Ritorna alla homepage

Dettagli del messaggio: Acqua :la parola magica

27.02.08

Permalink 17:56:27, Categorie: blog  

Acqua :la parola magica

Prendendo spunto da un testo trovato su una  vecchia guida didattica ho raccontato ai miei bimbi questa storiella per aiutarli a memorizzare la parola "acqua".

                                          Acqua: la parola magica

C'era una volta una principessa che fu rinchiusa  dalla matrigna  in castello   nel bosco. La regina cattiva era troppo invidiosa della sua bellezza. Per rendere inaccessibile l'ingresso questo era il segreto: il portone si sarebbe aperto  quando sull'albero più vicino sarebbe stata scritta una  parola magica, che subito dopo l'apertura sarebbe scomparsa.Tutti i giorni la matrigna si recava al castello per portare  il pranzo.Un giorno passò di lì un giovane principe che vide la principessa alla finestra e subito se ne innamorò promettendole di  liberarla. Si nascose dietro un cespuglio  e aspettò l'arrivo della matrigna  cercando  di scoprire  il segreto. La matrigna andò via e il giovane gridò alla principessa"Ho capito, ho capito qual è la parola magica, tra poco sarai fuori dalla tua prigione" Corse all'albero e scrisse"AQUA" ma il portone non si aprì. La fanciulla se ne rientrò delusa e il giovane si rattristò per la figuraccia. Il giorno seguente il principe osservò meglio la matrigna e credendo  questa volta di aver visto benissimo, gridò alla fanciulla "Ho capito, ho capito qual è la parola magica, tra poco sarai fuori dalla tua prigione" Corse all'albero e scrisse"ACUA"ma il portone non si aprì. La fanciulla se ne rientrò  ancora più delusa e il giovane si rattristò  ancora di più per la figuraccia. Giurò a se stesso che il giorno dopo avrebbe prestato massima attenzione per non sbagliare più. Quando la matrigna ritornò  il giovane attentissimo  ne osservò ogni movimento ." Ci sono, ci sono, ho capito tutto , questa volta è la volta giusta, tra poco sarai fuori ,mia amata" La fanciulla ormai non credeva più alle sue parole, se ne rientrò sbattendo la finestra. Ma il ragazzo ormai era sicuro di sè, corse all'albero e scrisse"ACQUA", il portone si aprì, il giovane salì dalla principessa che piangeva disperata e la portò nel suo castello: Si sposarono e vissero felici e contenti.

Da allora la parola "Acqua" si scrive con la "C" e con la "QU"

Luigi ha rappresentato così la storiella

Ecco come la vede Cinzia

Permalink

Luglio 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
<<  <   >  >>
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Concetta Silvestri "maestrairrequieta"

Cerca

Categorie

Altro

Syndicate questo blog

XML Che cos'?

powered by
b2evolution