conosciuto tanti bambini e mi sento bene”.

“Prima pensavo che i compiti erano difficili ma invece sono facili”.

“Mi piace la scuola e voglio bene ai compagni e alle maestre e al maestro”.

“Io voglio bene a tutti i miei compagni perché mi fanno giocare con loro”.

“Mi piace stare a scuola perché voglio fare i compiti”.

“Voglio tanto lavorare per imparare”

“Questa scuola è bella perché le maestre sono buone con me e i compagni sono bravi”.

“Io a scuola sto bene perché pensavo di non riuscire a fare i compiti ma invece ci riesco”.

“La scuola mi faceva paura ma ora ho fatto tante amicizie e perciò non ho più paura”.

“Sono contenta di stare con i compagni e con le maestre”.

Prima B scuola Oberdan

La scuola è bella a metà: siamo tutti d’accordo che è faticosa, ma è anche divertente, si ride. Si sta meglio qui che alla materna perché si impara di più. Qualcuno pensava che sarebbe stato difficile fare amicizia con i nuovi compagni, invece non è stato così. Ci piace italiano, matematica e inglese. Vogliamo continuare tutti a studiare e amiamo le maestre!

Prima C scuola Franceschi

ecco la prima C

ecco la prima C

“Mi sono fatto molti amici!”

“Mi è piaciuta molto la maestra Mariolina per la sua simpatia”.

“È divertente andare a scuola”.

“Il maestro Angelo è molto simpatico”.

“Ho conosciuto molti bambini e in giardino mi diverto e mi emoziono molto”.

“Ho trovato la maestra Mariolina molto gentile e carina”.

“Mi piace tanto stare con la maestra”.

“Mi è piaciuto tanto iniziare a suonare il flauto”.

“Molto bello il primo mese di scuola perché ho conosciuto tanti bambini”.

“È divertente andare a scuola perché si gioca e si studia”.

“Mi è piaciuta tanto la maestra Mariolina perché ci fa giocare e anche studiare divertendoci”.

“Ho conosciuto tante amiche molto simpatiche”.

“Sono stato felice di giocare qualche volta in giardino con i miei compagni”.

“In questo primo mese di scuola sono stata tanto felice e mi sono divertita con le canzoncine del maestro”.

“Questo primo mese mi è piaciuto perché mi sono fatto tanti amici”.

“Tutto bello, soprattutto i disegni della classe fatti insieme”.

“Mi è piaciuto di più andare in giardino”.

“Mi è piaciuto tanto disegnare”.

“Mi è piaciuto di più giocare in giardino”.

Prima C scuola Oberdan

–       Che ne pensate della scuola?

Mi trovo bene, ci sono tante buone maestre

Mi piace, è divertente e poi è una bella scuola.

La scuola è facile, mi ci trovo bene.

Mi piace quando la maestra scrive in corsivo.

–       Cosa vi piace fare a scuola?

Mi piace lavorare, soprattutto matematica.

Mi piace quando leggo e scrivo sul quaderno.

Mi piace scrivere, giocare e parlare.

Mi piace la sala computer e le maestre.

Mi piace fare i compiti.

Mi piace leggere e scrivere.

Mi piace fare le cornicette

–       cosa pensate dei compagni vecchi e nuovi?

Desideravo incontrare nuovi amici ed è successo. Sono anche felice di aver ritrovato quelli vecchi.

Mi piace che la maestra ci cambi di banco perché così posso conoscere tutti i compagni.

Peccato per quei compagni della materna che sono andati nelle altre scuole.

Alcuni compagni della materna sono nella nostra scuola, ma in altre classi. Quando ci incontriamo ci salutiamo.

Quando incontriamo i bambini della materna ci sentiamo grandi.

–       cosa fate a ricreazione?

Facciamo i giochi di società, i puzzle. È bello perché giochiamo insieme.

–       vi piacerebbe fare delle gite?

Si, ci piacerebbe tornare al mare come quando ci siamo andati con la scuola materna.

Oppure ci piacerebbe andare in montagna, sulla neve.

Sarebbe bello andare al museo o a Explora.

Tags: ,

Il cortile della G. Franceschi? Una vera ciliegina sulla torta!

E’ un ambiente molto vasto che si trova all’interno del fabbricato ed è stato ristrutturato, dopo tante lotte e una lunghissima attesa, un anno fa.

A forma di poligono irregolare è pavimentato in parte con legno per esterni a doghe marroni (sono così elastiche che pare di camminare sopra ad un gigantesco materasso!) e in parte con mattonelle grigie come un cielo autunnale.

E’ un luogo abbellito e rallegrato da aiuole con vari tipi di piante e cespugli e da spazi sterrati coltivati dai bambini come orticelli e del passato rimane solo il vecchio albero di fichi che per noi è come un caro nonno ora non più solo come un tempo perché gli fanno compagnia otto giovani fratelli che sono stati adottati da alcune classi.

Ci sentiamo orgogliosi di avere questo stupendo cortile perché abbiamo lottato per ottenerlo scrivendo delle lettere al Sindaco di Roma (che a quel tempo era Walter Veltroni) e gliele abbiamo persino portate in Campidoglio… (che emozione stringere la mano al primo cittadino della Città Eterna!)

Questo cortile ci piace tanto perché le aiuole, gli alberelli e gli orticelli portano vita e gioia e noi speriamo che rimanga così “fino alla fine del mondo”.

La VB della scuola Franceschi

 

Ecco come appare il cortile dopo i lavori.

Ecco come appare il cortile dopo i lavori.

 

 

Tags: , ,

Vai alla barra degli strumenti