Ritorna alla homepage

Archivi per: Marzo 2011, 09

09.03.11

Permalink 18:46:03, Categorie: Rob&ide  

Progetti futuri [Pinerolo -To-]

Prepariamo qualcosa con la picoboard per aprile? Mandatemi delle idee e io cerchero' di realizzarle; ho a disposizione un sensore ottico, uno di suono, un pulsante, uno slider per far variare dei numeri e 4 sensori che definirei di resistenza elettrica, ma non so se è proprio giusto. Mandatemi un progetto di macchina utile o inutile (vedo che adesso van per la maggiore quelle inutili...) e io ci lavoro sopra… può essere fatta con qualsiasi materiale

Donatella  

Permalink
Permalink 15:56:58, Categorie: Le nostre attività progettuali  

PROGETTO AMBIENTE

 

Operazione Scuole Pulite

 

 Nontiscordardimé è diventato un appuntamento importante, ogni anno dal 1999, in primavera si organizza  una giornata di volontariato nelle scuole ,promossa da Legambiente per rendere più vivibili, accoglienti e sicuri gli edifici scolastici. Un'occasione educativa che vede impegnati  studenti, insegnanti e genitori per ripulire le scuole, raccogliere rifiuti, ridipingere le pareti, sistemare o costruire aiuole e giardini, nonché realizzare piccoli interventi di manutenzione. La campagna è patrocinata dal Ministero della Pubblica Istruzione, con il contributo dell'Unione delle Province d'Italia e dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani. Anche noi della CLASSE 3^ SEZIONE B ,abbiamo dato la nostra adesione a questa iniziativa ,così lunedì 14 Marzo 2011, saremo impegnati a rendere più accogliente il giardino del nostro Istituto con aiuole ricche di piante e fiori variopinti. 

 

A causa delle avverse condizioni atmosferiche,l'appuntamento è stato rinviato a martedì 29 Marzo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

LE NOSTRE RIFLESSIONI SULL'ESPERIENZA FATTA......

 

IL PROGETTO LEGA AMBIENTE E' STATO BELLISSIMO ANCHE SE CI SIAMO STATI POCO TEMPO GIU' A PIANTARE LE PIANTE, PERCHE'

 ERAVAMO IN TANTI. CHIARA RICCARDI

 

IL PROGETTO ERA UNA FAVOLA !L E PIANTINE ERANO BELLISSIME! NE ABBIAMO PIANTATE DUE PER CLASSE.  

Permalink
Permalink 08:00:54, Categorie: Religione: i miti  

Il Mercoledi' delle Ceneri: "Memento homo.."

 
Maestro Antonello ci illustra il significato religioso profondo del primo giorno della Quaresima:
il Mercoledì delle Ceneri  

 
Memento homo, quia pulvis es et in pulverem reverteris è una nota locuzione latina, che tradotta letteralmente significa: "Ricordati uomo, che sei polvere e polvere ritornerai".
Le parole quia pulvis es et in pulverem reverteris compaiono nella versione latina della Bibbia (Genesi 3,19) allorché Dio, dopo il peccato originale, scaccia Adamo dal giardino dell'Eden condannandolo alla fatica del lavoro e alla morte: "Con il sudore della fronte mangerai il pane finché non tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere sei e polvere ritornerai!"

La Chiesa pronunciava questa frase nella liturgia del Mercoledì delle Ceneri, mentre sul capo dei fedeli veniva sparso un pizzico di cenere. Con l'abbandono del latino in seguito alla riforma liturgica voluta dal Concilio Vaticano II, attualmente per il rito dell'imposizione delle ceneri si possono usare due formule diverse: "Convertitevi e credete al Vangelo" o la più tradizionale "Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai".

