Ritorna alla homepage

Archivi per: Gennaio 2006

24.01.06

Permalink 18:29:52, Categorie: NoNews e dintorni  

27 gennaio "Giorno della Memoria"

L'Italia del 1938
Una vignetta di propaganda antisemita del regime fascista

Provvedimenti per la difesa della razza
nella scuola fascista

Vittorio Emanuele III
per Grazia di Dio e per la Volontà della Nazione
Re d'Italia
Imperatore d'Etiopia

Visto l'art. 3, n.2, della legge 31 gennaio 1926-IV, n.100;
Ritenuta la necessità assoluta ed urgente di dettare disposizioni per la difesa della razza nella scuola italiana;
Udito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per l'educazione nazionale, di concerto con quello per le finanze;
Abbiamo decretato e decretiamo;

Art. 1. All'ufficio di insegnante nelle scuole statali o parastatali di qualsiasi ordine e grado e nelle scuole non governative, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere ammesse persone di razza ebraica, anche se siano state comprese in graduatorie di concorso anteriormente al presente decreto; nè potranno essere ammesse all'assistentato universitario, nè al conseguimento dell'abilitazione alla libera docenza.

Art. 2. Alle scuole di qualsiasi ordine e grado, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere iscritti alunni di razza ebraica.

Art. 3. A datare dal 16 ottobre 1938-XVI tutti gli insegnanti di razza ebraica che appartengano ai ruoli per le scuole di cui al precedente art. 1, saranno sospesi dal servizio; sono a tal fine equiparati al personale insegnante i presidi e direttori delle scuole anzidette, gli aiuti e assistenti universitari, il personale di vigilanza delle scuole elementari. Analogamente i liberi docenti di razza ebraica saranno sospesi dall'esercizio della libera docenza.

Art. 4. I membri di razza ebraica delle Accademie, degli Istituti e delle Associazioni di scienze, lettere ed arti, cesseranno di far parte delle dette istituzioni a datare dal 16 ottobre 1938-XVI.

Art. 5. In deroga al precedente art. 2 potranno in via transitoria essere ammessi a proseguire gli studi universitari studenti di razza ebraica, già iscritti a istituti di istruzione superiore nei passati anni accademici.

Art. 6. Agli effetti del presente decreto-legge è considerato di razza ebraica colui che è nato da genitori entrambi di razza ebraica, anche se egli professi religione diversa da quella ebraica.

Art. 7. Il presente decreto-legge, che entrerà in vigore alla data della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Regno, sarà presentato al Parlamento per la sua conversione in legge. Il Ministro per l'educazione nazionale è autorizzato a presentare il relativo disegno di legge.

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia inserto nella raccolta delle leggi e dei decreti del Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a San Rossore, addì 5 settembre 1938 - Anno XVI
Vittorio Emanuele
Mussolini, Bottai, Di Revel

Visto il Guardasigilli: Solmi

L'Italia del 2000

Legge 20 luglio 2000, n. 211

"Istituzione del "Giorno della Memoria" in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti"
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000

Art. 1.

1. La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Art. 2.

1. In occasione del "Giorno della Memoria" di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinchè simili eventi non possano mai più accadere.

Ricordare! Ricordare! Ricordare!

Permalink

18.01.06

Permalink 20:59:42, Categorie: Lezioni di Economia Aziendale  

Moduli per la VC

Eccovi altri due moduli di Economia Aziendale.
Tutti e due riguardano ancora la Contabilità gestionale:

il primo è su "Direct costing e full costing" 365KB

il secondo è su "Il metodo ABC" 326KB

Buon studio dalla Albez Edutainment production!;-)

Permalink

14.01.06

Permalink 15:16:14, Categorie: NoNews e dintorni  

I saldi delle scuole...

E' tempo di saldi per i negozianti ma anche per le scuole superiori.

I saldi delle scuole superiori sono i giorni di "scuola aperta" o all'inglese gli "open day". E oggi è "open day" anche per la mia scuola e fra poco andrò a fare il mio bravo turno di marketing scolastico.

