Ritorna alla homepage

Archivi per: Febbraio 2012

29.02.12

Permalink 09:09:55, Categorie: Scuola Infanzia, Carnevale  

Carnevale 2012 - Scuola infanzia - Caniga

 

 

 

Permalink

28.02.12

Permalink 16:10:04, Categorie: Carnevale  

Giovedì grasso 2012 - Caniga

 

 

In piazza d' Italia, una piccola della prima classe pensa forse che è uno spreco lasciare tutti i coriandoli lì, per terra....

Ci pensa lei! ed è la sua maestra a farne le spese

 

 
 

Permalink
Permalink 12:14:47, Categorie: Carnevale  

Giovedì grasso 2012 - Ritratti

 

Una galleria fotografica di questa allegra giornata

 

 

 Le foto più belle sono state scattate da m.stro Mario

Permalink

27.02.12

Permalink 11:38:47, Categorie: Polimini, Carnevale  

Giovedì grasso 2012 - classi terze, Caniga - San Donato

 

I bambini e le bambine delle terza di San Donato e di Caniga hanno approfittato di questa giornata per conoscersi. Ricordate? le due classi stanno portando  avanti insieme un' attività di geometria sui polimini

 

 

ecco un piccolo filmato

 

dai bambini e dalle bambine delle due terze

Permalink
Permalink 11:18:26, Categorie: Carnevale  

Giovedì grasso 2012 - San Donato

 

 

Questa giornata di festa è stata pensata e organizzata dal gruppo Accoglienza e dalla Funzione Strumentale, ins. Anna Maria Cadeddu.

 

Permalink
Permalink 11:00:31, Categorie: Scuola Infanzia, Carnevale  

Giovedì grasso - La Landrigga

 

 

Maestra Franca ci invia anche questa interessante ricerca sui Mamuthones che ha scaricato dalla rete.

Per leggere il file word cliccate sulla parolina evidenziata

 

i bambini e le bambine insieme alle maestre Franca - Peppina

 

Permalink

25.02.12

Permalink 12:15:39, Categorie: Passa Libri, Piccole recensioni crescono  

Mattinata a teatro 2012 , classe terza

 

La documentazione della classe terza di Caniga inerente alla mattinata al teatro Ferroviario dove si rappresentava Il giro del mondo in 80 giorni, della compagnia L'uovo Onlus, Teatro Stabile di Innovazione.

 

 

 

I bambini e le bambine insieme a m.stra Tiziana

Permalink
Permalink 12:08:10, Categorie: Passa Libri, Piccole recensioni crescono  

Mattinata a teatro 2012 , classe quarta

 

Il 13  febbraio alcune classi del nostro Circolo sono andate al Teatro Ferroviario dove si rappresentava Il giro del mondo in 80 giorni, della compagnia L'Uovo Onlus, Teatro Stabile di Innovazione. .

Ecco la documentazione della classe quarta di Caniga.

 

 

 

I bambini e le bambine insieme a m.stra Tiziana

Permalink

21.02.12

Permalink 17:19:10, Categorie: Carnevale  

Le maschere più belle:). Carnevale 2012

 

 

 

Nella presentazione che segue alcune splendide foto condivise da maestro Mario  

 

 

e altri disegni di alcuni bambini di terza:

 

 

 

 

Permalink
Permalink 16:12:51, Categorie: Carnevale  

Le mascherine della prima B

 

 

Permalink

20.02.12

Permalink 17:15:50, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

I ringraziamenti del Maestro Mario Lodi

 

I 90 ANNI DI MARIO LODI

La "Casa delle Arti e del Gioco" ringrazia
le tantissime persone che hanno inviato gli auguri al Maestro
in occasione del suo 90° compleanno:
i bambini, le bambine e gli insegnanti italiani e spagnoli,
gli amici, i genitori, gli educatori e i dirigenti scolastici.
 
