Ritorna alla homepage

Archivi per: Marzo 2011, 17

17.03.11

Permalink 23:40:36, Categorie: Riflessioni, I nostri lavori, Esperienze dirette  

IL PARCO DELLA NOSTRA FANTASIA

Carissimi bambini, trovo il tempo per pubblicare, come promesso, le vostre riflessioni riguardo l'attività che vi ha visto molto impegnati e motivati in questo periodo, così i vostri genitori potranno iniziare a condividere il vostro entusiasmo e la voglia di venire con gioia a scuola... non tutti penso abbiano compreso il grande e importante lavoro che c'è dietro ma che non si nota in un semplice quadernone (attività di riflessione, di costruzione linguistica ortografica-sintattica, di convivenza civile, di sviluppo e potenziamento dell'attenzione, della memoria...), avete scoperto anche le preposizioni articolate giocando alla lim ;-)  Abbiamo potuto anche ripassare gli articoli, il nome, l'aggettivo, il verbo, le preposizioni semplici e non è male essendo solo in classe seconda!).

A questa pubblicazione mancano le riflessioni di alcuni compagni  assenti... le inseriremo in seguito!

Sono molto molto soddisfatta di quanto avete saputo creare e donarmi!!!
Siete stati tutti molto bravi, ognuno di voi ha dato ai compagni... i miei campioni e campionesse
Ho dimenticato, però la storia a scuola per cui la pubblicheremo insieme....anche la maestra ogni tanto fa cilecca
Un abbraccio a tutti voi
maestra Ale

Questa storia è piaciuta molto a tutti.
Tutto è iniziato da un semplice sfondo che la maestra Ale ci ha presentato alla LIM.
Poi ognuno di noi ha aggiunto un elemento e ha inventato una frase.
In seguito ci siamo messi in 5 gruppi e abbiamo unito tutte le frasi per comporre l’inizio,lo sviluppo e la fine di una storia.
Infine abbiamo messo tutto insieme e abbiamo formato un’unica storia insieme alla maestra.
Questo lavoro è servito a conoscerci meglio, aiutarci a vicenda,lavorare in gruppo e sentire le opinioni degli altri.
La parte che mi è piaciuta di più è stata lo sviluppo. Arianna
 
QUESTA STORIA E’  MOLTO BELLA PERCHE’  ABBIAMO USATO LA NOSTRA FANTASIA. 
LEGGENDO LA  FRASE DI  GIACOMO MI SEMBRAVA PROPRIO DI VEDERE IL TEMPORALE. Andrea
 
L'attività della continuazione della storia fantastica mi è piaciuta tantissimo anzi di più questo lavoro è stato il lavoro più bello che ho mai fatto.
Anche se è stato lunghissimo quasi un mese.
La parte che mi è piaciuta maggiormente   è stata quando abbiamo unito tutti gli inizi,gli sviluppi e le conclusioni di ogni gruppo per fare un'unica storia della classe,il titolo che abbiamo scelto è:
IL PARCO DELLA NOSTRA FANTASIA!!! Angela
 
Abbiamo incominciato da un disegno dove ognuno di noi ha aggiunto un particolare. Adesso vi racconto la parte che più mi è piaciuta. Ci siamo divisi in cinque gruppi per inventare l’inizio, lo sviluppo e la fine per poi unire le varie storie in una sola di classe. Miki
 
Questa storia mi è piaciuta perché l’ abbiamo fatta noi. Daniele
 
QUESTA   STORIA  CHE   ABBIAMO   FATTO  NOI   E’  STATA  FANTASTICA  PERCHE’  ABBIAMO  LAVORATO  AL    COMPUTER   E  ALLA   LIM   E  A  ME  PIACE  TANTO. FRANCI
 
Siamo partiti da un’ immagine come sfondo. Abbiamo fatto dei piccoli disegni e scritto cosa rappresentavano. Poi abbiamo formato dei piccoli gruppi che hanno preso le frasi e hanno fatto una storia   e poi insieme alla maestra Ale li abbiamo uniti tutti per fare una storia sola. Questa attività mi è piaciuta molto, perchè la maestra era molto brava. Il titolo che abbiamo scelto è “ Il parco della fantasia”,  un titolo perfetto per una storia cosi bella come questa. Giulia
 