E' sui giornali, però, che le scuole superiori riescono a dare il peggio di loro stesse.

Infatti ci sono licei che offrono indirizzi con "una curvatura verso le scienze umane", istituti tecnici in cui vengono insegnate materie come "arte, filosofia, musica", "diritto internazionale comparato ed europeo", "a richiesta anche latino". Addirittura offrono il "target: Economia&Management" o anche "Management di R&S".
Ci sono licei che coltivano sogni di far crescere "un giovane straordinario, con tutte queste qualità:
- ordina le proprie idee con linguaggio incisivo
- legge con intelligenza libri e immagini
- comunica con efficacia in lingua inglese e,se vuole, in altre lingue
- ha elevate competenze matematiche, che hanno grande valenza e sono la via per accedere alla scienza
- usa con intelligenza le nuove tecnologie della comunicazione
- si orienta nel nostro mondo in modo autonomo e consapevole"

E' quello che ho appena letto nella pagina pubblicitaria della cronaca regionale di un quotidiano. E mi è bastato.

Ma perchè non la smettiamo di farci del male da soli e cerchiamo di fare al meglio la sola cosa che sappiamo fare: insegnare.

Basterebbe insegnare bene agli studenti tre cose soltanto: leggere, scrivere e fare di conto. O no?

Un felice raglio a tutti!;-)
Hihaaa! Hihaaaaa!Hihaaaaaaa!

Permalink

11.01.06

Permalink 20:56:42, Categorie: NoNews e dintorni  

Dietro la lavagna

L'Ocse definisce "investimenti in sapere" la somma degli investimenti in ricerca e sviluppo, software e istruzione universitaria effettuati da una nazione. Ecco la classifica 2005:
1° Svezia con il 7% del Pil
2° USA 6,6%
3° Finlandia 6%
In Italia gli investimenti in sapere superano appena il 2% del Pil. Dietro di noi ci sono solo Grecia e Portogallo.

Se poi guardiamo al numero di persone impiegate nella ricerca e sviluppo ogni mille occupati, sempre secondo l'Ocse, la situazione è la seguente:
1° Finlandia 18 su mille
2° Svezia un po' più di 10 su mille
3° Giappone circa 10 su mille
L'Italia è terzul'tima con 3 su mille. Davanti a noi Grecia e Portogallo, dietro di noi Turchia e Messico. (Fonte:"La Repubblica" del 22/12/2005)

Commento
Hihaaaa!Hihaaaaa!Hihaaaaaaaa!

Permalink

03.01.06

Permalink 21:00:07, Categorie: Teacher's Help  

Didattica, questa sconosciuta

"La “didattica” concerne il complesso di interventi volti a progettare, allestire, gestire, valutare “ambienti di apprendimento”, cioè speciali contesti ritenuti atti a favorire particolari processi acquisitivi in soggetti inesperti, risultanti da un'idonea integrazione di artefatti culturali, normativi, tecnologici e di specifiche azioni umane."

Se vi piace questa definizione di didattica o vi ritrovate in essa allora potrei suggerirvi la lettura dell'intervento di Antonio Calvani dal titolo "Costruttivismo, progettazione didattica e tecnologie."

Se il vostro metodo didattico non vi soddisfa più o non soddisfa più i vostri allievi e non avete ancora trovato una valida alternativa, allora è il momento di andare a curiosare in questa sitografia didattica.

With a little help of your friend....

Comunque la pensiate sul costruttivismo e quant'altro, qualunque sia la didattica che adottate in classe, siete invitati a lasciarmi un commento.

In ogni caso un felice raglio a tutti!;-)

Permalink

01.01.06

Permalink 12:58:20, Categorie: NoNews e dintorni  

L'anno che verrà.......

Permalink

Gennaio 2006
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
<<  <   >  >>
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Il raglio del prof

Piccole storie da dentro e fuori la scuola, fattispecie di lezioni e poi ragli, sempre ragli, fortissimamente ragli!

Cerca

Altro

Syndicate questo blog

XML Che cos'è?

powered by
b2evolution