In particolare: Marco Rossi-Doria (sottosegretario Istruzione), Francesco Tonucci, Emilio Maestri, Tullio De Mauro, Andrea Canevaro, Roberto Lanterio, Teresa Ciari, Gianfranco Zavalloni, Alessandro Dell'Aira, Linda Giannini, "La Scuola del Fare", Simonetta Maione, Alfredo Gioventù, "Orecchio Acerbo", Franco Piavoli,  Afro Somenzari, Lucia Tumiati, Fiorenzo Alfieri,
Anna Masala, Vinicio Ongini, Roberto Lovattini e Segreteria nazionale M.C.E.

Permalink
Permalink 17:14:05, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

Auguri a Mario Lodi in education 2.0

 

Se volete leggere i nostri auguri al Maestro cliccate qui:

http://www.educationduepuntozero.it/community/scuola-che-vorrei-auguri-mario-lodi-9-4033004978.shtml 

e, cliccate su mi piace  che trovate in fondo agli articoli.

Permalink

18.02.12

Permalink 19:59:57, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

Storie di Natura, per il compleanno di Mario Lodi

 

 

Buon compleanno, Maestro!

Permalink
Permalink 16:57:58, Categorie: Numeri, Carnevale  

Griglia dei numeri con mascherine

 

 

I bambini e le bambine insieme a m.stra Concetta,

classe seconda di Caniga

Permalink
Permalink 16:52:56, Categorie: Carnevale  

Stelle filanti in seconda

 

 

 

i bambini e le bambine insieme a m.stra Anna Maria,

classe seconda di Caniga

Permalink

16.02.12

Permalink 20:44:48, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

Qualcosa su Mario Lodi

 

Mario Lodi. Sognavo una scuola libera ma oggi quell'utopia non c'è più
(La Repubblica del 16 febbraio 2012)

Il celebre insegnante, amico di Don Milani, compie 90 anni. E racconta le rivoluzioni di classe, da Tolstoj alla provincia italiana. Venivo guardato con sospetto dalle istituzioni. Ora ha vinto il modello tradizionale"

Chissà se domani il maestro Lodi guarderà fuori della grande finestra che s´affaccia sul cielo di Piadena, borgo di pianura tra sapori lombardi ed emiliani. Tutto cominciò da lì, da una finestra spalancata sul mondo. «Sì, fu il mio primo giorno di scuola a San Giovanni in Croce, al principio degli anni Cinquanta. Mentre parlavo, uno dei bambini si alzò dal suo banco e andò a guardare cosa succedeva sui tetti di fronte. A poco a poco, anche gli altri fecero lo stesso. E allora mi domandai: lasciar fare o reprimere? Così mi alzai, e insieme a loro mi misi a guardare il mondo dalla finestra». Da insegnante tornava bambino, e gli scolari si facevano maestri. La nuova scuola era cominciata.

Il maestro compie novant´anni, ma nel giorno della festa chiede silenzio.

«Silenzio e meditazione. Noi novantenni possiamo ricordare la nostra vita, le imprese se ci sono, e null´altro. Ci resta poco da vivere e dobbiamo prepararci a questo passo estremo che è la fine». E allora ricominciamo da capo, dal primo fotogramma di un lungo film, la scelta del mestiere.

«Non avrei mai pensato di diventare maestro di scuola. Volevo fare il falegname, vivere in una segheria tra trance e pialle, sgorbie e lime. Il mio modello era Geppetto, l´artigiano di Collodi. Sì, volevo essere come Geppetto con Pinocchio». Sorride Mario Lodi, gli sembra di averla detta grossa. Ma come, il maestro per antonomasia, l´artefice della nuova scuola democratica, l´amico di don Milani, l´incarnazione di quella utopia progressista che attraversò i migliori anni del lungo dopoguerra, ora confessa che avrebbe voluto far altro? In realtà la metafora di Pinocchio rivela molte cose. In fondo anche il maestro Lodi ha trasformato generazioni di burattini in bambini veri. I più antichi tra i suoi scolari hanno oltre settant´anni, calzavano gli zoccoli e oggi sono piccoli imprenditori. Alcuni sono diventati chef illustri, altri hanno trovato la retta via dopo un´infanzia miserabile. Tutti ora continuano a scrivergli, con gratitudine. Ma al principio niente fu facile.