 Questa storia mi è piaciuta molto perché abbiamo usato anche la lim. Klevin
 
Questa attività è stata , come potrei definirla…entusiasmante , divertente e istruttiva.
Ma, soprattutto , mi è piaciuta perché era un lavoro di gruppo.
Ho ancora un po’ da raccontare quindi ascoltate .
Mi è piaciuto quando abbiamo disegnato sulla sfondo di partenza e abbiamo scritto le frasi inventate da noi, quando abbiamo fatto i nostri piccoli gruppi per fare i nostri INIZI e SVILUPPI e formare la grande STORIA del GRUPPO – CLASSE.
Ma tantissimissimissimo scriverla a computer è stata la parte che mi è piaciuta di più. [fin ad ora ;-]  Martina
 
QUESTA STORIA MI E’ PIACIUTA MOLTO. NEL PICCOLO GRUPPO, LA MIA COMPAGNA ARIANNA E’ STATA BRAVA E POI CARINA PERCHÈ CI HA AIUTATO AD ARRICCHIRLA.
FRANCESCO
 
Questa storia mi è piaciuta moltissimo perchè l'abbiamo inventata noi alla lim. Samuel
 
Questa attività di italiano mi è piaciuta molto. Anche a voi ? Per me è stata fantastica! La frase più bella per me è “l’arcobaleno si    riflette nello stagno” scritta da Martina. Elena S.
 
Abbiamo iniziato con un’ immagine come sfondo, ognuno di noi doveva aggiungere un personaggio o un oggetto. Dopo ognuno di noi doveva scrivere una frase. Mi è piaciuta maggiormente la frase di Martina “ l’arcobaleno si riflette nello stagno” perché l’ ho proprio immaginato. Questa attività mi è piaciuta tantissimo :-) perché il lavoro l’ abbiamo fatto usando molto la lavagna  interattiva multimediale ( lim) .Valentina
 
Abbiamo scritto molti titoli che ci venivano in mente, poi abbiamo votato con alzata di mano e abbiamo scelto “ Il parco della nostra fantasia”. Luca
 
L’attività è stata molto allegra perché abbiamo viaggiato molto con la fantasia, arricchendo sempre di più le nostre frasi. E’ stato il lavoro più bello che ho fatto sino ad ora. Giacomo
 
Mi è piaciuta tanto questa attività perché abbiamo lavorato in gruppo, abbiamo usato molto la LIM e la nostra fantasia. A volte, qualche compagno faceva ridere tutti con le sue idee. Alessandra
 
Siamo partiti da una immagine e la maestra Ale ci ha detto:” Osservate bene bene, poi chiudete gli occhi e iniziate a viaggiare con la vostra fantasia”. In seguito siamo andati uno alla volta a disegnare alla lim, abbiamo scritto le frasi e dopo a gruppi abbiamo inventato degli inizi ( usando le frasi) e inventato quindi le storie. Infine abbiamo unito le varie storie (inizi-sviluppi-fine) per fare un’unica storia del gruppo-classe. A noi questa attività è piaciuta molto, è stata davvero fantastica. Elena R.
 
L’attività della costruzione della storia è iniziata da un disegno alla lim che la maestra Ale ha proposto. Adesso scrivo il pezzo che mi è piaciuto di più di tutto il lavoro. Ci siamo divisi in cinque piccoli gruppi e insieme abbiamo scritto la nostra piccola storia. Poi con la maestra abbiamo riunito le nostre piccole storie e abbiamo fatto una bella storia del gruppo-classe. Abbiamo poi scelto il titolo da un elenco che avevamo pensato. Ha avuto più voti il titolo di Valentina e il mio (dei due pensati ne avevamo fatto uno solo!). Emma
 
 

Permalink
Permalink 21:42:24, Categorie: Imparare a studiare, recupero assenza, Dislessia  

Ancora ORTOGRAFIA

Un altro programmino e diventerete i miei campioni e campionesse :-)

Un abbraccio
maestra Ale

Permalink
Permalink 21:28:04, Categorie: Imparare a studiare, recupero assenza, Dislessia  

ORTOGRAFIA CON UN CLIC

Vi consiglio di allenarvi con questi programmini sulle vostre difficoltà ortografiche :-)

Buona vacanza :-)
maestra Ale

Permalink
Permalink 20:40:22, Categorie: blog  

UN MONDO SEGRETO

BUON COMPLEANNO

ITALIA

GRANDE FESTA NELLA NOSTRA SCUOLA

 

I PREPARATIVI

 

 

 

 

INIZIANO I GIOCHI

 

 

UNIFICHIAMO LA NOSTRA BELLA  ITALIA

 

FORZA PESCIOLINO L'ULTIMO PEZZO TOCCA A TE!

