Ecco alcune iniziative che si stanno svolgendo alla Franceschi:

 

Tags:

Ecco il resoconto della giornata dedicata al risparmio energetico che si è tenuta alla Oberdan

La pioggia non ha fermato la grande festa del risparmio energetico M’ILLUMINO DI MENO della scuola G.OBERDAN….alla presenza di genitori,nonni,passanti,preside,consiglieri municipali Cardillo  e Benevento…tutti i bambini hanno intonato il coro RISPARMIO ENERGIA…la classe Quinta A ha condiviso emozioni con le proprie canzoni… E poi interviste, volantinaggi, bruschette per tutti, segnalibro, piantine… Tutto in nome della CONDIVISIONE…..MOTORE DI SOCIALITÀ E RISORSA ANTI -SPRECO…..LA SCUOLA OBERDAN…..condiVive!!!!

Ecco il link all’articolo uscito su Leggo

e queste sono alcune foto dell’evento

Read the rest of this entry »

Tags:

Ecco il resoconto di questa iniziativa che si è svolta alla Franceschi

Il 7 febbraio 2017 la scuola G. Franceschi ha deciso di celebrare la Prima Giornata Nazionale contro il bulllismo e il cyberbullismo in quanto tali problematiche, in particolare la prima, costituiscono l’asse portante dell’azione educativa dell’Istituto Comprensivo Via Fabiola che, attraverso attività e iniziative diverse, si concretizza nel progetto “La bellezza salverà il mondo”.

Le insegnanti e gli alunni tutti della scuola hanno lavorato in vario modo alla tematica della giornata e, in particolare le classi Quarte e Quinte, hanno prodotto e reso pubblici i loro lavori: cartelloni murali, testi, disegni e il bell’acrostico della parola bullismo che appare nel manifesto della giornata.

Complimenti a tutti per il bel lavoro e per l’impegno!

Ecco un testo elaborato dalla 5B:

Oggi abbiamo parlato del bullismo. Il bullismo è una mancanza di rispetto verso gli altri. Il bullo, ha una sola regola: la regola della prepotenza,” la sua regola”. Il bullo può essere bambino o ragazzo, ma il dolore che provoca è sempre tanto.Questi ragazzi con comportamenti estremi si incontrano soprattutto nelle scuole, agiscono su deboli e indifesi.Il bullo spesso nasconde la sua debolezza sotto una maschera di prepotenza. Egli causa sempre tanta sofferenza, che non sempre traspare esternamente, a chi è vittima di bullismo, il dolore interiore infatti  non  può essere visto dagli altri. Il bullo fa male agli altri ma allo stesso tempo fa male anche a se stesso. Egli non agisce da solo, cerca di compromettere più  gente possibile per nascondere la sua colpa di essere bullo.       

Classe 5B G. Franceschi

E queste sono le foto dell’evento e dei lavori realizzati dagli alunni

 

 

Ecco un’iniziativa della scuola Franceschi nell’ambito del progetto “La bellezza salverà il mondo”

 

Tags:

Ecco a voi, per la prima volta sul blog, i lavori di carnevale della scuola dell’Infanzia di Via Parboni. Benvenuti!

 

Tags: ,

Ecco le maschere di carnevale realizzate dalla IVC Oberdan

La base è di cartoncino duro ed è stata acquistata. Noi le abbiamo decorate con tempere, porporine colorate, linee con pennarello indelebile nero, lucidate col flatting e rifinite con gli stickers

Tags: ,

Il 23 febbraio la scuola Franceschi farà la sua ormai tradizionale sfilata di carnevale. Ecco la locandina dell’evento.

Tags:

La classe IIIA della scuola Franceschi ha lavorato sul tema del bullismo in modo molto originale. Ecco la loro esperienza.

OFFESE E COMPLIMENTI

Elaborazione di un testo collettivo su un’ESPERIENZA SIMBOLICA

 “C’erano una volta due mele rosse…”

In occasione della prima giornata contro il bullismo, le nostre insegnanti ci hanno fatto vivere un’esperienza simbolica.

Raccontiamo il fatto.

C’erano due mele rosse, belle, identiche. Read the rest of this entry »

Tags: ,

La classe IVA della scuola Oberdan per Natale ha realizzato queste tegole:

Tags: ,

Natale solidale

Quest’anno alcune classi della scuola Oberdan hanno dato vita a un’iniziativa natalizia di solidarietà. Ecco di cosa si tratta:

Le classi quarte della scuola Oberdan hanno pensato per questo Natale di aiutare dei bambini meno fortunati ad andare a scuola. Attraverso l’associazione OPAM gli alunni hanno scelto i progetti che volevano contribuire a finanziare con un mercatino realizzato da loro. Così speriamo che gli insegnanti che vanno nelle carceri minorili in Malawi possano avere uno stipendio che consenta loro di continuare a lavorare e che i bambini degli slum di Nairobi possano andare a scuola e non essere più chiamati “spazzatura”.

Queste sono le foto della realizzazione dei lavoretti in IVA

Tags: ,

« Older entries

Vai alla barra degli strumenti