Nato nell´anno del fascismo, a Lodi toccò in sorte di ricevere il diploma magistrale proprio il giorno dell´entrata in guerra, il 10 giugno del 1940. «Mentre Mussolini sbraitava da Palazzo Venezia, io andai a Cremona a vedere gli esiti dell´esame. No, non ero tanto contento. In fondo avevo scelto le magistrali perché duravano meno. A me piaceva soprattutto dipingere, pasticciare con i colori sui tessuti e i foulard di seta. Me l´aveva insegnato mio padre, un operaio socialista con vocazione artistica». Il primo tirocinio scolastico, nella Bassa padana, fu tremendo. «Io avevo in mente l´esperimento inventato da Tolstoj a Jasnaia Poliana, la residenza di campagna dove faceva una scuola libera con figli dei contadini poveri. Incontrai anche io i bambini con gli zoccoli, scalpitanti come cavalli ma profondamente segnati da una scuola autoritaria. Così volevano da me la lezione tradizionale, gli esercizi scritti e i compiti, i timbri con i voti. Un disastro».

Per sognare un mondo diverso, bisogna aspettare la fine del fascismo e della guerra. E anche l´arrivo di una nuova stagione, la ricostruzione morale e materiale dell´Italia. «C´era ancora paura nei loro sguardi, anche molta fame. Ma i bambini cominciavano ad aprirsi, a rivelare il loro mondo interiore non solo attraverso la parola scritta, ma anche con il disegno e la musica, il gioco e il lavoro pratico». Bambini che scoprivano le mani. Bambini spesso "forestieri", abituati a parlare un dialetto diverso. «Nel giorno di San Martino, il padrone delle cascine spostava i suoi contadini di borgo in borgo. Così mi arrivavano questi scolaretti spaesati, che comunicavano in un modo differente. C´era un problema di lingua, lo stesso che oggi affligge i figli degli immigrati. E allora lavoravo su ciò che li univa. Siamo tutti eguali nei dolori, nelle emozioni, negli affetti. E solo con l´amore si riesce a scoprire la vita dei bambini».

Non era solo, il maestro Lodi. Cominciava allora quel Movimento di Cooperazione Educativa che, sulle tracce del pedagogista francese Freinet, portava aria fresca nelle aule scolastiche. A una scuola puramente trasmissiva, dispensatrice di saperi dall´alto, opponeva un insegnamento che contemplava la collaborazione al posto della competizione, il recupero invece della selezione, la ricezione critica piuttosto che l´ascolto passivo. «Volevamo rifondare la scuola democratica», dice oggi il maestro Lodi con la sua bella voce piana, resa fragile dall´età ma ancora nitida, come di chi è abituato per mestiere a catturare l´attenzione. «L´aula rappresentava la società e a scuola si sperimentava la base del vivere civile. Il maestro doveva formare il cittadino responsabile». Una rivoluzione silenziosa, che portava tra i banchi la Costituzione, nella speranza di cambiare il paese uscito da un ventennio di dittatura. E dopo oltre mezzo secolo, maestro Lodi, qual è il bilancio? Lo sguardo azzurro si fa distante, come a difendersi da una realtà che non gli piace. «L´Italia è un disegno incompiuto. Non è nato il popolo che volevamo rieducare, così come non è nata la nuova scuola che avevamo in mente. Se mi volto indietro, se penso al nostro lavoro di quei decenni, mi sembra tutto vanificato.