ANCORA TANTI GIOCHI

 

MA ...  NON POTEVA MANCARE UNA COLAZIONE ALL'ITALIANA

BUONISSIMA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

 

AUGURI ITALIA! 

Permalink
Permalink 20:35:27, Categorie: Formazione docenti, Dislessia, Eventi  

Nuovo Progetto " IMPARIAMO AL FUTURO"

Qui troverete l'articolo in oggetto.
Grazie, per essere sempre così presenti in questo mio blog.

Potrete, inoltre, trovarmi in
alessandrachiaretta in canalescuola

Buona navigazione e ogni tanto lasciate traccia del vostro passaggio tramite Commenti :-)

Permalink
Permalink 20:33:47, Categorie: blog  

BUON COMPLEANNO

ITALIA

GRANDE FESTA NELLA NOSTRA SCUOLA

I PREPARATIVI

INIZIANO I GIOCHI


UNIFICHIAMO LA NOSTRA BELLA  ITALIA

FORZA PESCIOLINO L'ULTIMO PEZZO TOCCA A TE!

ANCORA TANTI GIOCHI

MA ...  NON POTEVA MANCARE UNA COLAZIONE ALL'ITALIANA

BUONISSIMA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

AUGURI ITALIA!

Permalink
Permalink 18:54:13, Categorie: Rob&ide  

Pinocchio 2.0 ed i 150 anni dell'unità d'Italia

Da una segnalazione di Betty Liotti

Permalink
Permalink 18:47:18, Categorie: blog  

Ma che bello il CARNEVALE...
Scuola dell'infanzia Mazzini Bari sez. D

e.. per carnavale...
una tavola imbandita di ... tante cose buone!
GNAM...

EVVIVA, CORIANDOLI E MUSICA...

Permalink
Permalink 18:37:25, Categorie: blog  

Italia Unita [riflessioni dal web]

Piero Faraone di Milano condivide con noi un suo scritto

[ clicca qui per leggere il contributo ]

[ L'Italia al tempo di Augusto ]

Permalink
Permalink 12:07:14, Categorie: blog  

Auguri Italia [infanzia Latina]

Carissime/i,

ecco altri giochi per la festa dell'Italia:
http://www.italia150.rai.it/giochi.aspx#l
Un abbraccio e buonissima giornata, Linda

Permalink
Permalink 11:32:11, Categorie: blog  

COMPLEANNO

Buon Compleanno Italia!

Permalink
Permalink 09:26:38, Categorie: blog  

150 ANNI DELL'UNITA' D'ITALIA [Niguarda - Milano]

Una poesia che ricorda l'Italia e all'Italia i sacrifici della conquista per l' Unità. Il poeta è un soldato che ha contribuito con il proprio sacrificio alla riunificazione della nostra Patria. La poesia si riferisce alla prima guerra mondiale, ed inoltre vorrei modestamente condividere con voi del materiale fotografico che fa parte del patrimonio storico della mia famiglia.
 
Questo evento mi sento particolarmente coinvolta perché la mia famiglia ha contribuito con sacrificio alla realizzazione di questo ideale e mi fa male constatare che purtroppo qualcuno pensi alla divisione e/o al frazionamento del territorio italiano.
 
GIUGNO 1918
 
Italia, le tue vene si riaprono.
Più feroce divampa la guerra.
Ma tu sorgi, tu stai,mirabile di forza e di dolore,
si bella quale non ti vidi mai.
 
Invitta è quella volontà che serra
le tue labbra sull' empito del cuore.
Il crescente pallore
è sul tuo viso
come una luce che si fa più santa.
 
Ed il tuo sguardo è fiso,
oltre il cielo tumulto, oltre le bieche
apparenze del male,
anche di là dalla vittoria, a Roma,
e, nel suo nome, ad un'idea immortale.
 

Permalink
Permalink 08:54:27, Categorie: blog  

Viva l'Italia

Auguri all' Italia, a tutti gli italiani che hanno contribuito a renderla grande e a tutti quelli che si impegneranno a conservarla grande ora e nel futuro!!!