La fortuna e il persistere di questa espressione, come delle consimili Memento mori  ["ricordati che devi morire"] e Memento novissimorum ("Ricordati dei novissimi", cioè delle ultime cose, compresa appunto la morte), non risalgono solo al rituale e al formulario religioso ma anche a due tipici aspetti della società medievale, il penitenzialismo e l'ossessione, se non addirittura il compiacimento, della morte. Se ne hanno efficaci rappresentazioni, talora cupe ma anche ironiche, nei temi iconografici della danza macabra, dell'Incontro dei tre morti e dei tre vivi e del Trionfo della morte, poi ripresi e diffusi anche dal Cinquecento barocco della Controriforma fino alla metà del Settecento.
Sintetizzata nella forma memento homo, la massima ecclesiastica viene impiegata anche in contesti non propriamente religiosi con il valore generico di ammonimento o, nello specifico, di invito a riflettere sulla brevità della vita o sulla vanità delle ambizioni umane; più raramente ne vengono accentuati gli aspetti di minaccia alludendo a un'evidente disparità di forze o a una futura e inevitabile resa dei conti. Relativamente a questi precisi ambiti di significato le può essere assimilato il vocabolo memento, che ha tuttavia una gamma di utilizzi ben più ampia.

Ulteriormente abbreviato in mementòmo, il termine ha perso l'originaria funzione di aforisma per assumere l'aspetto e le caratteristiche di un normale sostantivo, mantenendo tuttavia lo stesso significato di avvertimento talora anche minaccioso o comunque di monito severo. In rari casi lo si applica anche alla persona che emette abitualmente tali ammonimenti; più spesso, soprattutto a livello popolare, viene interpretato come un sinonimo di necrologio, orazione funebre pomposa, epitaffio o iscrizione. In Sardegna, invece, la stessa parola serve a indicare i mesti rintocchi delle campane a morto, mentre il linguista sardo Massimo Pittau segnala l'accezione di "individuo emaciato".

 
In Sardegna vi sono diverse tradizioni legate al Mercoledì delle Ceneri.
Fra le più caratteristiche quelle di Ovodda con
 “I riti del Carnevale del "Mehuris de Lessia" La processione di Don Conte.
E' il giorno del Mehuris de Lessia a Ovodda , le strade si riempiono degli schiamazzi festosi e un po' folli del corteo di persone col viso dipinto di nero (anche gli spettatori vengono colorati con la fuliggine ottenuta da un pezzo di sughero bruciato), los intintos, che accompagnano freneticamente il fantoccio Don Conte Forru, figura metà prete metà feudatario, potere religioso e potere politico.
Don Conte Forru ne deve aver combinate per finire così miseramente: processato, ucciso, bruciato e ancora in fiamme gettato da un dirupo

 
 
Il Carnevale di Ovodda, paese situato a poca distanza dal massiccio del Gennargentu, si svolge il Mercoledì delle Ceneri, con elementi caratteristici che lo differenziano dagli altri carnevali barbaricini.
Il carnevale a Ovodda si festeggia il Mercoledì delle Ceneri, "Mehuris de Lessia", e costituisce un momento di forte identificazione della comunità con le proprie tradizioni secolari.
Personaggio principale è Don Conte, fantoccio maschile; indossa una larga tunica colorata da cui traspare una grossa pancia fatta di stracci che copre l’anima in ferro che lo sorregge.
Sono diversi gli elementi che differenziano questo evento dagli altri carnevali barbaricini: non solo il fatto che si svolge il Mercoledì delle Ceneri, Mehuris de Lessìa, ma anche la totale assenza degli enti istituzionali nell'organizzazione dell'evento e la mancanza di qualsiasi tipo di propaganda.

 
Maestro Antonello Mura
plesso di Caniga

Permalink

Marzo 2011
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
<<  <   >  >>
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

e-didablog

Progetto edidablog L'aggiornamento dei blogs da parte degli utenti avviene senza alcuna periodicita' ; il servizio non puo' quindi, ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, rappresentare una testata giornalistica e non puo' altresi' considerarsi un prodotto editoriale.
Ai sensi del D.Lvo n. 70/2003 art. 16 il progetto edidablog si configura come una "prestazione di un servizio della societa' dell'informazione, consistente nella memorizzazione di informazioni fornite da un destinatario del servizio, il prestatore non e' responsabile delle informazioni memorizzate a richiesta di un destinatario del servizio"...

Cerca

Altro

Syndicate questo blog

XML Che cos'?


powered by
b2evolution