Oggi è prevalsa la scuola tradizionale, un modello competitivo che somministra nozioni e dà la linea». Non vogliamo teste piene, le vogliamo ben fatte: era lo slogan degli insegnanti democratici. Un´altra favola bella che se n´è andata. Tra gli anni Sessanta e Settanta, i suoi libri ebbero grande successo. Prima le storie collettive di Cipì, il "passero eroico" celebrato da Rodari. Poi C´è speranza se questo accade a Vho, diario didattico degli esordi, e Il paese sbagliato, bestseller einaudiano insignito del Viareggio. «Venne da me Giulio Einaudi con le bozze in mano», ricorda ora divertito. «"Troppo lungo", decretò. "Le lascio un paio d´ore per tagliarne duecento pagine"». Il maestro Lodi diventò una star della pedagogia innovativa, vincitore di premi internazionali, ma nelle scuole della Bassa padana la vita non era mai facile. «Quando andava bene, il direttore didattico mi lasciava fare. Così accadde a San Giovanni, dove insegnai tra il ´51 e il ´56. Ma più tardi a Vho le cose andarono molto peggio, tra le resistenze delle gerarchie scolastiche e l´ostilità degli altri maestri. La scuola tradizionale era più semplice: libro di testo e compiti in classe, non bisognava inventare niente».

Il maestro Lodi veniva guardato con sospetto. La sua aula era tutt´un via vai di strana gente, lunarmente distante dall´istituzione scolastica. «Mi mettevano in classe molti ripetenti, ragazzi difficili che reagivano alle avversità con violenza e dissipazione. Così facevo venire il medico che illustrava gli effetti del fumo in polmoni giovani. E con il contadino uscivamo in campagna, e insieme al pescatore arrivavamo fino al fiume. E contemporaneamente spiegavo storia e geografia». Non è un caso che don Milani adottò alcune delle sue tecniche didattiche, soprattutto quella della scrittura collettiva dei testi. Senza Mario Lodi, non ci sarebbe Lettera a una professoressa della scuola di Barbiana. «Conobbi don Lorenzo nel 1963, grazie al mio amico Giorgio Pecorini. Il suo esperimento viene oggi raccontato come una scuoletta di campagna, in realtà era una scuola di altissimo livello. Era un pezzo dell´Italia che viveva autonomamente la sua libertà. Don Milani fu il primo a lanciare l´idea di scuola universale – trasformare la scuola in uno strumento di democrazia – ma non tutti hanno capito la profondità del suo pensiero». La sua casa di Drizzona, a pochi chilometri da Piadena – metà cascina, metà convento benedettino del Seicento –, è ancora tappezzata dei disegni dei bambini di sessant´anni fa.

Con i soldi del premio Lego ha trasformato le stalle nella Casa delle Arti e del Gioco, che oggi ospita seminari e laboratori per gli educatori. Ritratti colorati e storti, facce viola e case trasparenti, perché «i disegni dei bambini non sono mai sbagliati ma sempre rivelatori di universi intimi». Ecco il profumo del fiore disegnato da Cosetta, la sua primogenita, e l´arcobaleno dipinto da Rossella, la seconda figlia che non lo lascia mai. Lui cammina incerto nelle gambe, sorretto dalla moglie Fiorella, che qualche volta gli presta le parole. E al maestro di oggi cosa suggerirebbe? «Possedere un cuore, che è un motore potente. E poi attaccarsi al bambino, seguirlo con dedizione, riuscire a scrutarne i talenti nascosti. Senza mai dimenticare che il compito della scuola è trasformare un gregge passivo in un popolo di cittadini pensanti». No, non si arrende Mario Lodi. Ma nel giorno della festa, per favore, fate silenzio.

Guardate fuori dalla finestra, insieme al maestro, ma in silenzio

 

Questo articolo l'ho letto nel blog Rob&ide , la rete di scuole di cui facciamo parte anche noi.

Permalink
Permalink 19:49:41, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

Il compleanno di Mario Lodi

 
Il compleanno di Mario Lodi
 
Un maestro
tu sei stato
e tante cose
hai insegnato
 
Con i tuoi libri
continui a dimostrare
che la natura
dobbiamo rispettare
 
Ancora oggi
riesci a raccontare
tante storie
che ti fanno emozionare.
 
Il premio dell' UNICEF
sei riuscito a conquistare
con i tuoi libri
che fanno sognare.
 
Festeggia i tuoi novant' anni
con allegria
e non perdere mai
la tua fantasia.
 