Prof.ssa Alfonsina Anagni

Permalink

150esimo. L'inno nazionale

 

clicca sull'immagine

Samuele della classe quinta

maestra Silvana

Plesso di Caniga

Permalink

150esimo. La nostra Costituzione. Classi quinte

 

 

clicca sull'immagine

 

 

Classi Quinta A - Quinta B

maestra Clara e maestra Marina

il file mp3 è stato realizzato da maestro Nicola

Plesso di Caniga

Permalink

150 anni dell'Unità d'Italia. Classe seconda

 

 

Classe seconda

maestra Gavina

Plesso Caniga

Permalink

150esimo. Garibaldi . Classe seconda

 

Ascoltate la filastrocca

 

 

Classe seconda

maestra Tiziana

il file mp3 è stato realizzato da maestro Nicola

Plesso Caniga

Permalink

150esimo. Siete tutti fratelli, di Giuseppe Mazzini

 

<< In qualunque terra voi siate, dovunque un uomo combatte pel diritto, pel giusto, pel vero, ivi è un vostro fratello: dovunque un uomo soffre, tormentato dall'errore, dall'ingiustizia, dalla tirannide, ivi è un vostro fratello.

Siete tutti fratelli.

Una è la vostra origine, una la legge, uno il fine per tutti noi.

Una sia la credenza, una l'azione, una la bandiera [...].

Non dite:

il linguaggio che noi parliamo è diverso:

le lacrime, l'azione, [...] formano linguaggio comune per gli uomini quanti sono, e che voi tutti intendete.

Non dite:

l'umanità è troppo vasta, o noi troppo deboli.

Dio non misura le forze, ma le intenzioni.

Amate l' Umanità.

A ogni opera vostra nel cerchio della Patria o della famiglia, chiedete a voi stessi:

se questo ch'io fo' fosse fatto da tutti e per tutti, gioverebbe o nuocerebbe all' Umanità?

e se la coscienza vi risponde:

nuocerebbe, desistete.

 

Giuseppe Mazzini

Permalink
Permalink 06:00:00, Categorie: Rob&ide  

Pinocchio 2.0 e le feste: l'Unità d'Italia [infanzia Latina]

Permalink
Permalink 05:00:00, Categorie: Rob&ide  

Carlo Lorenzini in battaglia

tratto dal blog http://estemporaneamontopoli.blogspot.com/

In Lombardia, al comando di Giuseppe Montanelli, erano rimasti a combattere gli studenti pisani che si batterono eroicamente contro gli austriaci nelle battaglie di Curtatone e Montanara. A quei valorosi protagonisti era andato ad aggiungersi anche Carlo Lorenzini, che si era arruolato assieme al fratello Paolo nel battaglione dei volontari toscani. I fratelli Lorenzini erano partiti il 1° aprile per il Veneto, assegnati alla colonna mobile che dopo qualche giorno di marcia aveva raggiunto i campi di battaglia. Ma che cosa significava per i giovani che nel 1848 avevano vent’anni, Carlo non ne aveva ancora compiuti ventidue, suo fratello Paolo ne aveva diciannove, partire come volontari per combattere contro l’Austria? Come si formava la loro fede patriottica? Come era venuta maturando l’idea di nazione in quei giovani che avevano fatto esperienza solo della divisione dell’Italia in diversi Stati per di più separati da un’economia differente, dalla mancanza di vie di comunicazione e da1l'uso di dialetti così lontani tra loro da suonare íncomprensibili a tutti gli altri italiani? Grazie ancora a un testimone autorevole come Giuseppe Montanelli possiamo cogliere il clima in cui aveva preso forma, da parte di moltissimi giovani, la decisione di partire come volontari per la guerra. Nelle Memorie, scritte a distanza di pochi anni da quegli avvenimenti in cui egli stesso era rimasto ferito ed era stato fatto prigioniero Montanelli ricorda l’entusiasmo con cui non solo i giovani, ma anche le loro famiglie rispondevano alla richiesta di mandare i propri figli in guerra.... Finalmente, dopo un’attesa di dieci giorni che gli pare insopportabile, dall’accampamento militare Carlo può informare l’Aiazzi (collega della libreria Piatti) sull’andamento delle operazioni di guerra e scherzare sulla paura che il suo battaglione, la “briganta nera” come la chiamavano i tedeschi, incute al nemico; al contrario dell’esercito regolare, i volontari indossavano una giubba nera, questo spiega perché venissero chiamati così dai tedeschi. Con un tocco d’umorismo che affida pur nello spazio di pochie righe al discorso diretto Carlo riesce a riprodurre la parlata e il forte accento dei tedeschi: «Vogliono saper da tutti i contadini: Quanta star briganta nera nel paese? E soggiungono: afer molta paura de briganta nera e niente paura de briganta bianka». Parlando del coraggio dei volontari rispetto alla “briganta bianka", verso cui i tedeschi non provavano altrettanta paura, pur senza esserne del tutto consapevole, egli rivela anche un altro aspetto: i giovani volontari erano animati da un'irruenza e da uno spirito battagliero che non contraddistinguevano invece l'esercito regolare. E se furono l’entusiasmo giovanile e lo spirito d’avventura a spingere i volontari a partecipare alla guerra, non si può tuttavia negare che si trattava anche di una scelta politica in senso patriottico e democratico; anzi, proprio l’impronta patriottica e democratica che dimostravano, aveva convinto î governi a lasciarli partire. … Accanto all'esaltazione patriottica, l'esperienza diretta della guerra fa nascere nel giovane Lorenzini un nuovo sentimento: una forte avversione nei confronti degli alti ranghi militari e degli stessi ufficiali. Come scrive all’Aiazzi, essi mostravano grande inefficienza e incapacità di organizzazione: a tale sentimento si aggiungono parecchi dubbi e addirittura la sensazione di essere stato “baloccato”. Con questo stato d’animo Lorenzini prese parte alla sfortunata battaglia di Montanara, dove il battaglione dei toscani fu sopraffatto e decimato dagli austriaci. Nonostante la sconfitta, l’eroica resistenza dei giovani volontari avrebbe potuto rivelarsi di grande utilità da un punto di vista di militare; essa infatti, insieme all’efficace contrattacco piemontese a Goito, aveva fatto fallire l’ambizioso piano del generale Radetzky

