Ritorna alla homepage

Archivi per: Settembre 2011

30.09.11

INIZIATIVA CANALESCUOLA

Oggi, Canalescuola, parte con una promozione sui libri sino a esaurimento scorte!!!

Per chi fosse interessato si rivolga a info@canalescuola.it

Opportunità  utile per tutti i docenti e gli alunni anche senza difficoltà specifica di apprendimento!

Permalink

07.09.11

Permalink 21:29:55, Categorie: Genitori, AVVISI, AUGURI  

INIZIAMO...

 

Carissimi, eccovi alcune info per iniziare il vs. terzo anno scolastico.

Progetto accoglienza: la scuola inizierà il 12 settembre. Per tutta la settimana ossia da lunedì 12 a venerdì 16  l'orario sarà dalle ore 8,20 alle ore 12,20 senza il servizio di pre-scuola.

Dal 19 settembre si riprenderà l'orario completo e, quindi, l'uscita avverrà alle ore 16,20.

Di seguito vi elenco quanto dovrete portare il primo giorno:

  • n°2 quadernoni a righe (classe terza!) con margine
  • n°5 quadernoni a quadretti piccoli
  • n.1 quadernone di brutta ( se avete avanzato quaderni di seconda userete quelli!)
  • copertine colorate per i quadernoni di Italiano-Storia-Matematica-Scienze_Geografia
  • compasso + squadre
  • astuccio ben fornito di tutto il necessario ( sferografica/stilografica con ricariche, matite, pennarelli, colla, forbicine, penne colorate..)
  • 1 risma di carta per fotocopie
  • x l'igiene personale Scottex + bicchiere di plastica

Non portate per il momento null'altro di quanto non richiesto.

Lunedì i genitori potranno accedere ai locali, ma per motivi personali la nuova maestra non sarà presente, avrete comunque modo di conoscerla il giorno seguente avendo il permesso di entrare alle ore 8,20.

Per il momento non ho altro da aggiungere se non augurarvi e augurarci un sereno, proficuo e divertente anno scolastico.

Un abbraccio e baci8

maestra Ale

 

 

Permalink

06.09.11

Permalink 14:46:06, Categorie: Riflessioni, Genitori, Esperienze dirette  

Il “gioco dell’isola” aiuta grandi e piccini ad ascoltarsi in modo autentico

  

Le vacanze stanno per finire o per alcuni, ahimè, sono già finite…. Ciò che più manca al ritorno a casa è la possibilità di stare insieme, ascoltarsi, condividere i momenti felici e anche, perché no, quelli tristi. Queste occasioni di confronto, come si sa, sono di straordinaria importanza, non solo per noi adulti, ma anche per i bambini, per la loro crescita emotiva e sociale. L’inizio di una nuova stagione fatta di scuola, di impegni che si susseguono a ritmi incalzanti, di orari diversi per tutti i membri della famiglia, non dovrebbe però far rinunciare a momenti di ASCOLTO AUTENTICO. E’ vero, con i ritmi intensi a cui ogni giorno dobbiamo sottostare, è difficile riuscire ad ascoltare; l’ascolto richiede tempo ed energia che ci vengono quotidianamente sottratti ma è altrettanto vero che, molte volte, ciò che dà qualità e intensità allo stare insieme non è il tempo ma il modo…... L’ascolto autentico non è solo un processo uditivo, ma è un atteggiamento che viene dal cuore dell’adulto per arrivare a quello del bambino dove sono racchiuse anche le emozioni (dolore, solitudine, tristezza, rabbia, gioia… ) . L’ascolto presuppone forte disponibilità affettiva, comprensione e vicinanza emotiva. Un modo autentico per ascoltare potrebbe essere quello di invitare il proprio bimbo a trasferirsi nella sua stanzetta o un luogo dove non sarete disturbati da niente e da nessuno, proponendogli una specie di gioco (che potremmo chiamare, a proposito anche di vacanze, “GIOCO DELL’ISOLA” ) : “dimmi tre cose belle e tre cose brutte che ti sono successe oggi”. Sarebbe meraviglioso se anche mamma e papà raccontassero cosa è successo loro in quella giornata….in questo modo si offre al proprio figlio un “modello” di mamma e papà che prova e affronta emozioni positive e negative, riuscendo così anche a trasmetterle. Questo semplice gioco potrebbe consentire al vostro bimbo di esprimere con facilità ciò che lo rende felice o infelice….sperimentando, contemporaneamente, un momento di confronto e di incontro molto speciali.

Se il vostro bimbo si sente libero di esprimersi (e non giudicato, rimproverato, consigliato…ecc.), riesce a parlare di sé, dei suoi errori, dei suoi desideri o fantasie…. Che cosa c’è, in effetti, di più gratificante di una persona per noi importante che ci vede e ci identifica per quel che siamo? Quando “sentiamo” di essere riconosciuti e apprezzati dagli altri per quello che siamo, in totale libertà, ci sentiamo forti e propositivi.

da www.cheforte.it

Permalink

Settembre 2011
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
<<  <   >  >>
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Diario di bordo della classe e ... non solo!

Questo blog... per informare, educare, diffondere cultura e comunicare. "L'apprendimento e' un processo che dipende dal contesto, dalle interazioni sociali e dalla collaborazione". Maestra Chiaretta

Cerca

Altro

Syndicate questo blog

XML Che cos'?

powered by
b2evolution