 
Con affetto, i bambini e le bambine, insieme a m.stra Tiziana,
classe quarta di Caniga

Permalink
Permalink 19:46:13, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

La scuola che vorrei, la quarta per Mario Lodi

 

 

ps. c'è un errore di digitazione; la classe è la quarta, non la terza

Permalink

15.02.12

Permalink 21:02:59, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

Caro Mario Lodi

 

Caro Mario Lodi,

noi siamo i bambini della classe terza di Caniga.

Noi, insieme alla maestra, stiamo leggendo il tuo libro intitolato Cipì.

Ci sta piacendo molto perchè Cipì è molto divertente.

Leggendo le tue pagine proviamo tante emozioni e sviluppiamo la nostra fantasia.

Noi vorremmo sapere perchè ti piace tanto scrivere sulla natura.

Tanti auguri di buon compleanno e mi raccomando continua a scrivere i tuoi bei libri sulla natura. Noi li leggeremo sicuramente.

Con affetto,

i bambini e le bambine insieme a m.stra Tiziana,

classe terza di Caniga

Permalink
Permalink 21:02:36, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

Descrizione di Cipì, compleanno di Mario Lodi

 

Cipì è un passerotto che vive in un nido sotto la tegola di un palazzo. Sua madre ha deciso di chiamarlo così perchè quando è nato faceva cipì invece che cip come i suoi fratelli.

Cipì è piccolo e senza piume perchè è appena nato.

Lui sbatte le alucce e si gira da una parte all' altra perchè crede che il nido sia troppo stretto per lui.

Lui è simpatico, birichino, testardo e fa arrabbiare i genitori perchè è disobbediente.

Lui è coraggioso, curioso, fa tante domande e vuole esplorare il mondo.

Un giorno, saltando da una parte all'altra di un camino, cade in un buco nero e rimane prigioniero in una casa.

Lì viene inseguito e maltrattato e riesce a scappare solo con l'aiuto di Mami, sua madre.

 

 

E i versini che Enrico ha ideato per Cipì

Cipì

Son nati son nati

son dolci e carini,

sono un amore di tre uccellini.

Due fan Cip e un altro Cipì

la mamma sospira: - E' fatto così! -

Lui è coraggioso e

pure curioso.

E' un po' testone

si crede un maschione.

E' stato incatenato

e grazie a sua madre è fuggito,

la sua avventura ha raccontato

e i passeri lo hanno lodato.

 

I bambini e le bambine - insieme a m.stra Tiziana -  augurano uno speciale compleanno a Mario Lodi,

classe terza di Caniga

Permalink
Permalink 21:02:10, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

Buon compleanno a Mario Lodi, dalla terza

 

 

 

Tanti auguri a Mario Lodi

dai bambini e dalle bambine, insieme a m.stra Tiziana,

classe terza di Caniga

Permalink
Permalink 21:01:37, Categorie: COllaborareCOndividereCOmunicare  

La scuola che vorrei, per Mario Lodi

 

 

 

clicca sull'immagine per visionare il .PDF

 

I bambini e le bambine, insieme a m.stra Tiziana,

classe terza di Caniga

Permalink
Permalink 09:08:30, Categorie: Carnevale  

Le maestre pappagallo...;-))

 

Cosa c'entrano i pappagalli con le maestre e con il Carnevale?!!!

 C'entrano, c'entrano!

 

 

maestra Rosalba ha ideato una nuova categoria di maschere.

Grazie, maestrina!

Permalink
Permalink 08:42:06, Categorie: di posti e di vacanze  

Chiaro-scuro di neve, di Roberto Desole

 

 

 

 

da Roberto D. a tutti/e noi un' atmosfera quasi fatata

Permalink
Permalink 08:19:51, Categorie: Sulla strada e nei giardini  

Sulla neve con gli slittini:))

 

 

I bambini e le bambine con i loro genitori condividono questi bei momenti sulla neve a Caniga

Permalink

14.02.12

Permalink 21:17:46, Categorie: Geometricando  

Cardioide un po' così...e altre curve

 

 

La Quarta offre fiori (e un cuore grande...) e Daniele della Terza cuori

Permalink

13.02.12

Permalink 07:49:41, Categorie: Carnevale  

Inizi il carnevale:))

 

E quest'anno il        inizia dalla classe prima.