Tratto da: PINOCCHIO E COLLODI
Rossana Dedola Bruno Mondadori Milano
Le lettere di Collodi sono conservate alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Permalink
Permalink 01:33:47, Categorie: Ci presentiamo...,  

BUON ONOMASTICO

BUON ONOMASTICO PATRICK

 

 

 

 

 

 

 

Auguroni al gran simpaticone......

La  maestra Piera e tutti i tuoi....compagnoni !

Permalink
Permalink 00:55:14, Categorie: EVENTI STORICI  

I 150 ANNI DELL'UNITA' D'ITALIA

                 

                                                                     BUON  COMPLEANNO ITALIA !

" TUTTI  UNITI "

Si mettono in cerchio,si stringon le mani,>

è il girotondo dei bimbi italiani.>

Da nord a sud,fanno un giretto >

lassù,dalle Alpi fin giù nello Stretto.>

Saltano e danzano, allegri in coro>

per la penisola che è tutta loro.>

Con un grande abbraccio noi festeggiam, >

siam tutti italiani e non lo scordiam!>

 

 

SIAMO  ORGOGLIOSI  di  ESSERE  ITALIANI !

 

     " LA BANDIERA  DEI TRE COLORI "

 
E la bandiera dei tre colori
sempre è stata la più bella,
noi vogliamo sempre quella,
noi vogliam la libertà,
noi vogliamo sempre quella,
noi vogliam la libertà,
la libertà, la libertà!

Tutti uniti in un sol fato
stretti intorno alla bandiera
griderem mattina e sera
viva viva il tricolor,
griderem mattina e sera
viva viva il tricolor,
il tricolor, il tricolor!

E la bandiera dei tre colori
sempre è stata la più bella,
noi vogliamo sempre quella,
noi vogliam la libertà,
noi vogliamo sempre quella,
noi vogliam la libertà,
la libertà, la libertà!

Tutti uniti in un sol fato
stretti intorno alla bandiera
griderem mattina e sera
viva viva il tricolor,
griderem mattina e sera
viva viva il tricolor,
il tricolor, il tricolor!

Permalink

Marzo 2011
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
<<  <   >  >>
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

e-didablog

Progetto edidablog L'aggiornamento dei blogs da parte degli utenti avviene senza alcuna periodicita' ; il servizio non puo' quindi, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, rappresentare una testata giornalistica e non puo' altresi' considerarsi un prodotto editoriale.
Ai sensi del D.Lvo n. 70/2003 art. 16 il progetto edidablog si configura come una "prestazione di un servizio della societa' dell'informazione, consistente nella memorizzazione di informazioni fornite da un destinatario del servizio, il prestatore non e' responsabile delle informazioni memorizzate a richiesta di un destinatario del servizio"...

Cerca

Altro

Syndicate questo blog

XML Che cos'?


powered by
b2evolution