Ritorna alla homepage

Archivi per: Agosto 2008

28.08.08

regole per semplificare i testi per i dislessici

SEMPLIFICARE I TESTI:

ovvero come rendere più leggibile un testo cartaceo

Al di là del fatto che la lettura, per un dislessico, non sarà mai una cosa automatica come lo è per la maggior parte di noi, ci sono alcune regole che i docenti possono tenere presenti se vogliono aiutarli a leggere testi cartacei (e quindi senza sintesi vocale)...
Ecco perciò alcune linee-guida per fornire testi semplificati agli alunni con DSA, sia dal punto di vista grafico (in modo da favorire la percezione visiva) che da quello sintattico e lessicale (la "forma" linguistica del contenuto).
I consigli che trovate qui provengono da una mia rielaborazione dei materiali di studio offerti da PuntoEduDislessia, dal "Vademecum per la dislessia" e da altre letture.

Riguardo ad alcuni dei punti evidenziati di seguito, ho preparato due strumenti che potrebbero esservi comodi (clic sui link per scaricarli):

 Istruzioni per trasformare velocemente un testo da stampato minuscolo in stampato MAIUSCOLO (in Word e in Writer)

 Un Modello per Word già predisposto, (e le istruzioni per utilizzarlo) per scrivere su un file vuoto ed ottenere, automaticamente, lo stampato maiuscolo, un font senza grazie ed abbastanza grande, l'interlinea spaziosa ed i margini laterali più larghi.              

 

 Ecco le linee-guida:

La grafica e lo stile del documento:

1) Corredare il testo di immagini, schemi, tabelle, ma in modo chiaro e lineare, senza "affollare" le pagine.
2) Usare le intestazioni di paragrafo per i testi lunghi.
3) Usare se possibile lo STAMPATO MAIUSCOLO. E' più facilmente leggibile (perchè stanca meno la vista) per chiunque!
4) NON usare l'allineamento giustificato: lo spazio variabile tra le parole non aiuta i loro movimenti saccadici.
5) Andare spesso a capo, magari dopo ogni punto di sospensione (capoversi).
6) Non spezzare (sillabare) le parole per andare a capo.
7) Distanziare sufficientemente le righe (usare un'interlinea abbastanza spaziosa).
8) Usare fonts del tipo "sans sarif", cioè "senza grazie". Il Times New Roman, ad esempio, è quello che di default si utilizza in Word, ma non è indicato. Nel nostro PC ci sono già fonts sans sarif, basta scegliere un tipo di carattere che abbia segni "puliti", senza lineette aggiuntive, come ad es. il Comics, il Verdana, il Georgia, l'Arial.
Un elenco di fonts sans sarif lo potete vedere qui (tratto dal sito
http://www.graficainlinea.com)

Attenzione, però: in alcuni di questi fonts la "i" maiuscola) e la "elle" minuscola sono identiche! Succede as es. nell'Arial.  Altri fonts invece, come il Verdana, li mantengono distinti (come eccezione, la sola I maiuscola del Verdana ha le grazie)
9) Impostare il font in un formato (corpo) abbastanza grande: se un corpo di 12 punti potrebbe essere accettabile per il Verdana maiuscolo, per altri tipi di font più piccoli potrebbero servire almeno 14/16 punti.
10) Se possibile, usare il grassetto e/o colori diversi per evidenziare le parole chiave ed i concetti più importanti, o per raggruppare (nel caso dei colori) concetti e contenuti tra loro correlati. Come per il punto 1, però, attenzione a non esagerare: il testo deve essere chiaro, "pulito", senza inquinamento visivo.

L'organizzazione del testo e il lessico:

1) Usare frasi brevi, evitando le subordinate e preferendo piuttosto le coordinate.
2) Non usare doppie negazioni.
3) Fare attenzione alle frasi con troppi pronomi: costringono ad inferenze ed aumentano il carico cognitivo, a scapito della strumentalità di lettura.
4) Nei testi informativi/di studio raggruppare le informazioni per blocchi tematici.
5) Nei testi narrativi sostituire gli eventuali flash-back con un più semplice ordine cronologico.
6) Cercare di evitare testi troppo lunghi: max 250 parole per pagina.
7) Per quanto possibile, usare forme attive e al modo indicativo.
8) Usare un lessico semplice, in base all'età e alle difficoltà dell'alunno.

 

... Spero che queste informazioni vi siano utili per creare testi "ad hoc"       

Permalink

16.08.08

Un registro elettronico utile agli studenti

Un registro elettronico pensato per gli studenti

Ideato e realizzato da uno studente dislessico, REGISTRO ELETTRONICO è un utile strumento per tutti gli alunni ...

 

Registro elettronico è un software gratuito per tenere sotto controllo i propri voti: la versione attuale è adatta agli studenti delle superiori, ma Luca sta già pensando di farne anche una versione per la scuola di primo grado (elementari e medie). 

Il programma mostra i voti insufficenti e le medie; è possibile visualizzare i voti di un solo quadrimestre o di entrambi e il tipo di voti (scritto, orale, pratico, oppure tutti) con indicate le varie medie per ogni materia (media 1° quadrimestre, media scritto 1° quadrimestre ecc).
Registro Elettronico crea automaticamente le statistiche (la materia in cui si va meglio, quella in cui si va peggio..., le probabilità per ogni singola materia di prendere un voto sufficente, i voti totali sufficenti e insufficenti per materia e cose del genere). Inoltre crea grafici per dare una visione più chiara dell'andamento.

Esempio di grafico:

Il programma gira su Windows e necessita del  .NET Framework (scaricabile qui)

Tutti gli studenti interessati, dislessici o meno, possono scaricare il programma REGISTRO ELETTRONICO cliccando

 QUI

con il tasto destro del mouse e scegliendo "salva con nome".

Oltre all'inventiva e alla volontà tipiche dei dislessici  e alle competenze informatiche, Luca dimostra anche una grande generosità, perchè condivide con tutti questo prezioso ed originale strumento, offrendo anche agli altri l'opportunità di monitorare il proprio andamento scolastico...

 Grazie, Luca!!  

Permalink

DIS - BLOG : un blog per la dislessia

Agosto 2008
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
<<  <   >  >>
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Cerca

Altro

Syndicate questo blog XML

RSS: Che cos'è?

powered by
b2evolution