Che belle mascherine colorate hanno preparato i/le piccoli/e

 

 

Permalink

12.02.12

Permalink 10:11:24, Categorie: Polimini  

I duomini, terza San Donato

 

 

Di seguito tre filmati dove alcuni bambini/e della Terza illustrano i loro lavori.

Primo filmato 

Secondo filmato 

Terzo filmato 

 

I bambini e le bambine insieme a maestra Rossella salutano la classe terza di Caniga e maestra MariaGiovanna

 

 

Permalink
Permalink 10:11:21, Categorie: Polimini  

I duomini, terza Caniga

 

Nel filmatino che segue vengono presentate alcune delle attività con i duomini che hanno coinvolto i gruppi

 

 

I bambini e le bambine insieme a maestra Maria Giovanna salutano la classe terza di San Donato e maestra Rossella.

 

Permalink
Permalink 10:11:03, Categorie: Polimini  

Illusioni con i duomini

 

Un altro gioco da risolvere, quasi un' illusione con i duomini

 

 

 

Giovanni e Daniele,

terza di Caniga

 

Permalink
Permalink 10:10:25, Categorie: Polimini  

Duomini a spirale

 

Giulia ed Enrico raccontano le loro osservazioni sui duomini

 

 

 

 

Ciascuna immagine è collegata a un filmato e, cliccandoci sopra, potrete ascoltare le parole dei piccoli.

Alcune ipotesi dovranno essere maggiormente analizzate e anche riviste, ma quanto è bello sentirli raccontare.

 

Enrico e Giulia,

classe terza di Caniga

ps. il primo filmato è un po' pesante, non sono riuscita a ridurlo ulteriormente.

 

Permalink
Permalink 10:09:35, Categorie: Polimini  

Rompicapo di duomini

 

Giocando con i duomini, Daniele e Giovanni hanno ideato questo gioco e invitano i loro compagni e i nuovi amici della terza A di San Donato a risolverlo

 

 

 

Giovanni e Daniele,

classe terza di Caniga

Permalink

11.02.12

Permalink 16:52:15, Categorie: Polimini  

I Polimini: la filastrocca:))

 

Golomb siamo certi si compiacerà se gli capiterà di leggere la filastrocca inventata nella Terza A di San Donato; è strepitosa

 

 

 

I bambini e le bambine insieme a maestra Rossella

 

Permalink
Permalink 16:51:54, Categorie: Polimini  

I polimini, la storia, terza di Caniga

 

cliccando sull'immagine ascolterete la storia dei polimini.

 

 

I bambini e le bambine insieme a maestra Maria Giovanna salutano la classe terza A di San Donato e maestra Rossella.

Terza di Caniga

 

Permalink
Permalink 16:51:23, Categorie: Polimini  

I polimini: brain storming

 

Con la tecnica del  brain storming emergono idee creative

 

 

I bambini e le bambine insieme a maestra Rossella salutano la Terza di Caniga e maestra MariaGiovanna.

classe Terza A di San Donato

Permalink

10.02.12

Permalink 20:42:29, Categorie: di posti e di vacanze  

Una giornata indimenticabile

 

Una giornata da conservare nei ricordi più allegri

 

 

da Fabrizio A. - della terza - e da Stefano M. - della seconda - a tutti/e noi

Permalink
Permalink 20:35:16, Categorie: di posti e di vacanze  

Giocando sulla neve!

 

Guardate qui che cosa hanno combinato in quel di Caniga

 

 

i piccoli e i grandi condividono allegrie

Permalink
Permalink 17:10:11, Categorie: LIM  

Un'attività di geografia, dalla quarta

 

Maestro Mario illustra l'attività:

L'attività è stata condotta nel campetto della scuola.

Gli alunni, disposti in cerchio, hanno rilevato il nord magnetico con la bussola, dopo aver verificato che non ci fossero linee elettriche e oggetti di ferro nelle vicinanze.
In tal caso, la bussola avrebbe risentito delle interferenze e l'indicazione non sarebbe stata attendibile.

Utilizzando il cerchio che delimita il centrocampo come base, abbiamo tracciato i punti cardinali; ciascuno ha tracciato il punto cardinale nella posizione che occupava nel cerchio.

Io ero il SUD, come al solito ...

Quindi, abbiamo orientato tre carte geografiche: Sardegna, Italia, Europa.
Le carte venivano disposte al centro del cerchio.

Abbiamo rilevato la direzione di alcune città della Sardegna: Cagliari, Olbia, Alghero.
Lo stesso lavoro è stato esteso all'Italia (Roma, Torino, Milano), all'Europa (Parigi, Londra) e all'Africa (Egitto), visibile nella carta dell' Europa.
 
A turno abbiamo rilevato il nord magnetico, orientato correttamente la carta, indicato la posizione di città e nazioni sulla carta e nella realtà.

Uno splendido sole ha illuminato tutta l'attività.

L'attività è stata coinvolgente e, successivamente, nell'aula multimediale abbiamo misurato le distanze, espresse in Km, tra la nostra scuola e le principali città italiane ed europee utilizzando il software Google Earth.

Un filmato resoconto

 

Un altro filmato sull'esperienza


Ci siamo divertiti.

Nota del maestro:
Di proposito, ho trascurato il discorso della declinazione magnetica: non era funzionale in quel momento e avrebbe aggiunto teoria e tolto pratica.
"Abbiamo" fatto finta che nord geografico e nord magnetico coincidessero.

 

I bambini e le bambine insieme a maestro Mario,

quarta di Caniga

Permalink

09.02.12

Permalink 08:10:02, Categorie: di posti e di vacanze  

Uccelli in grande stormo, sempre a Caniga

 

La signora Simona Migaleddu, cugina di Alessandra, la mammina di Fabrizio della terza, che mi ha inviato le foto, segnala altre spettacolari evoluzioni di grandi stormi di uccelli nel cielo invernale di Caniga

 

 

Grazie Simona e grazie Mammina Alessandra per questa condivisione

Permalink

08.02.12

Permalink 18:05:04, Categorie: di posti e di vacanze  

Uccelli sopra il cielo di Caniga

 

 

Non avevo mai visto così tanti uccelli volteggiare sopra il cielo di Caniga.

Uno spettacolo, anche insolito. Da cosa dipenderà?

 

Oggi - 12 febbraio - aggiorno il post per inserire la splendida poesia che i bambini e le bambine, seguiti da m.stra Tiziana, hanno inventato su questo avvenimento.

 

 

Permalink
Permalink 08:11:21, Categorie: Curiosità scientifiche  

Solfato di rame: esperimenti dalla quinta

 

solfato di rame

 

per visionare il file .PDF cliccate sulle paroline.

I bambini e le bambine insieme a m.stra Silvana,

quinta di Caniga

 

Permalink
Permalink 08:10:19, Categorie: di posti e di vacanze  

Pupazzo di neve a Sassari

 

Un evento eccezionale la neve a Sassari, e molteplici i contributi che la descrivono

 

 

 

SASSARI con la neve,

un pupazzo-doc da m.stro Mario

Permalink

07.02.12

Permalink 08:31:08, Categorie: Sulla strada e nei giardini  

Neve e fiori

 

 

da maestra Rossella (e dal suo terrazzo) a tutti/e noi

SASSARI - 7 febbraio 2012

Permalink
Permalink 08:29:41, Categorie: Sulla strada e nei giardini  

La neve, di Roberto Desole

 

 

da Roberto a tutti/e noi

SASSARI -  febbraio 2012

Permalink

06.02.12

Permalink 19:32:40, Categorie: blog  

COMUNICAZIONE PER LE FAMIGLIE

 

Domani la scuola sarà chiusa per neve.

Ordinanza del Sindaco

 
Permalink
Permalink 19:29:07, Categorie: Sulla strada e nei giardini  

Panorama innevato dal terrazzo

 

 

da maestra Paola a tutti/e noi

SASSARI - 6 Febbraio 2012

Permalink
Permalink 14:35:03, Categorie: Sulla strada e nei giardini  

Febbraio 2012: è arrivata la neve

 

 

Sassari imbiancata!

Permalink

05.02.12

Permalink 14:16:46, Categorie: Polimini  

Attività collaborativa, classi terze

 

I bambini e le bambine della 3A di Caniga e della 3A di San Donato hanno deciso di accorciare le distanze e iniziare a conoscersi qui, nel blog della nostra scuola.

La proposta di noi insegnanti è piaciuta così tanto che tutti/e hanno voluto preparare dei disegni per gli amichetti 'virtuali'.

Attraverso queste pagine scopriranno insieme curiosità e problemi della geometria e, in particolare, si divertiranno con i Polimini, un'attività geometrica accessibile e significativa.

Il lavoro collaborativo comprenderà diverse fasi:

  • una fase di esplorazione e di risoluzione di problemi, durante la quale si analizzano i compiti e si individuano azioni;
  • una fase di esposizione dei risultati, nella quale i gruppi devono esporre, in classe e nel blog, i risultati raggiunti e le proprie riflessioni;
  • una fase metacognitiva, durante la quale si riflette su ciò che è stato appreso, sulle difficoltà incontrate e sulle strategie utilizzate per arrivare alle diverse soluzioni.

Le maestre Rossella e MariaGiovanna

 

 

 

 

 

Con semplici parole:

I bambini possono imparare gli uni dagli altri e insegnare gli uni agli altri.

Permalink

04.02.12

Permalink 18:56:53, Categorie: Natale  

Attività natalizie , da Bancali

 

Ho appena ricevuto per posta elettronica un contributo natalizio dal plesso di Bancali.

Ammirate le loro creazioni.

 

 

I bambini e le bambine insieme a m.stra Manuela,

classi prima e terza

Permalink
Permalink 11:08:43, Categorie: Curiosità scientifiche  

La combustione dei solidi, classe quinta

 

 

 

I bambini e le bambine insieme a m.stra Silvana,

quinta di Caniga

Permalink

03.02.12

Permalink 14:43:31, Categorie: abbiamo fatto  

Habitat dei dinosauri

 

Verbalizzazione dell'attività

Occorrente:

colla, forbici, scatola, cartoncino colorato, carta crespa, carta roccia e matita.

Procedimento:

Prendi la scatola e taglia una delle facce grandi.

Disegna con la matita dei dinosauri - che andranno colorati e successivamente ritagliati - su un cartoncino.

Con la tua fantasia crea un paesaggio con la carta crespa e la carta roccia.

Alla fine incolla i dinosauri.

Ed ecco la tua scatola dei dinosauri.

 

 

I bambini e le bambine insieme a maestra Anna Maria,

classe terza di Caniga

 

Permalink

02.02.12

Permalink 10:14:47, Categorie: Curiosità scientifiche  

La dilatazione dell'acqua, classe quinta

 

 

I bambini e le bambine insieme a m.stra Silvana,

quinta di Caniga

 

Permalink

01.02.12

Permalink 10:14:56, Categorie: blog  

Febbraio 2012

 

 

Febbraio

E' febbraio un monellaccio

molto allegro e un po' pagliaccio;

ride, salta, balla e impazza,

per le vie forte schiamazza;

per le piazze e per le sale

accompagna il carnevale.

Se fra i mesi suoi fratelli

ve ne sono dei più belli,

il più allegro e birichino

sempre è lui, ch'è il più piccino.

di Manfredo Vanni

Permalink
Permalink 10:01:19, Categorie: Attività  

Giochi in palestra

 

Divertimento in palestra

 

 

 

 

I bambini e le bambine insieme a m.stra Silvana si destreggiano abilmente

quinta di Caniga

Permalink

Febbraio 2012
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
<<  <   >  >>
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29        

Cerca

Altro

Syndicate questo blog

XML Che cos'?

powered by
b2evolution